Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 20 maggio 2018 (563) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Ad AstroSamantha la laurea honoris causa
» Mattoncinando in Cavallerizza
» Caravaggio
» Tutti in TV!
» 200 giorni nello spazio con la Cristoforetti
» Darwin Day: Evolution is Revolution
» Festival dei cori di Porana
» Vigevano Medieval Comics
» Mangialonga biologica
» SensAzioni di Appennino
» 4° Cicogna Days
» Trame di guerra Intorno al Giorno della Memoria
» Inaugurazione del 654° Anno Accademico
» Ludovico e Beatrice. Invito a Palazzo Ducale
» Dream - Festa di Ferragosto
» Convivium - Giromangiando nel borgo medioevale
» Merenda sul prato
» Lennon Memorial Concert
» Eurobirdwatch al Bosco Negri
» Indagare la realtà al Festival Noir

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Lomello: un gioiello medievale
» La Città delle 100 Torri
» Day and Night al Castello Visconteo
» A tutto museo
» Guardare e non toccare è una cosa da imparare!
» Varzi in Fiera
» Mercatino del Ri-Uso
» Nuovo allestimento alla Gipspteca
» Visita guidata all'Ateneo
» Visita alla chiesa di San Lazzaro
» Vivere con gli animali
» Inaugurazione Spazio 900~2000
» Mantici e Meridiane et multa animalia
» A tutto museo
» Belgioioso Giornate Magiche
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 4379 del 16 giugno 2006 (5620) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Dante alla Corte dei Malaspina
Dante alla Corte dei Malaspina
Dopo la rievocazione del soggiorno di Federico Barbarossa, l’antico borgo medievale di Varzi punta i riflettori su un altro episodio della sua storia dando vita, nel fine settimana, a un viaggio a ritroso nel tempo fino all’epoca di “Dante alla Corte dei Malaspina”.
Fonti attendibili testimoniano infatti che Dante fu ospite dei marchesi Malaspina di Oramala (la rocca sulle colline di Varzi), da cui questa dinastia costruì uno dei regni più importanti ed estesi dell'epoca feudale…
 
Era il 1306, dunque esattamente 700 anni fa, quando l'esule Dante dimorò presso i Malaspina e a questo stesso anno viene fatto risalire l'inizio ufficiale della Divina Commedia. Fatti non casualmente correlati, in quanto fu proprio grazie ad un rocambolesco intervento di Moroello Malaspina che il sommo Vate riuscì a recuperare da Firenze i canti scritti in latino prima dell'esilio.
La composizione della Divina Commedia riprese quindi dal canto VIII del Purgatorio (che si chiude con la solenne profezia del Malaspina sul suo esilio), dove, non a caso, Dante narra del suo incontro con Corrado Malaspina, signore della Lunigiana, che chiede notizie della sua famiglia, offrendo a Dante l'occasione di esaltarne la liberalità e il coraggio. 
 
Fui chiamato Currado Malaspina;
non son l'antico, ma di lui discesi;
a' miei portai l'amor che qui raffina".
Fui chiamato Corrado Malaspina, non son l'antico, ma da lui provengo e portai alla mia gente il vero amore che qui ci spiritualizza".
"Oh!", diss' io lui, "per li vostri paesi
già mai non fui; ma dove si dimora
per tutta Europa ch'ei non sien palesi?
"Oh!", io gli dissi, "Non conosco i vostri paesi, ma in quale luogo d'Europa non sono conosciuti?
La fama che la vostra casa onora,
grida i segnori e grida la contrada,
sì che ne sa chi non vi fu ancora;
La fama che onora il vostro casato è conosciuta in ogni contrada, così che ne è a conoscenza anche chi non vi e ancora stato;
e io vi giuro, s'io di sopra vada,
che vostra gente onrata non si sfregia
del pregio de la borsa e de la spada.
Ed io vi giuro che la vostra famiglia non ha mai perduto la sua generosità e il suo valore.
 
Non deve meravigliare quindi il fatto che, se Dante dedicò ufficialmente la cantica del Paradiso a Cangrande della Scala, secondo Boccaccio, i destinatari in pectore del Purgatorio furono senza dubbio questi nobili oltrepadani, il cui mecenatismo aveva tra l'altro già contribuito alla diffusione in Italia della poesia trobadorica provenzale, dalla quale Dante trasse l'ispirazione per l'uso del volgare in letteratura.
Fatti questi che rischiano di sfuggire anche alla memoria locale, motivo per cui Pro Loco e Comune vogliono dar loro rilievo con l'edizione 2006 di Varzi Medioevale.
 
A questo scopo, le parti più antiche del borgo di Varzi verranno sfruttate per ricostruirvi idealmente le tre zone dell'aldilà come le descrisse Dante e per divenire teatro di una ricostruzione storica (evento prevede la partecipazione della popolazione varzese in costume medioevale) saldamente legata alla vita quotidiana del XIV secolo. Gli angoli più suggestivi di Varzi antica costituiranno inoltre il palcoscenico per le letture di brani che rappresenteranno le tappe di un viaggio immaginario all'interno della Divina Commedia e per gli spettacoli messi in scena da giocolieri, acrobati, sputafuoco, trampolieri, maghi e cartomanti, musici e danzatrici…
 
Lungo i portici e nei locali che ai tempi del marchesato Malaspina, Signori della Via del Sale, servivano da ricovero per i viandanti e le loro merci, verrà allestito un mercato medioevale affiancato da un percorso degli antichi sapori e mestieri, in cui i produttori locali effettueranno dimostrazioni delle antiche tecniche di lavorazione di oggetti d'artigianato e di preparazione di specialità tradizionali come il famoso salame di Varzi o i formaggi, il miele ed il pane della Valle Staffora..
 
Nei giardini di una settecentesca villa, appena al di fuori delle mura medioevali, sotto la guida esperta dei "Cavalieri di Varzi", degli "Arcieri dell'Oltrepò" e della Compagnia Storica "Flos et Leo", sarà possibile visitare un accampamento medioevale e sottoporsi al battesimo della sella (“Battesimo del Cavaliere”), dell'arco e della spada guadagnandosi così un premio speciale a ricordo di questa avventura.
 
Sempre in clima dantesco, per l’intero week-end si potranno degustare pranzi, cene e spuntini medievali nei punti di ristoro costituenti "Il Girone dei Golosi" che, riproponendole negli abbinamenti e soprattutto nella loro composizione originale, serviranno piatti realizzati sulla base di antiche ricette varzesi. 
 
Questi i luoghi e le iniziative in dettaglio:
 

Rocca di Oramala

Sabato (17.30) - Apertura manifestazione con corteo storico e spettacolo dantesco
A seguire - Aperitivo a base vini d'Oltrepò e salame di Varzi

Villa Mangini

Sabato (19.30-24.00) e domenica (10.30-23.00)
"Il battesimo del cavaliere" e parco ludico-didattico sulle arti marziali medioevali

Torre Malaspina

Sabato (19.30-24.00) e domenica (10.30-23.00)
- Mostra di abiti storici di Mariangela Chiesa dell'Ass. Ars Creandi di Pieve del Cairo (Torre Malaspina)
- Esposizione dei progetti grafici pubblicitari per "Varzi Medioevale" a cura dell' I.I.S.S. Calvi di Varzi
- Dante ed i Malaspina: mostra elaborati di ricerca a cura dell'Ist. Compr. Ferrari di Varzi

Borgo antico

Sabato (19.30-24.00) e domenica (10.30- 23.00) - Mercato Medioevale e Percorso degli Antichi Sapori e Mestieri
Sabato (dalle 21.00) - Magia e tarocchi medioevali (Via Roma)
Sabato (21.30) e domenica (17.30) - Corteo storico con letture dalla Divina Commedia (Partenza da via Mazza angolo via Mazzini)
Sabato (22.00) - Spettacolo di giocoleria pirica (P.za del Municipio)
Sabato (23.00) e domenica (ore 16.00) - Musici, giocolieri e giullari (P.za A. Moro)
Domenica (11.00) - Visita guidata alla scoperta dei tesori e dei sapori medioevali del borgo (Partenza c/o uff. IAT, P.zza della Fiera)
Domenica (17.00) - Musiche e danze medioevali (Scalinata Piazza XXV Aprile)
Domenica (18.30) - Dimostrazioni d'arme e cavalieri in costume
Domenica (21.00) - Concerto vocale polifonico con repertorio medioevale e rinascimentale
Domenica (22.30) - Partenza di Dante e chiusura manifestazione


 
 Informazioni 
Dove: Borgo di Varzi e Rocca di Oramala
Quando: sabato 24 e domenica 25 giugno 2006
Per informazioni:
Tel.: 338/2525621 (Pro Loco)
 

La Redazione

Pavia, 16/06/2006 (4379)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool