Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 22 luglio 2019 (295) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Un capolavoro ritrovato
» Festival di Musica Sacra
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» "La nuit profonde"
» Contrasti nel Classicismo viennese
» Storia di un violino
» Fiori musicali per voce e pianoforte
» Festival del Ridotto
» I regali di Natale
» Una sola musica per Pavia e Russia
» La Vita che si Ama Tour
» Mario Biondi "Best of Soul Tour 2017"
» Edoardo Bennato al Vigevano Summer Festival
» Steve Hackett in tour a Vigevano
» Paola Turci a Estate in Castello
» Punti Critici in Concerto
» Messa di Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart
» Il Coro della Scala in duomo a Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Festival di Gypsy
» Up-to-Penice
» Note d'acqua
» Swing and Jazz
» River Love Festival
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Concerto di pianoforte
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Sacher Quartet, In viaggio con i Cetra
» Un capolavoro ritrovato
» Sentieri selvaggi, musica d'oggi al Borromeo
» Festival di Musica Sacra
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» Open Day al Vittadini
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 4748 del 20 ottobre 2006 (1522) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Sandro Gibellini Trio
Sandro Gibellini Trio
Sandro Gibellini, chitarrista presente negli ultimi lavori discografici di Mina, che vanta anche collaborazioni con artisti del calibro (Enrico Rava, Gianni Basso, Lee Konitz e Gerry Mulligan);  Marco Micheli, al contrabbasso e Mauro Beggio vero talento precoce della batteria, suoneranno martedì sera al Cotton di Voghera nell’ambito della nota rassegna jazz, giunta alla sua sesta edizione.
 
La carriera di Sandro Gibellini, iniziata in ambito jazzistico nel 1979 dopo gli studi frequentati al "Centro Studi Nino Donzelli" a Cremona, vanta un numero considerevole di collaborazioni con musicisti di tutto il mondo, snodandosi tra l'Europa e gli Stati Uniti.
Decisamente un jazzman, Sandro Gibellini, oggi all'apice di una carriera ricchissima di esperienze musicali, ha mostrato le proprie doti artistiche fin dalla fanciullezza. Ancora adolescente infatti, con la spregiudicatezza dell'autodidatta, si esibiva in evoluzioni chitarristiche rockettare tese a emulare i suoi idoli del tempo (Deep Purple, Jimmy Hendrix).
 
Costruita spaziando nell'ampia storia delle melodie jazz più classiche (swing, be-bop), la musica di Gibellini si è infatti sviluppata senza pregiudizi, carpendo ritmi e sonorità anche a generi abitualmente considerati distanti dal più nobile filone jazzistico come il funky, il pop o il rock. Questa notevole elasticità, fonte di arricchimento straordinario per il suo bagaglio cultural-musicale, colloca l'artista nella schiera di quei musicisti che, con il loro incessante lavoro, stanno proseguendo oggi ciò che gli innovatori appartenenti al movimento di rottura chiamato "be-bop" avevano iniziato verso la fine degli Anni Quaranta.
 
 Il "new-bop", quello che gli americani chiamano "main stream", si presenta infatti come la prosecuzione dello storico movimento sorto nell'immediato dopoguerra ed essendo caratterizzato dall'apertura nei confronti di influenze moderne, prosegue il suo cammino sempre in bilico tra conservazione e innovazione.
 
 
 Informazioni 
Quando: martedì 24 ottobre, ore 22.15
Dove: Cotton Club,  in piazza San Bovo,  Voghera
 
 
Pavia, 20/10/2006 (4748)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool