Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 6 dicembre 2019 (437) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» BirrArt 2019
» Torre in Festa
» Festival dei Diritti 2019
» Ticino EcoMarathon
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» “Barocco è il mondo” Sbarco Sulla Luna
» Non solo Cupola Arnaboldi – Pavia fa!
» Festa del Ticino 2019
» Scarpadoro di Capodanno
» Giornata del Laureato
» Africando
» Palio del Ticino
» BambInFestival 2019
» Festa del Roseto
» RisvegliAmo la Relazione: Io e l'Ambiente – II edizione
» Festa di Primavera: Mostra dei Pelargoni
» Next Vintage
» L'Università diventa una palestra
» GamePV

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» Lo sguardo di Maria
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
» Mercatino del Ri-Uso a Borgarello
» Leonardo e la Via Francigena a Pavia
» Tracce
» IT.A.CÀ
» Una chiesa-museo tra Rinascimento e Barocco
» Mercatino del Ri-Uso – Nuova Vita alle Cose
» A tu per tu con l’antico Egitto
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 4507 del 19 luglio 2006 (1951) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Musiche selvagge
Musiche selvagge
L’Oltrepò montano, terra di passaggi, incontro e confronto di culture diverse, possiede uno dei più ricchi e antichi patrimoni musicali del nord Italia. Si tratta di una risorsa fortemente legata al territorio e alla sua gente che può costituire uno straordinario volano per la promozione di questa terra e della sua cultura.
 
Dagli anni ‘70 ad oggi la musica di tradizione dell’Appennino pavese è stata oggetto di ricerche, studi e pubblicazioni. Negli ultimi anni, si sono moltiplicate in Oltrepò iniziative e manifestazioni dedicate al patrimonio musicale locale, nel tentativo di promozione della musica di tradizione dentro e fuori l’Oltrepò, e nell’estate 2005, su iniziativa del GAL Alto Oltrepò, è stato prodotto, nell’ambito di Appennino Folk festival, Musiche selvagge.
 
25 musicisti, cantori e danzatori, di diverse località oltrepadano insieme a cantanti e musicisti provenienti da altre aree dell’Italia settentrionale, hanno dato vita a Varzi a un evento-spettacolare dedicato alla cultura musicale delle Quattro province. 
Al progetto hanno partecipato: Donata Pinti (voce), Colleri u canta - Virginio Terulla, Giuseppe Tagliani, Giovanni Tagliani, Elio Bernini, Paolo Ghia, Virginio Tambussi, Giovanni Rossi, Gino Terulla (voci) - Cesare Campanini (voce, fisarmonica), Antonio Capelli (violino), Aurelio Citelli (voce, tastiere, bassetto, chitarra e direzione artistica), Marco Domenichetti (piffero, flauti, voce), Stefano Faravelli (piffero), Roberto Ferrari (piffero), Claudio Rolandi (fisarmonica), Paolo Ronzio (chitarra, autoharp, musa, mandolino, voce) e il Gruppo spontaneo Ballerini della Valle Staffora.
 
Il concerto ha proposto una significativa panoramica della tradizione musicale delle Quattro province… delle “Memorie sonore dell’Oltrepò pavese”: canti narrativi dell’area del Brallo e della Val Borbera, eseguiti in forma solistica e polifonica, antiche danze da piffero, canti e musiche rituali di nozze e stranot, melodie da ballo delle orchestrine d’archi dell’alta collina (Zavattarello, Val di Nizza), canti da cantastorie.
 
Confortati dall’esito positivo di quell’esperimento e convinti del suo carattere d’innovazione per la capacità di mettere in moto processi di integrazione territoriale, gli artisti che hanno preso parte a quella esperienza hanno manifestato la volontà di svilupparla dandogli maggiore respiro e continuità.

Per quest’anno Musiche selvagge allestirà due differenti eventi-concerto dedicati al patrimonio musicale locale, che si terranno il 22 luglio a S. Margherita Staffora e il 25 agosto a Brallo di Pregola, e produrrà un CD/booklet con la partecipazione degli “interpreti” coinvolti nel progetto.
 
I concerti, proposti in luoghi d’interesse artistico/ambientale, e dal programma calibrato su temi specifici, saranno dedicati rispettivamente al patrimonio di canti religiosi dell’alta valle Staffora, a quello della polifonia femminile, anche con esempi provenienti da aree limitrofe all’Oltrepò e al patrimonio di canti e musiche dell’area montana dell’Oltrepò pavese e di aree limitrofe, con particolare rilievo alla polifonia tipicamente maschile e monodica femminile (valle Borbera, valle Trebbia).
 
Allo scopo di offrire al pubblico e agli appassionati ulteriori elementi di conoscenza i concerti saranno preceduti, nel pomeriggio (ore 18.00), dall’incontro con i musicisti di Musiche selvagge, durante il quale suonatori e cantori terranno brevi presentazioni degli strumenti utilizzati, del programma del concerto, dei repertori esaminati, dell’ambiente di cui sono espressione e dei metodi adottati per progettare lo spettacolo. A chiudere l’incontro sarà, invece, una degustazione di prodotti locali.
 
 
 Informazioni 
L'acqua, i santi, i legni, la festa
I musicisti dell'Oltrepò pavese presentano un repertorio legato alla tradizione religiosa contadina
Quando: sabato 22 luglio 2006, ore 21.00
Dove: Santa Margherita Staffora
In caso di pioggia la manifestazione si terrà presso il Centro Polifuzionale di Casanova Destra

La terra, i riti, l'amore, la Merica
Concerto con repertorio di musica profana e narrativa sulla tradizione canora dell'Oltrepò pavese
Quando: venerdì 25 agosto 2006, ore 21.00
Dove: Brallo di Pregola
In caso di pioggia la manifestazione si terrà presso il Cinema di Brallo di Pregola
 
 
Pavia, 19/07/2006 (4507)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool