Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 22 ottobre 2019 (328) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» I transgender nello sport tra mito e realtà
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Luca Mercalli e la crisi climatica
» Walking the Line
» Pillole di... fake news
» Scienza e bugie: il virologo Roberto Burioni al Borromeo
» Marcella Milani si racconta al Pavia Foto Festival
» Colloquio sull'Europa
» Scoprire il teatro: Carlos María Alsina a Pavia
» Salvatore Silvano Nigro e il "fantastico" Manganelli
» Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Pila di Volta
» Paolo Gentiloni, Roberto Maroni e Ferruccio de Bortoli a Pavia
» A tu per tu con Massimo Tammaro
» Mino Milani - Di stelle e di Misteri
» Conversazione Pavese
» Circolo di lettura
» Gek Tessaro e il suo Pinocchio
» Alda Merini la poetessa dei Navigli
» Nicola Attadio racconta Nellie Bly

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Scienziati in prova
» Notte dei Ricercatori - Settimana della Scienza
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Porte Aperte
» Giornata del Laureato
» Bloomsday
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Pila di Volta
» Paolo Gentiloni, Roberto Maroni e Ferruccio de Bortoli a Pavia
» Viaggio nel lato oscuro dell'universo
» Scienziati in Prova
» SHARPER: il volto umano della ricerca
» Fiera delle Organizzazioni Non Governative e della Società Civile
» Giornata del Laureato
» Letizia Moratti ospite al Nuovo
 
Pagina inziale » Università » Articolo n. 5188 del 21 febbraio 2007 (1546) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Arriva Ammaniti
La copertina del libro 'Come Dio comanda'
Un padre un figlio. Una banda di poveri mascalzoni. La nostra provincia sola e malinconica. Ho scritto e riscritto smaniando, come un malato di enfisema, ho amputato, come un malato di cancrena un sacco di arti di questa creatura che stava diventando un millepiedi. Adesso sono contento e spero lo sarete anche voi”. Firmato: Nic, alias Niccolò Ammaniti, che così annuncia l’uscita del suo ultimo libro sul sito del “Fang Club”, il forum dei suoi fan, o, per richiamare il titolo di una sua famosa raccolta di racconti, “gente del suo fango”.
 
Si dice che l’abbozzo della sua tesi (in Scienze biologiche) si sia trasformato nel fortunato primo romanzo “Branchie!”, pubblicato nel 1994 e riedito nel ‘97 per Stile Libero, neonata collana einaudiana che ha lanciato l’etichetta di scrittori “cannibali” (recuperando il titolo di una delle più note riviste del ‘77, Cannibale, di Andrea Pazienza).
 
Due anni dopo, la trasposizione cinematografica del libro. E non è questo il solo caso di passaggio dei suoi scritti al mondo del cinema: dallo splendido racconto lungo “L’ultimo capodanno dell’umanità” è stato ricavato il film diretto da Marco Risi; ma sicuramente il titolo che più è rimasto consegnato alla memoria è “Io non ho paura” (2001), romanzo adattato per il grande schermo con la regia di Salvatores (anche se forse non tutti sanno che è nato da una decina di pagine scritte come soggetto per un film!): Premio Viareggio e pubblicazione in 38 lingue (!) per il libro, tre Nastri d’Argento e il David di Donatello per il film (2003).
 
Del 1999 è il fortunato romanzo di formazione “Ti prendo e ti porto via” (1999). Tra parole e immagini, Ammaniti si dedica al fumetto con “Fa un po’ male” (2004); partecipa poi a una global novel, un romanzo collettivo internazionale (tra gli autori anche Faber e Skármeta) – titolo: “Il mio nome è nessuno” (2005).
 
E ora, con “Come Dio comanda” (Mondadori, 2006), Ammaniti, forse più “nevroromantico” che cannibale, torna al rapporto padre/figlio - tema già affrontato anche in forma di saggio con “Nel nome del figlio” (1995), firmato con il padre Massimo, docente di Psicopatologia a Roma. Ma non solo padre (e Padre?) e figlio: in questo romanzo di oggetti e non-luoghi si muovono un gruppo di personaggi di un “mondo-presepe” impazzito, in cui tutto accade nello spazio di una notte da “ultimo capodanno dell’umanità”.
 
Lo scrittore presenterà il suo ultimo romanzo lunedì sera, al Collegio Nuovo di Pavia, nel corso dell’incontro pubblico condotto da Anna Modena, ricercatrice della facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Pavia.
 
 Informazioni 
Dove: Collegio Nuovo, via Abbiategrasso, 404 - Pavia
Quando: lunedì 26 febbraio 2007, alle ore 21.00
Per informazioni
Tel.: 0382/547337 (Relazioni esterne del collegio)
 

Comunicato Stampa

Pavia, 21/02/2007 (5188)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool