Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 17 giugno 2019 (244) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Africando
» Palio del Ticino
» BambInFestival 2019
» Festa del Roseto
» RisvegliAmo la Relazione: Io e l'Ambiente – II edizione
» Festa di Primavera: Mostra dei Pelargoni
» Next Vintage
» L'Università diventa una palestra
» GamePV
» Pavia in poesia 2019
» Pi Greco Day 2019
» Festival del Dialogo tra Uomini e Donne
» Scarpadoro – si aprono ufficialmente le iscrizioni!
» Birre Vive sotto la Torre Chrismas Edition
» IV Marcia dei diritti dei bambini e dei ragazzi
» Festival dei Diritti
» Ticino Ecomarathon
» Mostra dei Funghi
» Autunno Pavese: tante novità
» Marathon Vigevano Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Prima che le foglie cadano
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» Presentazione inutile
» La bellezza della scienza
» Maria Corti: una vita per la parola. Un viaggio editoriale
» Pillole di... fake news
» Walking the Line
» Scienza e bugie: il virologo Roberto Burioni al Borromeo
» Schiavocampo - Soddu
» Marcella Milani si racconta al Pavia Foto Festival
» Flower Salad, una mostra di Alice Romano
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 4011 del 17 marzo 2006 (5068) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
L'anima dei luoghi
L'anima dei luoghi

Dal 25 marzo al 2 aprile Pavia e il suo territorio ospiteranno “L’anima dei luoghi - Festival Paesaggi 2006”, primo grande evento in programma per “Pavia città internazionale dei saperi”, a cura del Settore Cultura del Comune di Pavia.

Per dieci giorni la città diventerà il fulcro di una serie di iniziative, che intrecciano seminari, dibattiti, mostre, concerti, visite guidate, degustazioni di prodotti tipici, proiezioni di cortometraggi. 

Il filo conduttore del Festival nasce dal desiderio di ritrovare “l’anima dei luoghi” di Pavia e del territorio circostante, attraverso occasioni di riflessione su ciò che ognuno di questi luoghi ha significato in passato e significa oggi.

Ogni appuntamento in calendario diventa il pretesto per appropriarsi di un determinato luogo, vivendolo e condividendolo con altre persone. Il Festival del paesaggio è un “luogo ideale” di riflessione dove sono coinvolte tutte le generazioni, giovani e meno giovani.

Ognuno vivrà ogni luogo in base al proprio essere e ognuno sceglierà tra gli appuntamenti quello che più gli si addice, la scelta è ampia: laboratori di narrazione, illustrazione, scrittura e lettura, canti e suoni, degustazioni di prodotti tipici, navigazioni in battello, passeggiate nella natura, conversazioni, spettacoli e laboratori teatrali, cinema, laboratori sensoriali, conferenze e dibattiti, visite in pinacoteca e mostre.

Il fitto calendario di appuntamenti si dispiega in contesti paesaggisticamente molto attraenti come le rive del Ticino e del Po, l’Orto Botanico, i rilievi dell’Oltrepò e il complesso del Castello visconteo. E ancora, le vie d’acqua - il sistema dei navigli, il fiume Po e il Ticino - il Parco con le sue oasi faunistiche, i cascinali lombardi e le aule universitarie saranno gli scenari per incontri e dibattiti di studiosi, specialisti del paesaggio nelle sue diverse connotazioni e interpretazioni: luogo dell’anima, ambiente naturale, contesto urbano, insediamento coltivo, rappresentazione architettonica.
Chiese romaniche e saloni barocchi ospiteranno mostre iconografiche e fotografiche, alcune prodotte appositamente per il Festival, altre itineranti, provenienti da altri territori, utili al confronto e a sottolineare analogie e differenze.

All’interno del Paesaggio inteso come unicum sono stati individuati percorsi differenti che si concretizzano in incontri e iniziative che contemplano una triade di punti di vista attraverso cui si può apprezzare il paesaggio. Ad ogni punto di vista corrisponde una sezione e ad ogni sezione un curatore:

Paesaggi naturali e colturali - (Luciano Valle)

- Un territorio in partenza
Mostra sul fiume Po a cura del Politecnico di Milano in collaborazione con la Provincia di Pavia. La proposta prevede l’esposizione di mappe raffiguranti il Po dal 1811 al 1887 e mostra la particolarità della città di Pavia come luogo di partenza per la navigazione del fiume. E’ previsto anche un convegno di mezza giornata, dal titolo: Un territorio in partenza: viaggio da Pavia al Mare per il recupero del paesaggio.
 
- Visite guidate(a piedi e in bicicletta) nel Parco del Ticino e nel parco Visconteo
 
- Incontro con naturalisti per presentare flora e fauna del Parco del Ticino.
 
- Percorsi tematici legati alla flora, alla fauna con il coinvolgimento dell’Orto Botanico e a tutto ciò che è paesaggio/natura all'interno delle collezioni museali (scultura romanica, dossali di S. Francesco, percorso in Pinacoteca, ecc.).
 
- Il Festival prevede anche un galà nel cortile del Castello di Pavia, con uno spettacolo e una cena con prodotti tipici.

 

Paesaggi urbani - (Luca Micotti)

- Variazioni sul giardino. Viaggio alla scoperta di un pezzo di terra - Spettacolo teatrale di Lorenza Zambon direttrice artistica del Festival “Naturalmente Arte”. Lo spettacolo è strutturato come un vero e proprio itinerario che il pubblico è chiamato a percorrere attraverso tre diversi giardini. Lungo tutto il viaggio un altro racconto si snoda e si intreccia al primo, quello della musica composta e interpretata da Gianpiero Malfatto.
Lo spettacolo si terrà all’interno dell’Orto Botanico.
 
- Riflessi d’acqua - Mostra fotografica.
 
- Visite guidate alla Pavia medievale, seicentesca, otto-novecentesca per capire come la nostra città si è evoluta.
 
- Proiezioni in piazza della Vittoria di immagini legate al tema dell’arredo urbano cittadino.

 

Paesaggi umani (dell'anima) - (Luisa Bonesio)
Sviluppo di una lettura filosofica del Paesaggio con contaminazioni:

- Concerti di musica antica e popolare
 
- Il giardino segreto dei Calvino. Immagini dall’album di famiglia tra Cuba e Sanremo - Mostra fotografica
 
- Presentazione del volume di Libereso Guglielmi, allievo del professor Mario Calvino, insigne maestro di botanica e padre di Italo.
 
- Proiezione di un video su Italo Calvino tratto dalla videoteca Rai.
 
- Di che giardino sei? - Conoscersi attraverso un simbolo. Incontro con Duccio Demetrio, professore di filosofia dell’educazione e di teoria e pratiche autobiografiche all’università Milano-Bicocca che condurrà un laboratorio di narrazione-autobiografica sul giardino come luogo dell’anima.
 
- Mostra fotografica delle fotografie del Circuito Città d’Arte della Pianura Padana con immagini realizzate dal gruppo Leica

 



 
 Informazioni 
Dove: Pavia e provincia
Quando: dal 25 marzo al 2 aprile 2006
(Date e luoghi di tutti gli appuntamenti del festival in agenda)
Partecipazione: ingresso libero a tutti gli eventi
Per informazioni:
Tel.: 0382/399343 (Comune di Pavia)
E-mail: animadeiluoghi@libero.it
 
 
Pavia, 17/03/2006 (4011)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool