Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 15 novembre 2019 (326) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Un patrimonio ritrovato
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Lectio magistralis di Vittorio Sgarbi
» Scienziati in prova
» Notte dei Ricercatori - Settimana della Scienza
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Porte Aperte
» Giornata del Laureato
» Bloomsday
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Pila di Volta
» Paolo Gentiloni, Roberto Maroni e Ferruccio de Bortoli a Pavia
» Viaggio nel lato oscuro dell'universo
» Scienziati in Prova
» SHARPER: il volto umano della ricerca
» Fiera delle Organizzazioni Non Governative e della Società Civile
» Giornata del Laureato
 
Pagina inziale » Università » Articolo n. 4858 del 17 novembre 2006 (2202) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Pavia per i popoli tribali
Un rappresentante della tribù Yanomami (foto Survival)
Oggi c’è chi pensa che non potrebbe più vivere senza un computer, un cellulare, un palmare e un lettore mp3 e giudica per lo meno arretrato chi non abbia confidenza con tastiere e software. Ma c’è chi, nel mondo non vive così.
 
Inchiostro, lo storico giornale degli studenti dell’Università di Pavia,  apre una finestra sul mondo delle popolazioni tribali con l’iniziativa “Pavia per i popoli tribali”, realizzata grazie al contributo della commissione A.C.E.R.S.A.T., organo universitario che assegna i fondi alle attività culturali degli studenti.
 
I popoli tribali vivono in 60 paesi del mondo e contano, ad oggi, più di 150 milioni di persone: un numero enorme, pari a tre volte quello degli Italiani.
 
Nessuno ne parla, si pensa a loro più come un’attrazione turistica, una curiosità, una nota di folklore lontano. Ma così non è.
Portatori di conoscenze che neanche immaginiamo, custodi di una saggezza ormai persa, protettori di segreti di cui non sappiamo niente. Eppure, perseguitati, uccisi, torturati.
Allontanati dalle proprie terre, estirpati come fossero erba fastidiosa.
 
Per una settimana, a partire dal prossimo martedì, il Palazzo san Tommaso dell’Università di Pavia, ospiterà la mostra fotografica di Survival, organizzazione che dal 1969 aiuta i popoli tribali di tutto il mondo nelle loro battaglie per la conquista del posto che da millenni è loro ma che ora viene messo in discussione.
 
A conclusione della mostra, il 29 novembre (ore 21.00), si terrà una conferenza presso l’Aula del ‘400 dell’Università alle con la presidentessa di Survival-Italia, Francesca Casella.
In questa occasione verrà proiettato l’ultimo documentario girato nella riserva dei Boscimani del Kalahari, gli abitanti più antichi dell’Africa meridionale, le cui persecuzioni sono cominciate nel 1986.
 
Oggi i Boscimani sono costretti a vivere in campi di reinsediamento dove sono stati quasi tutti trasferiti, e qui lottano per fare ritorno a casa.
Il 9 dicembre 2005, Roy Sesana, leader dei Boscimani ha ricevuto il Right Livelihood Award, noto anche come "Premio Nobel Alternativo".
Durante la cerimonia di assegnazione del premio, nel suo discorso, Sesana ha affermato il diritto delle popolazioni a vivere nel mondo moderno: "Conosco tante persone che sanno leggere le parole, e molti, come me, che riescono a leggere solo la terra. Sono importanti entrambi. Noi non siamo primitivi o meno intelligenti; viviamo esattamente nel vostro stesso mondo moderno”.
 
 Informazioni 
Dove: c/o transetto del Palazzo San Tommaso Palazzo, Piazza del Lino - Pavia
Quando: dal 22 novembre al 29 novembre 2006, dalle 8.00 alle 20.00
 
 
 
Pavia, 17/11/2006 (4858)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool