Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 8 dicembre 2019 (390) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Oltre lo sguardo
» Looking for Monna Lisa
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Canti e storie nel bosco incantato
» La notte dei cantastorie
» Oltre lo sguardo
» L'altro Leonardo
» Looking for Monna Lisa
» Pavia Art Talent: una fiera per l'arte accessibile
» Incontro con Giorgio Scianna
» Custodire la memoria. Incontro con Giovanni Paparcuri
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Arianna Arisi Rota, Risorgimento. Un viaggio politico e sentimentale
» Libri al Fraccaro: Street philosophy Saggezza quotidiana
» Francesco Melzi e i codici di Leonardo
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 4138 del 13 aprile 2006 (4744) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
La donna oggetto
Un'opera di Tom Wesselmann
Il Comune di Vigevano promuove nella prestigiosa sede del Castello Sforzesco la mostra La donna oggetto. Miti e metamorfosi al femminile 1900-2005, curata da Luca Beatrice.
 
La donna oggetto, in programma dal 20 aprile, propone una lettura della donna, non come soggetto artistico tout court, ma come oggetto di rappresentazione artistica, rovesciando così, con ironia, l’adagio femminista che ne contestava la percezione tutta maschile.
L’immagine femminile, che emerge in questo viaggio nella storia dell’arte che va dai primi del ‘900 (anzi dalla fine dell’800 con uno spettacolare e scabroso dipinto di Giacomo Grosso gemello di quell’opera che scandalizzò il pubblico alla prima Biennale di Venezia) fino ai giorni nostri, ha un valore rilevante sia come motivo di riflessione estetica, sia come espressione di una società in continua evoluzione che vede la donna capace di cogliere gli aspetti più segreti e reconditi della vita.
È la rappresentazione di una donna che in questo secolo ha determinato una crescita culturale anticipando il fenomeno delle conquiste e delle affermazioni, della maturazione di se stessa come “soggetto” protagonista.
 
La mostra è divisa in quattro sezioni, con oltre 150 artisti e 200 opere e si snoda attraverso i suggestivi spazi del Castello: le prime due nella Cavallerizza del Castello, un edificio con una bellissima struttura a capriate in legno; nella seconda scuderia del Castello è allestita la terza sezione, la quarta è ospitata nel nuovo tratto della Strada sotterranea.
 
Nella prima sezione, dedicata ai maestri di inzio ‘900, tra cui segnaliamo Giovanni Boldini, Umberto Boccioni, Pablo Picasso, Mario Sironi, Renato Guttuso e una selezione di disegni di Henri Matisse, Paul Klee, Francis Picabia, la donna è vista come oggetto di sottile seduzione dove il sesso è per lo più sublimato, in altri casi è raffigurata nella vita domestica, quotidiana e nel lavoro.
 
' Divieto d'accesso 03' - Olio su tela di Elisa Rossi
Nella seconda sezione la donna è raccontata attraverso un viaggio nell’arte contemporanea che va dal secondo dopoguerra a oggi. Si parte dalle icone dello star system di, Andy Warhol per arrivare alle giovani donne esangui, nude annoiate e semivestite che popolano le performances di Vanessa Beecroft, nelle quali l’artista riflette sulle nevrosi della nostra società, dando forma alle sue ossessioni carnali, dove il corpo non ha nulla di erotico, ma è un qualcosa di alienante e di asettico; e poi ancora i décollage di Mimmo Rotella che celebra sia la diva per eccellenza, Marylin Monroe, sia la più celebre e più pornostar italiana, Moana Pozzi, un‘opera della serie Great American Nudes di Tom Wesselmann che, all’inizio degli anni ’60 conquistò l’immaginario collettivo con la rappresentazione di nudi femminili realizzati con colori forti e a tinte piatte, di chiara derivazione matissiana, dando vita a immagini al tempo stesso fredde e sensuali, concentrandosi su particolari anatomici ingigantiti. In questa sezione sono presenti anche opere di giovani artisti e uno spaccato su realtà storico culturali extra occidentali, come l’estremo oriente, dove l’immagine della donna assume un valore ulteriormente nuovo.
 
La terza sezione ci presenta la donna nella fotografia contemporanea. Qui sono esibiti la seduzione e il sesso. Dal genio creativo di Man Ray, nelle cui opere il corpo femminile diventa territorio di scoperta e sperimentazione di tecniche agli scatti di David Lachapelle che sceglie la trasgressione e i toni provocatoriamente grotteschi per criticare la vacuità e l’edonismo propri della società contemporanea; dal dinamismo avanguardista di Alexander Rodchenko all’intenso realismo di Nan Goldin, capofila della fotografia istantanea, che considera l’obiettivo come una parte integrante del proprio corpo, in grado di registrare spaccati di vita quotidiani descritti senza filtri e censure.
 
Infine nella quarta sezione un omaggio alla giovane creatività italiana al femminile con l’opera di 15 giovani artiste che propongono un’ulteriore riflessione sulla condizione della donna: dal continuo dialogo tra sé stessa e il mondo esterno di Donatella Spaziani alla fotografia intesa come dimensione estetica di Alessandra Spranzi, dall’universo in bilico tra sogno e realtà delle installazioni di Anna Galtarossa alla fuga dalle incombenze domestiche testimoniate da un video di Elizabeth Aro.
 
 
 Informazioni 
Dove: Castello Sforzesco di Vigevano
Quando: da giovedì 20 aprile (inaugurazione ore 11.30) al 30 luglio 2006
 

Comunicato Stampa

Pavia, 13/04/2006 (4138)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool