Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 26 ottobre 2020 (205) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Il Mio Film. III edizione
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Incontro al Caffè Teatro
» Carnevale al Museo della Storia
» Nel nome del Dio Web
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» La Principessa Capriccio
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» Francesca Dego in concerto
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Gran Consiglio (Mussolini)
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Christian Meyer Show
» La Storia organaria di Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Apre in Varzi Bottega Oltrepò
» BirrArt 2019
» Birrifici in Borgo
» Musei divini
» "Dilecta Papia, civitas imperialis"
» Cioccovillage
» Birre Vive sotto la Torre Chrismas Edition
» Il buon cibo parla sano
» Zuppa alla Pavese 2.0
» Autunno Pavese: tante novità
» 18^ edizione Salami d’Autore
» Sagra della cipolla bionda
» Sagra della ciliegia
» Pop al top - terza tappa
» Birre Vive Sotto la Torre
 
Pagina inziale » Tavola » Articolo n. 5112 del 30 gennaio 2007 (2926) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Cena d’autore
Copertina del libro
Quest’anno per onorare Re Carnevale, il re del martedì “Grasso”, abbiamo deciso di scomodare alcuni ospiti particolari che per accettare l’invito ci hanno imposto di sottoscrivere un patto a cui non possiamo dire di no. L’accordo prevede il “nutrimento del corpo e della mente”; più precisamente, ogni ospite desidera che una delle portate sia stata descritta o presentata in uno dei suoi libri…. E si, perché gli invitati sono grandi autori della letteratura italiana ed internazionale.
 
Il primo degli invitati, Manuel Vasquez Montalban, ci propone l’aperitivo dopo averlo concordato con Ernest Hemingway. I due hanno pensato bene di abbinare il “Pane e pomodoro” , la nostra bruschetta, tanto amato dall’investigatore Pepe Carvalho (Le ricette di Pepe Carvalho, Feltrinelli) al “Mojito” cubano, croce e delizia dell’americano (Romanzi, Meridiani Mondadori).
 
Dopo quattro chiacchiere in piedi, ci possiamo accomodare a tavola e, seguendo il suggerimento di Natalia Ginzburg, una delle tre donne invitate, ci apprestiamo ad assaporare il “Soufflè di spinaci”, l’antipasto che fece fidanzare Tommasino con la bella Raffaella (Le voci della sera, Einaudi).
Finalmente siamo pronti a rendere “principesco” il nostro banchetto di carnevale, così come quello descritto da Tomasi di Lampedusa e fortemente voluto dal suo Principe di Salina: quello che era un piatto della necessità, “Il timballo”, diventa espressione della magnificenza dei cibi poveri che riescono a conquistare i palati più fini (Il Gattopardo, Feltrinelli).
 
E siamo arrivati al secondo; la signora Blixen sceglie un alimento sicuramente povero che ha saputo risvegliare lo spirito di convivialità delle due sorelle di Berlevag. Certo la nostra ha affidato la preparazione alla grande cuoca del “Cafè anglais” di Parigi. Chissà se anche noi saremo così bravi a rendere speciali le “Quaglie in sarcofage” così come ci è riuscita Babette, facendone esaltare sapori e profumi? (Il pranzo di Babette, inCapricci del destino, Feltrinelli).
Per accompagnare un piatto così particolare serve della “poesia” e in questo ci aiuta Pierre de Ronsard, con la semplicità della sua “pratolina” e della sua “pimpinella”, quella “Salade” di campo che cura il corpo e lo spirito dagli affanni (La salade in Opere complete, Ed. Aragno).
 
Il vino come sempre è l’immagine dell’allegria e questa, spesso, viene rappresentata nelle piéces teatrali. Mirandolina per conquistare il Marchese di Ripafratta usa un buon bicchiere di Borgogna, ma noi decidiamo di non invitare Goldoni e di rallegrarci con i nostri vini d’Oltrepò (La locandiera, BUR).
 
Alcuni invitati avrebbero voluto concludere la cena con un ottimo panettone lombardo, ma Collodi, ricordandosi di aver fatto mangiare anche le bucce al suo Pinocchio, ci propone di usare “Le pere che tanto erano piaciute al suo burattino (Le avventure di Pinocchio, Bompiani) ma con l’aggiunta del buon “Cioccolato” alla maniera Maya, come sottovoce ci suggerisce la Harris (Chocolat, Garzanti).
 
Francesco Maggisano
autore del libro "Il cibo della mente"
 
 Informazioni 
Quando: martedì 20 febbraio 2007, ore 20.30
Dove: Locanda del Carmine, Piazza del Carmine, Pavia
Costo della serata: euro 35,00
Per prenotazioni : 0382/29647
 
 
Pavia, 30/01/2007 (5112)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool