Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 23 novembre 2019 (265) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Un capolavoro ritrovato
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» Festival di Musica Sacra
» "La nuit profonde"
» Contrasti nel Classicismo viennese
» Storia di un violino
» Fiori musicali per voce e pianoforte
» Festival del Ridotto
» I regali di Natale
» Una sola musica per Pavia e Russia
» La Vita che si Ama Tour
» Mario Biondi "Best of Soul Tour 2017"
» Edoardo Bennato al Vigevano Summer Festival
» Steve Hackett in tour a Vigevano
» Paola Turci a Estate in Castello
» Punti Critici in Concerto
» Messa di Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart
» Il Coro della Scala in duomo a Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
» Festival di Gypsy
» Up-to-Penice
» Swing and Jazz
» Note d'acqua
» River Love Festival
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Concerto di pianoforte
» Patti Smith a Pavia
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 5276 del 14 marzo 2007 (2330) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Teka-P in concerto
Teka-P in concerto
Quando li avevo ascoltati per la prima volta, quest’autunno a Belgioioso, avevo concluso il mio articolo con un “Teneteli d’occhio: secondo me sono un gruppo in via di esplosione”; e avevo avuto ragione se, nel frattempo, anche un giornale come La Repubblica è arrivato a dedicare loro un’intera pagina.
 
Venerdì tornano a Pavia i Teka-P ed è una buona occasione, per chi non li conoscesse, per andare ad ascoltarli, vederli e cominciare ad apprezzarli.
 
I Teka-P nascono nel 2000 da una idea di Andrea Rodini e Ivo Maghini (i due vocalist, bravissimi) accomunati dalla medesima passione per il dialetto milanese e la sua tradizione musicale.
Una sorta di fusione tra Van de Sfroos ed Elio e Le Storie Tese, con una originalità tutta loro nello scrivere testi, arrangiare e proporre canzoni la cui forma dialettale a volte ci si dimentica, presi dall’amalgama di una esecuzione virtuosa.
 
I quattro musicisti sono fantasiosi, precisi, usano la bravura tecnica al servizio dell’“insieme”, eseguendo su binari rock/blues e jazz canzoni in dialetto che riportano al sapore della canzone popolare (forsennata l’interpretazione di “Tichetetachetitacc”, scioglilingua dialettale musicato) e dei brani d'autore della tradizione milanese.
I due vocalist sono uno più bravo dell’altro, non solo nel cantare e creare armonie vocali, ma anche nel “tenere il palco”, con una presenza scenica degna di essere definita “teatrale”.
 
La scelta del dialetto è per i Teka-P una esigenza stilistica e assolutamente non ideologica e le loro versioni della storica “Ma Mì” e “La Busa Nova” (di Valter Valdi) sono veramente belle e tutt’altro che scontate.
 
 Informazioni 
Dove: c/o Spaziomusica, via Faruffini, 5 - Pavia
Quando: venerdì 16 marzo 2007
 

Furio Sollazzi

Pavia, 14/03/2007 (5276)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool