Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 3 luglio 2020 (945) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Ciao Franco
» In ricordo di una amica
» Ciao "Lulu"
» Vito Pallavicini: è volato nel suo “Azzurro”
» E’ mancato Sergio Bardotti
» Sogni e Tradimenti
» Chemical Blend
» Francesco Garolfi :The Blues I Feel
» Addio Gene Pitney
» Mortara ed il suo teatro
» Vigevano ed il Cagnoni!

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 5040 del 12 gennaio 2007 (2438) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Marco Zappa: InGiroUnaVita
Marco Zappa: InGiroUnaVita
La seconda recensione della serie musicisti/amici è quella dedicata a Marco Zappa.
 
Lo conosco da anni come beatlesiano (numerose e applauditissime le sue apparizioni ai vari Beatles Day) ma solo ora l’ho scoperto come songwriter…e ne sono rimasto sorpreso.
 
Marco Zappa, nato nel1949 a Locarno, ha iniziato la sua avventura musicale negli anni 60, con la Beat-Generation. Si è interessato subito alla musica dei Beatles, ma anche al blues ed alla musica rock’n Roll, in voga in quegli anni ed ha iniziato ben presto a studiare la chitarra classica. Con le sue diverse formazioni è stato invitato ai più prestigiosi Festival svizzeri ed ha tenuto numerose tournées all’estero sia in Europa che negli Stati Uniti.
Da tutte queste esperienze e dalla collaborazione costante con molti musicisti, provenienti da aree musicali diverse (Renata Stavrakakis, Claudio Strebel, Jannis Papantoniou, Pippo Pollina, Roman Orzinski, Marco Marchi e anche i figli Daria al violino e alla voce e Mattia al violoncello e alla voce) si è creato un proprio stile inconfondibile e personale.
La sua produzione discografica è molto ricca e comprende più di 25 CD, apparsi regolarmente ogni 2-3 anni ed accompagnati sempre da lunghe tournée concertistiche.
 
Questo nuovo “InGiroUnaVita” (che mi è stato dato in anteprima. Il disco è stato presentato in questi giorni in Svizzera e poi in Italia) rivela l’amore e l’entusiasmo per un nuovo strumento scoperto di recente: il bouzouki (di origine greca) e la sua musica, già trasversale ai generi e alle etnie, si arricchisce di nuovi colori.
Quando dico che è trasversalmente etnico, rivelo la mia sorpresa (piacevole) nel notare la commistione di lingue (italiano, francese, tedesco, dialetto….) che Marco usa nel creare i testi delle sue canzoni. Il risultato è un’apolide sensazione di appartenenza globale.
 
Le parti strumentali sono prevalentemente acustiche, ineccepibili e sapientemente arrangiate, così che un prodotto di alta levatura tecnica risulta godibilissimo e piacevolmente scorrevole anche ad un ascoltatore occasionale.
 
E’ un bel disco, originale e scorrevole, e meriterebbe di essere conosciuto anche in Italia.
 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 12/01/2007 (5040)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool