Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 25 maggio 2020 (936) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Vittadini Jazz Festival 2019
» l'EX|ART Film Festival
» Maggio in musica
» Da settembre la nuova stagione del Cirro
» Da Mozart a Glenn Miller
» Nkem Favour Blues Band
» Altissima Luce
» Ultrapadum 2016
» Serenata Kv 375
» 4 Cortili in Musica
» Maggio in musica
» Con Affetto
» Mirra-Mitelli chiudono Dialoghi
» La Risonanza a Pavia Barocca
» Dialoghi: Guidi-Maniscalco
» Sguardi Puri
» Le piratesse della Jugar aprono Piccoli Argini
» Il cinema è servito!
» Ultrapadum agostano

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Incontro al Caffè Teatro
» Nel nome del Dio Web
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» Gran Consiglio (Mussolini)
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 5093 del 24 gennaio 2007 (1583) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Debutto per Ricordare...
Debutto per Ricordare...
 “Argini Teatro Festival”, la prima rassegna teatrale organizzata dall’Associazione  In Scena Veritas, debutta domenica proprio con due spettacoli “made ISV”: “Stelle erranti” nel pomeriggio e “Fratello Caro”, in serata, entrambi dedicati a commemorare la Giornata della Memoria.
 
Fratello Caro, per la regia di Luca Ramella,  mette in scena due storie parallele creando una miscela di fredde ambientazioni reali e atmosfere surreali che si susseguono ad un ritmo vertiginoso. La presenza dei due attori continuamente in scena da la sensazione che tutta la vicenda stia realmente accadendo. Questa struttura drammaturgica lascia poco tempo allo spettatore per riflettere, ma lo investe di emozioni che lo accompagnano sino alla fine del dramma dove prenderà coscienza delle reali sofferenze della vicenda.
 
E’ la storia di due fratelli che vedono il loro destino cambiare all'improvviso, in un lampo. Un viaggio che inizia nella loro città, Varsavia, 1939. Un viaggio che prosegue con la separazione e la divisione: uno parte per Auschwitz, l'altro rimane nella città, ormai trasformata in un ghetto.
 
Una tragica avventura, che, attraverso testimonianze, racconti, immagini, ricordi, ci porta da un personaggio all'altro, aiutandoci a capire che cosa significava, a quel tempo, essere ebrei. La vicenda ironica di un fratello e della sua radio, la vicenda disperata di un altro fratello e della sua lotta per sopravvivere, accomunate da un unico triste destino.
 
Anche “Stelle erranti”, con la regia di Alessandro Chieregato, affronta il dramma della Shoa.
Lo spettacolo – che sarà in scena anche a Motoperpetuo, sabato 27 - è stato rielaborato a partire da un montaggio di testi, quali i “Diari e lettere” di Etty Hillesum, “Lasciami andare madre” di Olga Schnider, ”I bambini di Terezin” di Mario De Micheli,e di testimonianze di deportate ebree.
 
 
 Informazioni 
Quando: domenica 28 gennaio, ore 16.30 e 21.30
Dove: Spazio ISV – Via Einaudi, 23 – Frazione Rotta di Travacò Siccomario
Ingresso: gratuito
 

La Redazione

Pavia, 24/01/2007 (5093)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool