Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 31 ottobre 2020 (177) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Festa dell'Albero 2019
» Gioca d'anticipo!
» Scienziati in prova
» Lavanda e farfalle...
» Filippo Solibello, Stop plastica a mare
» Alla Ricerca della Carta Perduta
» Caccia al tesoro in Gipsoteca
» Pint of Science
» Pavia Plastic Free... liberiamo la città dalla plastica
» Festival della Filantropia
» CineMamme: al cinema con il bebè
» #quandocaddelatorrecivica
» M'illumino di meno"-Edizione 2019
» Laboratorio di calligrafia
» Natale al Broletto
» Vallone Social Crew
» Scienziati in Prova
» Villa Necchi: “Luoghi del Cuore"
» Settimana del giovane naturalista
» Scienziati in Prova - L'impatto della Scienza sullo Società

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 3912 del 21 febbraio 2006 (2036) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Le storie di Fabbri e Cifarelli
Le storie di Fabbri e Cifarelli
La Fondazione Adolescere e la Civica Scuola di Musica di Voghera presentano una serie di Incontri con i grandi protagonisti della musica sotto il titolo Storie di musica.
 
 “Storie di Musica” non si rivolge solo a chi pratica la musica per hobby o per mestiere, ma rappresenta un’occasione per tutti coloro che percepiscono la musica come colonna sonora della vita, veicolo di emozioni e ricordi. A raccontarci queste “storie” sono alcuni protagonisti della musica del nostro tempo, artisti, studiosi e giornalisti.
 
Dopo l’incontro con il cantante dei La Cruz e quello con Franz Di Cioccio (batterista della PFM) è ora la volta di Franco Fabbri e Gigi Cifarelli: Venerdì 24 febbraio i due artisti si confronteranno tra loro e con il pubblico per raccontare le loro esperienze, la loro carriera e gli aneddoti che l’hanno accompagnata e per un “ Omaggio a Jimi Hendrix “.
 
Franco Fabbri (San Paolo, Brasile, 1949), musicista (componente del gruppo Stormy Six dal 1965), è stato tra i fondatori e presidente de l’“Orchestra”, della IASPM (International Association for the Study of Popular Music). Ha tenuto conferenze, seminari e corsi in numerose università italiane e all’estero: dal 2001 è docente presso l’Università di Torino, Facoltà di Lettere e Filosofia, del corso “Musiche contemporanee dei media”, dal 2003 del corso “Popular music”, presso il DAMS, dal 2004 docente di “Economia dei beni musicali” presso la Facoltà di Scienze dell’Università Statale di Milano, e di "Musicologia" presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Genova.
 
Dal 1976 al 2002 è stato commentatore e presentatore di programmi musicali alla RAI, membro del Consiglio di Amministrazione dell’Ente Autonomo Teatro alla Scala (1997), fra i curatori del Mantova Musica Festival (2004/2005). Collabora come critico musicale a “l’Unità”, “Il Sole 24 ore”, “Diario”, “Viaggi & Sapori”, e "la Repubblica".
 
A Pavia abbiamo avuto modo di conoscerlo e seguirlo di persona durante l’edizione di Fare Festival dedicata alla nuova musica greca, di cui era stato direttore artistico.
L’irrefrenabile, instancabile Gigi Cifarelli, chitarrista tra i più attivi in Italia, èconosciuto dal grande pubblico per aver collaborato con Renato Zero, Tullio De Piscopo, e soprattutto, con Mina e Massimiliano Pani e per aver partecipato a diverse trasmissioni televisive accompagnando artisti come Joe Cocker, Paul Young, Sam Moore, ed altri. Noto agli appassionati per i suoi dischi, per le sue collaborazioni e jam-sessions con grandi jazzisti come Chick Corea, Sam Rivers, Jack De Johnette, Mark Murphy, Delmar Brown, Cameron Brown, Billy Hart, Charles Tolliver, Jimmy Owens, Tony Scott, Enrico Rava e Franco Ambrosetti, Gigi Cifarelli inizia a suonare la chitarra all'età di 7 anni. Teenager, suona in ottime formazioni di blues metropolitano (come quella del compianto bluesman texano Cooper Terry); dai 23 anni in poi si dedica al jazz in diverse formazioni. Nel 1985 realizza l'album"Coca & Rhum", primo esempio di fusion in Italia, prodotto da Alberto Radius e da Guitar Club. Nel 1986 decide di intraprendere definitivamente la carriera musicale e si mostra in tournèe a fianco di Tullio De Piscopo, con cui alterna esperienze di musica leggera e jazz.
 
Nel 1987, con Brian Auger, grandissimo organista inglese, e con Julius Farmer al basso e Alfredo Golino alla batteria, effettua una serie di concerti in Italia e all'estero.
Dal 1997 viene inviato ogni anno al Festival Jazz di Sete sur la Mer (Francia) di cui diventa il "padrino" con partecipanti come Jack De Johnette, Christian Escoudè, Dedè Ceccarelli, Sylvan Luc e altri.
Incide album di successo e…suona, suona,suona…perché è il metodo migliore che conosce per comunicare con la gente.
 
 
 Informazioni 
Quando: venerdì 24 febbraio, ore 18.00
Dove: Teatro Adolescere, Viale Repubblica 25, Voghera
 

Furio Sollazzi

Pavia, 21/02/2006 (3912)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool