Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 22 luglio 2019 (300) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Un capolavoro ritrovato
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» Festival di Musica Sacra
» "La nuit profonde"
» Contrasti nel Classicismo viennese
» Storia di un violino
» Fiori musicali per voce e pianoforte
» Festival del Ridotto
» I regali di Natale
» Una sola musica per Pavia e Russia
» La Vita che si Ama Tour
» Mario Biondi "Best of Soul Tour 2017"
» Edoardo Bennato al Vigevano Summer Festival
» Steve Hackett in tour a Vigevano
» Paola Turci a Estate in Castello
» Punti Critici in Concerto
» Messa di Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart
» Il Coro della Scala in duomo a Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Festival di Gypsy
» Up-to-Penice
» Swing and Jazz
» Note d'acqua
» River Love Festival
» Concerto di pianoforte
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Sacher Quartet, In viaggio con i Cetra
» Un capolavoro ritrovato
» Sentieri selvaggi, musica d'oggi al Borromeo
» Festival di Musica Sacra
» Open Day al Vittadini
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 4017 del 17 marzo 2006 (1690) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Dialoghi ... spirituali
Dialoghi ... spirituali
Il secondo concerto della rassegna 'Dialoghi: jazz per due', curata da Roberto Valentino per conto del Settore Cultura del Comune di Pavia, ha visto salire sul paloco, ieri sera, la coppia costituita da John Tchicai e Garrison Fewell.
 
E’ stato un dialogo molto particolare, come quello che ci può essere tra un santone e un discepolo, tanta e tale era la statura di John Tchicai e l’aura e il carisma che emanava, senza peraltro togliere nulla alla bravura di Fewell.
 
Garrison Fewell avevo già avuto modo di ascoltarlo, qualche estate fa, in un concerto in piazza della Vittoria, e la sua pacata espressione musicale mi aveva ben impressionato.
John Tchicai è stato una lezione di storia del jazz.
 
Le sue molteplici esperienze musicali (ha partecipato anche ai dischi più sperimentali di John Lennon e Yoko Ono), ma soprattutto quelle con Coltrane e Cherry, hanno lasciato il segno e un diffuso senso di spiritualità si sprigiona dal suo linguaggio musicale. Linguaggio che non si limita allo strumento, ma si estende alla voce, ora recitante (suoi sono i testi che legge), ora strumento essa stessa, impegnata in vocalizzi che richiamano alla mente antichi riti tribali.
 
Le sue radici africane, infatti, traspirano continuamente dal tessuto musicale che crea nello svolgersi del “dialogo”. Stupisce, a tratti, la contrapposizione geometrico-matematica di certi riff che si rincorrono sino a formare una sorta di “mantra”, con le eteree divagazioni “sul tema” in cui la dilatazione musicale diventa rarefatta al punto di trasformarsi in soffio animale. Anche il flauto traverso di bambù concorre a ricreare atmosfere mistiche tribali a schema circolare, in cui la ripetizione ossessiva si rende “mezzo” per svuotare la mente e lasciare lo spirito libero di innalzarsi a piani più spirituali.
 
Concerto non facile ma ricco di fascino.
 
 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 17/03/2006 (4017)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool