Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 22 settembre 2020 (892) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Lotte biologica, l'importanza dell'impollinazione da parte delle api
» I rischi del bullismo on line, workshop al Borromeo
» Arianna Arisi Rota, Risorgimento. Un viaggio politico e sentimentale
» I transgender nello sport tra mito e realtà
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Luca Mercalli e la crisi climatica
» Pillole di... fake news
» Walking the Line
» Scienza e bugie: il virologo Roberto Burioni al Borromeo
» Marcella Milani si racconta al Pavia Foto Festival
» Colloquio sull'Europa
» Scoprire il teatro: Carlos María Alsina a Pavia
» Salvatore Silvano Nigro e il "fantastico" Manganelli
» Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Pila di Volta
» Paolo Gentiloni, Roberto Maroni e Ferruccio de Bortoli a Pavia
» A tu per tu con Massimo Tammaro
» Mino Milani - Di stelle e di Misteri
» Conversazione Pavese
» Circolo di lettura

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Torna a Pavia il Mercatino del Ri-Uso
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» Visita gratuita ai luoghi di San Riccardo Pampuri
» Un sabato al Museo per la Storia dell'Università
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Lo sguardo di Maria
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 5367 del 6 aprile 2007 (5060) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Vaghi svaghi nella Pavia che fu
Vaghi svaghi nella Pavia che fu
Si conclude l’iniziativa Note a margine e nell’ultimo appuntamento le spigolature per i curiosi di “cose” pavesi rivolgono la loro attenzione a quelli che erano i luoghi di divertimento ai tempi dei nonni e bisnonni.
 
Vaghi svaghi nella Pavia che fu – questo il titolo dell’incontro curato da Alessandra Viola – cercherà di ricostruire una mappa dei luoghi di svago e più precisamente dei teatri in città tra Ottocento e Novecento.
 
Il quadro che emerge è quello di una città assai vivace, dove la passione per il teatro divampa precocemente: infatti, l’inaugurazione del primo teatro pubblico di Pavia nel 1773 precedette di alcuni anni l’apertura della Scala di Milano; si trattava del Teatro dei Quattro Cavalieri, oggi Fraschini.
 
Il più nobile tra i teatri pavesi perse il monopolio di unico centro per gli spettacoli in città all’inizio del XIX secolo. Correva l’anno 1815 quando il capomastro Venanzio Re convertì in teatro l’antica chiesa del convento del Senatore, già profanata nel 1799 e da lui acquistata nel 1803. Il Teatro Re aveva l’entrata verso il cortile con accesso dalla Contrada di San Giuseppe, oggi via Bossolaro, proprio come l’attuale Cinema Corallo che sorge sulla medesima area. La sua attività si protrasse fino al 1868.
 
Era l’epoca gloriosa dell’arte melodrammatica italiana, a Pavia seguita con entusiasmo dal pubblico formato, per una parte cospicua, da professori e studenti dell’Università. Questi ultimi in particolare contribuivano a rendere la vita cittadina più intensa e animata. Stando alle cronache ottocentesche il Teatro Re sembrava essere il luogo favorito per le gesta più rumorose degli studenti che spesso venivano esortati a stare un po’ più “cheti” durante gli spettacoli.
 
A metà Ottocento prese piede a Pavia la moda del teatro diurno, ovvero all’aperto, che offriva, oltre alla musica, esibizioni di acrobati, giocolieri, animali ammaestrati, finché nel 1865 sorse un teatro diurno in muratura il Guidi.
Estremamente versatile il Teatro Guidi ospitava spettacoli di vario genere, manifestazioni sportive ed eventi mondani, come vivaci veglioni di Carnevale. Nel 1920 accolse addirittura un circo equestre riscuotendo un enorme successo e grande affluenza di pubblico. L’ampia gamma di proposte e i prezzi graduati lo rendevano accessibile a tutti.
La seconda galleria era per tradizione quella occupata dagli studenti.
Attivissimo nei primi decenni del XX secolo, negli anni ‘30 incominciò a decadere, soppiantato anche dai più moderni teatri per il cinema sonoro. Chiuse i battenti nel 1935.
 
La storia dei teatri pavesi testimonia anche il passaggio dall’epoca del melodramma a quella del cinema. Il “nuovissimo spettacolo” debuttò a Pavia nel gennaio del 1897. All’inizio le proiezioni si tenevano in baracconi ambulanti, poi sorsero nuove sale dotate di proiettori fissi.
Tra le strutture in concorrenza con il Guidi e che ne decretarono la chiusura vi furono sicuramente il Cinema Teatro Kursaal Giardino e il Cinema Teatro Politeama.
La nascita del primo si deve auna società che intendeva realizzare nel cuore della città un “cinema teatro varietà, caffè concerto, grande salone per Skating”. Nel 1919 iniziarono i lavori su progetto dall’ingegner Portaluppi, a cui si deve la paternità anche delPoliteama Principe Umberto, inaugurato qualche anno più tardi, nel 1927.
Il Politeama fin dalla sua nascita ospitò per lo più proiezioni cinematografiche, specializzandosi più tardi anche in cartoni animati per bambini: questo fu il genere maggiormente proiettato insieme alle commedie fino al 1978, anno in cui il teatro venne chiuso. Dopo una lunga ristrutturazione il Politeama è stato trasformato in centro commerciale e cinema e riaperto nel 1991.
Oggi si conserva ancora il prospetto esterno con la bella pensilina in ferro battuto che reca i tondi con le lettere PPUCT, ovvero Politeama Principe Umberto Cinema Teatro.
 
 Informazioni 
Dove:Aula del Quattrocento dell’Università, piazza L. Da Vinci - Pavia
Quando: sabato 14 aprile 2007, ore 16.30
Per informazioni:
Coop. Progetti 0382/530150
 

Comunicato Stampa

Pavia, 06/04/2007 (5367)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool