Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 30 novembre 2020 (385) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Incontro con Roberta Preda
» Preghiera semplice d’un fiulin vegg
» Oltrepoesia
» Kairnac ‘07
» Serata Mehr
» La Poesia venne a cercarmi
» I Pruèrbi dal Gipunàt
» Primavera
» Dì d'inverän
» La scüdela 'd lègn dal nonu
» Gh'er' una volta
» Pavia a culur
» Tramont Paves
» Gli amici dei poeti

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Carnevale al Museo della Storia
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Squali, predatori perfetti"
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» La Storia organaria di Pavia
» Postazione 23
» Libri al Fraccaro
» Il "Duchetto" di Pavia
» La cospirazione dei tarli
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 4127 del 11 aprile 2006 (2615) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Un dì 'd marcà

A Pavia quänti rob j'èn cambià,
ma Piasa Petrarca, l'è sempär
i-stes cul so marcà:
quäntä gent, quänti person,
pararìs quasi… cunfüsion...
Tamme la duneta al furmagè:
"La cresensa, quänt l'è?"
"Tre mila al'eto, siùra,
l'ültim toch, pö agh n'è pü....!!"
"Ciùmbi, 'm 'l'è cresü...!"...
Biciclet purtà a män,
umèt ca porta a spasi 'l cän,
che pö l'è 'na scüsa
pär curiusà,
lasändä a cà la dona...
... la vita di pensiunà.
Pö l'edicula lì in mèš,
tamme un faro pr'ì giurnal,
cui don lì a-renta ca spetegulän,
gnent äd mal;
'l prufüm äd pulastär arost
dal pulastrè cul so furgòn,
sempär merculdì e sabat,
sempr'in mira äl mürajòn;
i vegetin cun la bursèta da chì
e la bursa dla spesa là,
sturgiü dal pèš äd tüt quèl
ch'än cumprà...
...Ägh va pruà
so vör dì,
a'sagià un mument insì,
'na roba propi sügestiva,
pr'un paves...un mument ch'äs viva.

Un giorno di mercato

A Pavia quante cose sono cambiate,
ma Piazza Petrarca, è sempre
la stessa col suo mercato:
quanta gente, quante persone,
sembra quasi... confusione...
Come la donnetta che dice al formaggiaio:
"Quanto costa la crescenza?"
"Tremila lire all'etto, signora,
l'ultimo pezzo. Poi non ce n'è più!
"
"Caspita, com'è cresciuta...!" ...
Biciclette portate a mano,
ometti che portano a spasso il cane,
che è una scusa
per curiosare,
lasciando la moglie a casa...
... la vita da pensionati.
Poi l'edicola lì in mezzo,
come un faro per i giornali,
con le donne lì vicino che spettegolano,
niente di male;
il profumo di pollo arrosto
del pollivendolo col suo furgone,
sempre mercoledì e sabato,
sempre vicino al muraglione;
le vecchiettine con la borsetta di qui,
e la borsa della spesa di là,
rese storte dal peso di tutto ciò
che hanno acquistato...
Bisogna provare
Cosa vuol dire,
assaggiare un momento simile,
una cosa proprio suggestiva,
per un pavese... un momento in cui si vive.

 
 Informazioni 
 

Walter Vai
(Walterino)

Pavia, 11/04/2006 (4127)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool