Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 15 novembre 2019 (200) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Il ventennale dell'Ordo Clavis
» L'è s-ciupà ammò
» Numero Unico degli Studenti Universitari Pavesi 2002
» Marcondiro
» Papiro, non solo carta

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Lectio magistralis di Vittorio Sgarbi
» Scienziati in prova
» Notte dei Ricercatori - Settimana della Scienza
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Porte Aperte
» Giornata del Laureato
» Bloomsday
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Pila di Volta
» Paolo Gentiloni, Roberto Maroni e Ferruccio de Bortoli a Pavia
» Viaggio nel lato oscuro dell'universo
» Scienziati in Prova
» SHARPER: il volto umano della ricerca
» Fiera delle Organizzazioni Non Governative e della Società Civile
» Giornata del Laureato
 
Pagina inziale » Università » Articolo n. 522 del 14 febbraio 2001 (5130) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Il cappello da Goliardo
Il cappello da Goliardo

Pavia patria della goliardia. Inizia qui il nostro viaggio nella storia della goliardia, un percorso che ci guiderà tra aneddoti e leggende, realtà e sogni degli studenti di ieri e oggi. Merita un breve accenno l'origine della parola "goliardo". Le radici di questo inflazionato termine risalgono all'antico francese goliard, trasposizione dal latino medievale goliardus, poche lettere per intendere l'unione del gigante Golias (e anche denominazione del diavolo) e di gula, la nostra gola.

Sacro e profano si incontrano sulla strada del termine "goliardi": i clerici vagantes del dodicesimo secolo iniziano a essere identificati come goliardi. Quegli uomini di chiesa e di scuola, chierici e monaci, che vagavano dove maggiore era il richiamo della cultura non erano soltanto attirati dalla sete di cultura, ma erano anche affamati di libertà, divertimento, lucro e spensieratezza.

Poesie e canti fioriscono rigogliosi in questo ambiente ricco di "stimoli" e addirittura gli scherzosi goliardi arrivano al punto di scrivere le regole del loro particolare ordine.

Vino, giovinezza, amore, critica alla società: quattro temi che caratterizzano la poesia goliardica come quattro assi vincenti. Persino i riti liturgici non sono risparmiati. Sbeffeggi e ironia si sprecano con generosità e si arriva alla parodia dei riti sacri.

La stessa feluca, il noto cappello di re, principi e vassalli goliardi ha un'origine importante. Il berretto ricorda una moda medievale e ogni facoltà ha un colore. Tra la feluca pavese e quella pisana però esiste una differenza sostanziale: Pavia vanta un prominente "becco"rispetto al berretto "mozzato" dei toscani.

Secondo la tradizione, gli studenti pisani, in occasione della battaglia di Curtatone e Montanara, tagliarono il becco per sparare più facilmente.

 
 Informazioni 
 

Paola Ciandrini

Pavia, 14/02/2001 (522)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool