Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 20 agosto 2019 (331) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.
» Mostra illustrazioni e fumetti di LUCIOP
» Voice of the voiceless Racconti forografici di Andy Rocchelli
» Diamo i numeri

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Festival delle Farfalle
» Passeggiate di Quartiere
» Lavanda e farfalle...
» Filippo Solibello, Stop plastica a mare
» Giochi d'acqua... dolce o salata?
» Luca Mercalli e la crisi climatica
» L'Aquila, 6 aprile 2009: una svolta nella comprensione e percezione dei terremoti italiani
» Pavia Plastic Free... liberiamo la città dalla plastica
» SEMI
» Festa del Roseto
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» RisvegliAmo la Relazione: Io e l'Ambiente – II edizione
» Scuola per cuccioli e le loro famiglie
» Festa di Primavera: Mostra dei Pelargoni
» Oltrepò: terra di api
 
Pagina inziale » Ambiente » Articolo n. 4052 del 24 marzo 2006 (1983) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Riflessi sull'acqua
Una raffigurazione del porto di Pavia in un'opera di Trecourt

Fotografie, mappe, documenti, incisioni, dipinti, e quant'altro conservato tra le collezioni del Castello Visconteo possa essere in grado di illustrare il ruolo che il Ticino ha avuto nei secoli per la sua città, costituiranno la mostra documentaria-iconografica "Riflessi sull'acqua", in allestimento a Pavia nell'ambito del Festival "L'anima dei luoghi".

"Passando da un inquadramento idrogeologico del fiume - spiega Gigliola De Martini, curatrice della mostra e del Museo del Risorgimento dei Civici Musei -, attraverso mappe e carte geologiche e geografiche, verranno passate in rassegna le "funzioni" del nostro fiume: dal ruolo economico a quello politico, da quello difensivo a quello ludico."

Una serie di foto scattate da celebri autori locali quali Nazzari e Tollini prima, Chiolini e Volpi poi, così come dipinti e stampe, illustreranno i mestieri del fiume attraverso gli scatti e le pennellate che hanno immortalato lavandaie e gerö (i cavatori di ghiaia), ma anche "navaioli" e pescatori: uomini e imbarcazioni di chi aveva fatto della navigazione (per fini militari o commerciali) e della pesca sul fiume la propria attività.
Tra i ritratti si potranno ammirare anche i grandi insediamenti produttivi lungo le sue rive, come le fornaci, che necessitavano di notevoli quantitativi d'acqua per il loro funzionamento.

Il ruolo difensivo, assunto con l'appoggio di mura e bastioni, viene testimoniato dalla riproduzione di un arazzo conservato a Napoli, che mostra soldati francesi annegati nelle acque del Ticino nel corso della Battaglia di Pavia.

Una mostra completa che da documenti dell'800, epoca in cui Ticino aveva il ruolo politico di confine tra il Regno di Piemonte e il Regno Lombardo-Veneto unito all'Austria, arriva ai giorni nostri, o meglio al secolo scorso, in cui il "Fiume Azzurro" era ancora balneabile e centro vitale di attività ricreative... Nascono i bagni pubblici, le associazioni e i circoli sportivi, quali la Battellieri Colombo e la Canottieri, e il fiume diventa teatro di competizioni remiere, manifestazioni folcloristiche, come il celebre Palio dell'oca, e processioni religiose.

Una sezione dell'esposizione verrà poi dedicata al Naviglio pavese, perché se anche furono Po e Ticino, in età medievale, a far assurgere Pavia a porto di importanza europea, che attraverso il Mediterraneo consentiva di raggiungere l'Oriente, anche il Naviglio fa parte del sistema fluviale locale.

La navigazione fluviale che ebbe un ruolo di primo piano nell'economia locale, iniziò a decadere verso l'Ottocento, proprio perché scorrendo lungo il confine, il Ticino imponeva ai suoi naviganti il pagamento di troppi dazi.
Nella seconda metà dello stesso secolo, a dazi aboliti in seguito all'unità d'Italia, si tentò una rivitalizzazione di tale idrovia, ma ormai stava prendendo piede il trasporto ferroviario e quello fluviale risultava obsoleto.

"Anche il Naviglio, che aveva tra i compiti principali quello di rimettere Pavia in gioco nell'ambito del commercio fluiviale, - precisa Gigliola De Martini - viene a perdere d'importanza, ciononostante, ne vanno ricordati il valore come porto per il trasporto passeggeri da Pavia a Milano a la sua monumentalità".

 
 Informazioni 
Dove: Scuderie del Castello Visconteo - Pavia
Quando: dal 28 marzo (inaugurazione ore 17.30) al 17 aprile 2006
Aperta dalle 10.00 alle 17.50, chiusa il lunedì
Ingresso: libero
 

Sara Pezzati

Pavia, 24/03/2006 (4052)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool