Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 30 novembre 2020 (365) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Incontro con Roberta Preda
» Preghiera semplice d’un fiulin vegg
» Oltrepoesia
» Kairnac ‘07
» Un dì 'd marcà
» La Poesia venne a cercarmi
» I Pruèrbi dal Gipunàt
» Primavera
» Dì d'inverän
» La scüdela 'd lègn dal nonu
» Gh'er' una volta
» Pavia a culur
» Tramont Paves
» Gli amici dei poeti

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Carnevale al Museo della Storia
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Squali, predatori perfetti"
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» La Storia organaria di Pavia
» Postazione 23
» Il "Duchetto" di Pavia
» Libri al Fraccaro
» La cospirazione dei tarli
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 5272 del 13 marzo 2007 (6415) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Serata Mehr
Mariella Mehr a Mantova nel settembre 2006, in una foto di Giovanni Giovannetti
Mio angelo di cenere,
Ancora poco fa s’aggirava affamato
tra le crepe delle ore,
sofferenza senza pari
nello sguardo che invecchia.
 
Ora la notte lo ha redento
(esposto, forse, nel canestro)
come un giovane granello di neve
o un uccello tra i capelli
dell’estraniato.
 
Cosa ne so io
delle ombre in volo, quelle plumbee,
delle voragini consolatorie
in cui portano la putredine degli stormi?
 
Cosa ne so del mio giorno,
quando prende il largo
senza giornale di bordo?
 
Quella sopra riportata è una poesia di Mariella Mehr, la più grande poetessa zingara vivente.
 
Miriella Merh, nata da una famiglia rom (appartenente alla stirpe dei “Jenisch”, popolo zingaro molto diffuso in Svizzera e in Germania) alla quale è stata presto strappata, è scrittrice, autrice di romanzi, opere per il teatro e poesie.
Alle sue origini, e al difficile e travagliato passato, si deve il tema, ricorrente nei suoi scritti, della lotta alla discriminazione, al razzismo e all’intolleranza, affrontato con uno stile incisivo, a volte violento ed estremo, che arriva dritto alle coscienze dei lettori.
 
In occasione della Giornata mondiale della poesia, il neo-nato Circolo Pasolini di Pavia – con la collaborazione della sede locale della Confederazione Generale Italiana del Lavoro, ed il sostegno del Teatro Fraschini, del Comune e della Provincia di Pavia, del Centro Culturale Svizzero di Milano, delle Edizioni Effigie – per i cui tipi la scrittrice ha pubblicato i romanzi “Labambina” e “Notizie dall’esilio” –, delle associazioni Fuori Luogo e RadioAut, di Line e Auser – ha organizzato “Serata Mehr”, appuntamento di poesia e musica dedicato a questa autrice.
 
L’iniziativa, ospitata lunedì prossimo dal civico teatro, vedrà Mariella Mehr dialogare con Irene Campari e Anna Ruchat. Cittadini e amici – in particolare: Luigina Albergati, Valentina Ardenghi, Letizia Berhani, Daniela Bonanni, Silvana Borutti, Antonietta Bottini, Ambra Bozzi, Renata Crotti, Alessandra Fuccillo, Marisa Maggi, Mariolina Moioli, Cristina Niutta, Marilena Sala, Carmen Silva, Francesca Vaccina, Anna Maria Vaduva e Ilana Vaduva – leggeranno poi le sue poesie, mentre a cantarle sarà il Fabio Turchetti Trio.
 
 
 Informazioni 
Dove: Teatro Fraschini, Strada Nuova, 138 - Pavia
Quando: lunedì 19 marzo 2007, ore 20.30
Ingresso: libero
 
 
Pavia, 13/03/2007 (5272)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool