Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 1 dicembre 2020 (442) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Una nuova luce su Pergolesi
» Festival Ultrapadum: 25^ edizione
» PaviaPhone - Aprile
» Le nuove uscite del nuovo anno
» Concorso Lirico Internazionale “Teatro Besostri”
» Montalto Pavese come Buenos Aires
» Borghi&Valli: anteprime di giugno
» La musica rinascimentale e la musica barocca
» Roberto Durkovic: Oltre il ponte
» Oh questa è bella!
» Rock Valley Festival
» Hildesheim e Pavia gemellati in musica
» "Un Anno Incantato"
» La musica barocca di Vox Organi
» Guido Bolzoni: Happening
» Silvio canta Negroni
» “I Tesori di Orfeo”, IV edizione
» Dai classici a Gershwin
» Sinfonie … al TeSS
» Viaggi è Gospel!

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Incontro al Caffè Teatro
» Nel nome del Dio Web
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» Gran Consiglio (Mussolini)
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 3834 del 1 febbraio 2006 (1841) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Atmosfere alpine...
Atmosfere alpine...

Il secondo appuntamento con la Sesta Stagione Concertistica del comune di Voghera, vedrà protagonisti il giovane ma già affermato direttore Giampaolo Bisanti che dirigerà l'Orchestra da camera Milano Classica, e uno strumento originale dotato di rare qualità sonore, il corno delle alpi, suonato da Carlo Torlontano.

Il corno delle Alpi è particolarmente usato dai mandriani delle Alpi svizzere per richiamo oltre che per intonare il tradizionale repertorio dei Ranz des vaches. Si hanno notizie della sua esistenza e del suo utilizzo già nel XVI secolo (il corno delle Alpi è rappresentato nel trattato di Praetorius, Syntagma musicum, del 1619), anche se pare la sua origine possa essere più antica.
Soltanto tra il XVIII e il XIX secolo il corno delle Alpi entra a far parte di diritto della grande famiglia degli strumenti della tradizione colta occidentale, grazie all'utilizzo da parte di autori come Rossini e Grétry (entrambi lo utilizzano nei rispettivi Guillaume Tell), Beethoven, Meyerbeer e Brahms.
Più recentemente, non pochi gli autori dell'avanguardia che hanno fatto ricorso al particolare suono del corno delle Alpi: tra questi anche Giovanni D'Aquila, di cui si acolterà il recente The great Horn of Helm.

Ma veniamo al programma musicale di sabato sera, che ruota intorno alla figura di Wolfgang Amadeus Mozart e prevede l'esecuzione di pagine poco note al grande pubblico di Hummel, di D'Aquila e, ovviamente di Mozart padre e figlio.

Johann Nepomuk Hummel
Sei minuetti con trio per archi (Apollosaal 1811)

G. D'Aquila
The great Horn of Helm per corno delle Alpi e orchestra d'archi

Leopold Mozart
Sinfonia Pastorella per corno delle Alpi e orchestra d'archi

Wolfgang Amadeus Mozart
Adagio e fuga in do minore KV 546 (Vienna 1788)
Serenata n. 13 in sol maggiore KV 525 "Eine Kleine Nachtmusik" (Vienna 1787)
allegro - romance (andante) - menuetto (allegretto) - rondo (allegro)


 
 Informazioni 
Quando: Sabato 4 FebbraiO, ORE 21.00
Dove: Teatro San Rocco di Piazza Provenzal 5 - Voghera

Infotel:
Ufficio Cultura 0383/336.316 - 319

 
 
Pavia, 01/02/2006 (3834)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool