Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 23 luglio 2019 (389) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Un capolavoro ritrovato
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» Festival di Musica Sacra
» "La nuit profonde"
» Contrasti nel Classicismo viennese
» Storia di un violino
» Fiori musicali per voce e pianoforte
» Festival del Ridotto
» I regali di Natale
» Una sola musica per Pavia e Russia
» La Vita che si Ama Tour
» Mario Biondi "Best of Soul Tour 2017"
» Edoardo Bennato al Vigevano Summer Festival
» Steve Hackett in tour a Vigevano
» Paola Turci a Estate in Castello
» Punti Critici in Concerto
» Messa di Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart
» Il Coro della Scala in duomo a Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Festival di Gypsy
» Up-to-Penice
» Swing and Jazz
» Note d'acqua
» River Love Festival
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Concerto di pianoforte
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Sacher Quartet, In viaggio con i Cetra
» Un capolavoro ritrovato
» Sentieri selvaggi, musica d'oggi al Borromeo
» Festival di Musica Sacra
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» Open Day al Vittadini
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 4995 del 15 dicembre 2006 (1890) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
MalaikAcustika continua...
MalaikAcustika continua...
Continua la rassegna MalaikAkustica, in cui, in maniera prevalentemente acustica, i musicisti sono costretti a riproporre il loro abituale repertorio in un modo nuovo, essenziale, senza tanti fronzoli e aiuti elettronici. Una specie di ritorno alle origini, alle radici della musica che si suona.
 
Giovedì scorso (14 dicembre) c’è stato il concerto di SergioTambooTamburelli e il bluesman MaurizioGnolaGlielmo, accompagnati al basso da Ivano Grasselli e alla batteria “minimale” da me (Furio Sollazzi).
 
Concerto riuscitissimo e pubblico assatanato al punto da richiedere bis, nonostante l’ora tarda.
Il Blues e lo Swing hanno preso accenti quasi country, nelle esecuzioni costrette con strumenti puri e il fattore ritmico è stato determinante così come la mancanza della possibilità di tenere “note lunghe” ha costretto Gnola ad un superlavoro chitarristico.
 
Ancora una volta i musicisti sono stati concordi con me nel dichiarare che situazioni estreme come queste stimolano sicuramente l’inventiva e costringono a modificare i propri standard di suono.
Il prossimo appuntamento sarà anticipato al prossimo giovedì sera, per la coicidenza con le Feste natalizia e sarà con Boris Savoldelli.
 
Boris SavoldelliBoris Savoldelli, vocalist bresciano (ma pavese di adozione), proviene dalla scuola di Mark Murphy con cui studia e collabora attivamente in Italia e negli Stati Uniti, si è impegnato per diversi anni nello studio del canto lirico con la cantante Simona Marcello, ha partecipato in seguito ad alcuni seminari di perfezionamento con insegnanti del calibro di Elizabeth Sabine (vocal teacher di Michael Bolton e Axl Rose) e Jeffrey Allen (apprezzato vocal-trainer di Los Angeles).
Negli ultimi anni si è occupato delle sperimentazioni vocali del grande Demetrio Stratos, approfondendo tecniche particolari come le diplofonie, le triplofonie, le criptomelodie e le flautofonie.
 
Nella primavera del 2000 ha trascorso un periodo di studi presso la “Universitat Fur Musik” di Graz in Austria, dove ha studiato tecniche di interpretazione ed improvvisazione jazz col suo “idolo” di sempre, Mark Murphy, e con Maurizio Nobili.
In alcuni soggiorni negli Stati Uniti ha avuto l’opportunità di esibirsi in locali storici di Hollywood e di Los Angeles in compagnia di musicisti del calibro di Steve Smith (batterista dei Journey, Steps Ahead, Stanley Clarke), Ron Anthony (chitarrista di Frank Sinatra), George Gaffney (pianista di Sarah Vaughan) ed Earl Palmer (leggendario batterista di, tra gli altri, Ray Charles, Count Basie, Tom Waits, Dizzy Gillespie, Tina Turner e James Brown).
 
Boris si presenterà accompagnato solo dalla sua voce e da un piccolo campionatore elettronico. Forse (ma dico forse) potrebbe anche comparire in alcuni brani un pianista russo, Andrej Kutov, che a volte accompagna Boris in alcune esecuzioni e mi è stato chiesto di intervenire con piccole percussioni: vedremo!
 
 Informazioni 
Dove: c/o Malaika di via Bossolaro - Pavia
Quando: giovedì 14 dicembre 2006

 

Furio Sollazzi

Pavia, 15/12/2006 (4995)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool