Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 24 maggio 2019 (390) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.
» Mostra illustrazioni e fumetti di LUCIOP
» Voice of the voiceless Racconti forografici di Andy Rocchelli
» Diamo i numeri
» Raoul Iacometti. Alcuni di noi
» La Torre di Babele. Libri, dipinti, disegni
» P.A.T. – Pavia Art Talent

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» Presentazione inutile
» La bellezza della scienza
» Maria Corti: una vita per la parola. Un viaggio editoriale
» Pillole di... fake news
» Walking the Line
» Scienza e bugie: il virologo Roberto Burioni al Borromeo
» Schiavocampo - Soddu
» Marcella Milani si racconta al Pavia Foto Festival
» Flower Salad, una mostra di Alice Romano
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Colloquio sull'Europa
» Severino Boezio: la filosofia tra religione e poesia
» IngannaMente...
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 4418 del 27 giugno 2006 (1649) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Futuro e Arti Antiche
Futuro e Arti Antiche
Diplomato a Brera, di lui sappiamo che vive e lavora a Mede. La sua arte nasce dal suo profilo di abile orafo che lo ha spinto da un'innata, costante e stimolante curiosità, a ricercare sperimentazioni forse azzardate, tra di loro diverse per natura e concetto ma inscindibili da quella che sono le capacità manuali e creative dell'artista…
 
Francesco Luci progetta la sue opere: il suo "Futurismo" lo porta a costruire interamente la struttura portante dopo un percorso di studi sui materiali da impiegare per la realizzazione della sua "Idea".
Non sono semplici "quadri": le sue "Luci di Luci" sono anche godibili elementi di architettura di interni collocabili ovunque dove si voglia creare un'immagine d'effetto con un richiamo all'arte dalle antiche origini per comunicarci la nostra storia, di oggi e del domani.
 
Le "Arti Antiche" nascono dall'uso di tecniche mista, collaudate dai maestri del passato e in uso ancora oggi. Tuttavia hanno, specialmente nelle nature morte, una capacità vitale, straordinaria, di stabilire una sorta di calma e contemporaneamente di invogliare a cogliere l'elemento della passione, della fatica, dell'angoscia, della paura e dei paesaggi addirittura a respirarne l'aria profumata..
Questo artista non solo progettista e designer di opere d'arte: la sua esperienza nel campo della litografia e della grafica gli consente di spingersi oltre i tradizionali confini dell'artista pittore
spaziando nella tecniche, elaborandone altra, sempre rinnovandosi.
 
Nella serie futurista "Luci di Luci", l’artista offre allo spettatore una forte emozionalità: colori e forme in proiezioni diverse si fondono tra loro e si liberano solo quando raggiungono l'occhio dal quale
vengono catturate per una propria elaborazione dell'immagine…
Mi piacerebbe” - confessa Luci – “che colui che guarda una mia opera potesse provare tutta le mie stesse sensazioni che io ho vissuto durante la realizzazione della stessa”.
 
Incuriositi al punto giusto? Se sì, le opere di Francesco Luci saranno visibili al pubblico presso il nuovo laboratorio “Luci D – 11” in Mede, dove sabato l’artista inaugurerà la sua mostra permanente "Futuro e Arti Antiche".
 
 
 Informazioni 
Dove: c/o laboratorio Luci D -11, Vicolo F.lli Cervi, 13 - Mede
Quando: da sabato 1 luglio 2006, inaugurazione ore 17.00
La mostra è visitabile su appuntamento, telefonando al 348/2944000
 
 
Pavia, 27/06/2006 (4418)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool