Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 21 ottobre 2019 (3090) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» I transgender nello sport tra mito e realtà
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Luca Mercalli e la crisi climatica
» Walking the Line
» Pillole di... fake news
» Scienza e bugie: il virologo Roberto Burioni al Borromeo
» Marcella Milani si racconta al Pavia Foto Festival
» Colloquio sull'Europa
» Scoprire il teatro: Carlos María Alsina a Pavia
» Salvatore Silvano Nigro e il "fantastico" Manganelli
» Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Pila di Volta
» Paolo Gentiloni, Roberto Maroni e Ferruccio de Bortoli a Pavia
» A tu per tu con Massimo Tammaro
» Mino Milani - Di stelle e di Misteri
» Conversazione Pavese
» Circolo di lettura
» Gek Tessaro e il suo Pinocchio
» Alda Merini la poetessa dei Navigli
» Nicola Attadio racconta Nellie Bly

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Scienziati in prova
» Notte dei Ricercatori - Settimana della Scienza
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Porte Aperte
» Giornata del Laureato
» Bloomsday
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Pila di Volta
» Paolo Gentiloni, Roberto Maroni e Ferruccio de Bortoli a Pavia
» Viaggio nel lato oscuro dell'universo
» Scienziati in Prova
» SHARPER: il volto umano della ricerca
» Fiera delle Organizzazioni Non Governative e della Società Civile
» Giornata del Laureato
» Letizia Moratti ospite al Nuovo
 
Pagina inziale » Università » Articolo n. 4157 del 20 aprile 2006 (1538) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Chernobyl, vent' anni dopo
Chernobyl, vent' anni dopo
A vent’anni di distanza, un esperto aiuta a ripercorrere e a comprendere l’incidente di Chernobyl e le sue conseguenze ambientali, sanitarie, socio-economiche.
 
All’1 e 24 del 26 aprile 1986 due esplosioni nella centrale nucleare di Chernobyl distruggono il nocciolo del reattore numero 4. Una piastra di metallo di 1000 tonnellate viene sollevata e il tetto della sala reattore sfondato: un’enorme quantità di radioattività viene rilasciata nell’atmosfera e sparsa dai venti in tutto l’emisfero nord.
 
All’1 e 27 giungono sul tetto del reattore scoperchiato i primi pompieri; alle 5 del mattino diciassette di loro saranno ricoverati in gravi condizioni, con una Sindrome Acuta da Radiazioni. Nel frattempo la grafite del reattore ha preso fuoco, rilasciando ulteriori sostanze radioattive dal nocciolo: ci vorranno ben quattordici giorni e svariate tonnellate di sabbia, argilla, piombo, composti borati e altro, lanciati dagli elicotteri, prima di riuscire a spegnere l’incendio.
L’evacuazione delle popolazioni dei territori contaminati – in Ucraina, Bielorussia e Federazione Russa – arriverà a coinvolgere, col passare del tempo dopo l’incidente, un totale di 350.000 persone.
 
Di questo si parlerà mercoledì 26 aprile, con il prof. Saverio Altieri, docente del Dipartimento di Fisica Nucleare e Teorica,  che affronterà lo svolgersi degli avvenimenti che vent’anni fa hanno sconvolsero l’Europa lasciando un segno profondo nell’opinione pubblica.
 
Saranno illustrate le caratteristiche della centrale di Chernobyl, la dinamica dell’incidente (errore umano, sì, ma anche problemi specifici del tipo di reattore) e le tante conseguenze, sanitarie, ambientali e socio-economiche, provocate dall'incidente del 26 aprile, non senza trascurare le prospettive future, tra cui l’allarme sulla tenuta del Sarcofago costruito dopo il disastro e i costosi progetti di realizzazione di una nuova protezione.
 
L’incontro, organizzato dai Dipartimenti di Fisica dell’Università di Pavia, fa parte di un ciclo di conferenze – Gli Orizzonti della Fisica – realizzate nell'ambito del Progetto Lauree Scientifiche, un importante progetto promosso dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, da Confindustria e dalla Conferenza Nazionale dei Presidi di Scienze per incentivare l’avvicinamento alle materie scientifiche da parte dei giovani, condizione indispensabile per lo sviluppo della competitività tecnologica dell’Italia verso il resto del mondo.
 
 
 Informazioni 
Quando: mercoledì 26 aprile 2006, ore 18.00
Dove: Aula Volta, Università di Pavia

 

Comunicato Stampa

Pavia, 20/04/2006 (4157)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool