Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 22 ottobre 2019 (315) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Per una qualità consapevole…
» La pensione è prepagata!
» Medicinali a domicilio
» Riusciranno i vostri documenti a giungere integri al prossimo week-end?
» Il mobbing: cosa dice la legge?
» Il Difensore Civico della Provincia di Pavia
» La Messa delle Feste
» Funghi a tavola
» Bevande analcoliche
» L'acqua minerale al ristorante

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Gli sposi e la Casa
» Giornata Internazionale delle Bambine e delle Ragazze
» Concorso Il rispetto dell'altro
» Non solo Cupola Arnaboldi – Pavia fa!
» Africando
» Giornata del Naso Rosso
» Pint of Science
» BambInFestival 2019
» Festival della Filantropia
» Sua Maestria
» CineMamme: al cinema con il bebè
» Home
» Uno sguardo sulla congiuntura economica italiana e mondiale
» GamePV
» #quandocaddelatorrecivica
 
Pagina inziale » Oggi si parla di... » Articolo n. 4276 del 22 maggio 2006 (1838) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Allegie: importanti novità
Allegie: importanti novità
Chi di noi non conosce almeno una persona che soffre di allergia e che periodicamente è alle prese con starnuti, tosse, naso che cola o disturbi respiratori come asma e rinite? E la primavera è sicuramente il periodo in cui maggiormente si concentrano gli allergeni come i pollini, che non danno tregua agli adulti come ai più piccoli, specialmente al mattino.
 
Le allergie - chiarisce la dottoressa Gianna Moscato, Direttore del Servizio di Allergologia e Immunologia Clinica della Fondazione Maugeri di Pavia – interessano ormai trasversalmente la popolazione e possono presentarsi sotto forme diverse con disturbi a carico dell’apparato respiratorio, della pelle, oppure ancora manifestarsi con sintomi generalizzati, fino allo shock anafilattico, raro fortunatamente, come nel caso di allergie ad alimenti, punture di Insetti, farmaci. Fondamentale quindi è sapere riconoscere i sintomi per capire come comportarsi. Spesso, infatti, si può confondere un’allergia con un raffreddore, sottovalutando la situazione ed assumendo di conseguenza farmaci non idonei a trattare i sintomi dell’allergia..
 
Per questo - continua - è importante l’opera di informazione e sensibilizzazione verso i cittadini, bisogna continuare ad aiutarli a capire dove e come trovare un supporto in caso di patologia allergica, questo per ricordare che non bisogna mai abbassare la guardia: consideriamo, infatti, che circa il 20 % delle nazioni occidentali industrializzate sembra esserne colpito, con una tendenza, purtroppo, in continua crescita.
Recentemente si è svolta la Giornata Nazionale dell’Allergia, un appuntamento che si ripeterà annualmente in primavera, promosso dalle Società Scientifiche Allergologiche e dalle Associazioni dei Pazienti con lo scopo di sensibilizzare anche le Istituzioni Regionali e Nazionali su questo importante problema sanitario, fornendo anche dati epidemiologici aggiornati. Per quanto riguarda il nostro Paese il 7-10% della popolazione soffre di asma e il 20 % di rinite allergica, patologie fra le quali esiste una stretta relazione, dato che circa il 60 % degli asmatici soffre anche di rinite e, per contro, i soggetti con rinite allergica hanno un rischio 8 volte superiore ai normali di sviluppare asma. Senza dimenticare le patologie della pelle, che possono colpire durante tutto il corso dell’anno; ricordiamo che circa il 20% della popolazione generale dichiara almeno un episodio di orticaria acuta nella vita e circa il 9% soffre di dermatite atopica”.
 
Sono quindi molti gli aspetti collegati alle patologie allergiche che non vanno circoscritti soltanto alla bella stagione. Ma per coloro che soffrono di allergie primaverili un aiuto arriva, come ogni anno, dalla tabella settimanale sulla concentrazione dei pollini nell’aria, uno strumento per tenere sotto controllo le fioriture in città, consultabile sul sito della Fondazione Maugeri (http://www.fsm.it/).
Per quest’anno si prevede un’esplosione di fioritura soprattutto di quelle piante arboree che finora si sono mantenute a bassi livelli di produzione di pollini date le basse temperature, tra queste le piante arboree (Betulla, Nocciolo, Cipresso) e poi a seguire con le fioriture di maggio, con le piante erbacee (Graminacee, Urticacee, Composite).
 
Se è vero che la fioritura, e quindi la causa scatenante le allergie non può essere bloccata, ricordiamo che un ruolo fondamentale può essere svolto dagli interlocutori istituzionali, preposti allo sviluppo di politiche di prevenzione mirate sull’ambiente (pianificazione dell’arredo urbano con aree verdi prive di piante allergeniche, contenimento dell’inquinamento ambientale, applicazione delle norme di prevenzione nei luoghi di lavoro) o di interventi di sostegno ai pazienti (identificazione dei soggetti con allergie gravi tramite appositi “bollini” da apporre sui documenti personali, distribuzione gratuita di farmaci anti shock, facilitazioni sanitarie). Un’azione a 360 gradi dunque l’unica in grado di dare un vero sollievo alla popolazione allergica.
 
 Informazioni 
 

Comunicato Stampa
Fondazione Maugeri

Pavia, 22/05/2006 (4276)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool