Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 22 settembre 2019 (291) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Il romanzo di Baslot
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Prima che le foglie cadano
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» La bellezza della scienza
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 5174 del 16 febbraio 2007 (1790) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Pedretti e il sentimento della natura
Particolare dell'opera 'Paludoso
Riprende la programmazione della galleria Gamma di Pavia con una mostra personale, curata da Artsinergy, che ripercorre gli ultimi anni creativi di uno dei più importanti paesaggisti viventi.

La carriera di Antonio Pedretti sta toccando adesso un punto di alta maturità scaturita da una carriera improntata a un sentimento molto alto della dignità e severità del lavoro artistico in sé: al centro degli interessi dell’artista si trova la coincidenza di un amore assoluto verso la natura con un amore altrettanto assoluto, ma espresso con la più austera riservatezza e discrezione, verso l’essenzialità della vita percepita nella dimensione dell’infinitesimale e dell’infinito insieme.

Dai tempi dell’Impressionismo, l’arte che si è data intenzionalmente come moderna lo ha manifestato principalmente come visione emotiva della natura. Con la modernità romantica non conta più riprodurre la natura così come appare, secondo il vecchio principio della mimesis, ma come la si interpreta.

Dopo il Futurismo e “Novecento”, dopo la rivoluzione iconoclasta e il rappel a un nuovo stile classico, il ritorno al sentimento della natura si riafferma con tutta la sua forza tra i pittori lombardi attraverso il Chiarismo di Del Bon, Lilloni, Spilimbergo, De Rocchi; e ancora nel Dopoguerra, il “naturalismo” di Morlotti e di Chighine riesce a proseguire nel modo più efficace, conducendo gli iniziali presupposti espressionisti nei termini di un aggiornatissimo eloquio informale.

Artista lombardo di successo, Antonio Pedretti è figlio consapevole e rispettoso di questa genealogia artistica, di questa formidabile tradizione lombarda verso un modernismo ancora bisognoso di confrontarsi con la natura. Il maestro ha però intrapreso da anni un percorso originalissimo e di esemplare linearità. La sua pittura vuole rileggere la natura in termini nuovi. Il rapporto con il mondo esterno, con la natura, analizzato in tutti i suoi aspetti e nelle sue quotidiane metamorfosi, rivela i sentimenti del pittore, mai estraneo alle atmosfere ma immerso nelle stesse, attento osservatore di un paesaggio talora penetrato da luci folgoranti che animano acque e arbusti, altre volte avvolto dal grigiore di stagnanti paludi.

La natura dei nostri tempi ha acquisito una sua autonomia, una sua logica che non è più strumentale ai nostri bisogni e che proprio per questo motivo si è fatta sfuggente agli uomini, imprevedibile. La palude, luogo di malattia, di pericolo, di dolore, rispecchia una condizione intellettuale assai diffusa nella contemporaneità, la stagnazione: uno stato equidistante dalla soddisfazione e dall’insoddisfazione che ci sconcerta, non ci da più certezze e sorprendentemente non ci provoca particolari frustrazioni.

Pedretti si impegna a interrogare la natura e attraverso essa il proprio vissuto e la propria memoria; elabora le sue intime emozioni nelle bellissime trame dei suoi dipinti dove si evidenziano ai massimi livelli uno stile impeccabile e una superba tecnica. Le tinte sfumano l’una nell’altra; le linee divengono indistinte, sfuggenti, cancellando i confini tra cielo e acqua, terra e canneti. La pittura procede per sottrazioni successive. La materia, si corrode; si secca lasciando trasparire il supporto.

Antonio Pedretti è una vera “sentinelladel sentimento della natura, guardiano dello spirito del mondo, sacerdote di quella laica religione che è stata una volta di Turner, Constable, Friedrich, Monet, Van Gogh, Gauguin, Cézanne.
 
 Informazioni 
Dove: c/o galleria Gamma, via Filippo Cossa, 26 - Pavia
Quando: dal 22 febbraio (vernissage ore 18.30) al 22 marzo 2007. Orari della galleria: su appuntamento
Per informazioni:
Tel.: 0382/35852
 

Comunicato Stampa

Pavia, 16/02/2007 (5174)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool