Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 19 ottobre 2019 (219) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Un capolavoro ritrovato
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» Festival di Musica Sacra
» "La nuit profonde"
» Contrasti nel Classicismo viennese
» Storia di un violino
» Fiori musicali per voce e pianoforte
» Festival del Ridotto
» I regali di Natale
» Una sola musica per Pavia e Russia
» La Vita che si Ama Tour
» Mario Biondi "Best of Soul Tour 2017"
» Edoardo Bennato al Vigevano Summer Festival
» Steve Hackett in tour a Vigevano
» Paola Turci a Estate in Castello
» Punti Critici in Concerto
» Messa di Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart
» Il Coro della Scala in duomo a Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
» Festival di Gypsy
» Up-to-Penice
» Swing and Jazz
» Note d'acqua
» River Love Festival
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Concerto di pianoforte
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Sacher Quartet, In viaggio con i Cetra
» Un capolavoro ritrovato
» Sentieri selvaggi, musica d'oggi al Borromeo
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 5249 del 7 marzo 2007 (2955) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Tambognola Sconnection
Tambognola Sconnection
Sabato prossimo, a Pavia si terrà il concerto di presentazione di una nuova band: la Tambognola Sconnection.
 
Nata quasi per caso, durante un’esibizione nella rassegna MalaikAkustika, questa formazione si presenta come una sorta di supergruppo riunendo quattro musicisti di diversa estrazione, accomunati dall’amore per il Blues delle radici.

Il funambolico vocalist Sergio “Tamboo” Tamburelli, leader di numerosissime formazioni che, nell’arco degli anni, hanno annoverato i più bei nomi della musica pavese (e non); Maurizio “Gnola” Glielmo (uno dei bluesman italiani più apprezzati in Italia e all’estero), che da anni rappresenta la punta di diamante del Blues lombardo; Ivano Grasselli (polistrumentista, proveniente dalle file dei Long Horns e dei Macadam) e Furio Sollazzi (scusate se parlo di me in terza persona, ma è l’unico modo in cui posso farlo), decano dei batteristi pavesi (Numi, Dalla, Blues Anytime, Back To The Beatles), musicista, scrittore, musicologo, memoria-storica del rock pavese e lombardo, organizzatore di concerti, rassegne e festival.
 
Uno strano miscuglio di Roots Blues, Country, Swing, il tutto presentato in modalità essenzialmente acustica, ineccepibile dal punto di vista dell’esecuzione, ma scanzonato nel non prendersi troppo sul serio, donando una lievità formale ad un genere storicamente “serioso”.
 
Il nome della band, a lungo pensato per riunire i nomi dei due leader, dopo vari bicchieri di vino è sfociato in questa forma ermetica che associa un nome che sembra quello di un misterioso piatto paesano ad un termine anglofono che si presta a varie interpretazioni.
 
Con questo primo concerto “ufficiale” prende il via una piccola tournè che vedrà il gruppo esibirsi in vari locali della Lombardia (e dintorni) e che prevede (saltuariamente) ospiti a sorpresa.
 
 Informazioni 
Dove: c/o Spaziomusica, via Faruffini, 5 - Pavia
Quando: sabato 10 marzo 2007
 

Furio Sollazzi

Pavia, 07/03/2007 (5249)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool