Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 15 luglio 2019 (263) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Un capolavoro ritrovato
» Festival di Musica Sacra
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» "La nuit profonde"
» Contrasti nel Classicismo viennese
» Storia di un violino
» Fiori musicali per voce e pianoforte
» Festival del Ridotto
» I regali di Natale
» Una sola musica per Pavia e Russia
» La Vita che si Ama Tour
» Mario Biondi "Best of Soul Tour 2017"
» Edoardo Bennato al Vigevano Summer Festival
» Steve Hackett in tour a Vigevano
» Paola Turci a Estate in Castello
» Punti Critici in Concerto
» Messa di Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart
» Il Coro della Scala in duomo a Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Festival di Gypsy
» Up-to-Penice
» Note d'acqua
» River Love Festival
» Concerto di pianoforte
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Sacher Quartet, In viaggio con i Cetra
» Un capolavoro ritrovato
» Sentieri selvaggi, musica d'oggi al Borromeo
» Festival di Musica Sacra
» Open Day al Vittadini
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» "La nuit profonde"
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 374 del 7 ottobre 2002 (1907) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Scott Finch Il Concerto
Scott Finch Il Concerto

Come annunciato, Sabato 5 Ottobre, a Spaziomusica (Pavia), si è tenuto il concerto di Scoot Finch.

Chitarrista di fama mondiale con uno stile inconfondibile, Finch è approdato per la prima volta a Pavia e non si aspettava certo un'accoglienza così entusiastica.

Calmo e controllato nel primo tempo, nella seconda parte dello spettacolo si è lasciato andare perdendo un po' della sua flemma ma guadagnandone in spontaneità e grinta.

Negli anni il suo stile è stato influenzato maggiormente da Jimi Hendrix e, ancora oggi, il suo strumento preferito è una Fender Stratocaster del 1962, amore che condivide con i suoi ispiratori (Hendrix, appunto, Johnny Winter, Rory Callagher, Robin Trower).

Sono proprio i brani di tutti questi guitar-heroes che Scott alterna a quelli scritti di suo pugno nella scaletta del concerto.

Memorabili versioni di Hey Joe, Voodoo Chile, Fire, Little Wings infiammano la platea.

Finch ha un suono splendido e controlla perfettamente gli effetti e le distorsioni senza mai strafare. Suona in modo naturale; non imita, questo è sempre stato il suo stile (ha cinquant'anni) e anche i brani di sua composizione suonano naturalmente hendrixiani.

Il batterista se la cava benino e il bassista ha un bel suono potente alla Grand Funk Railroad, ha poca voce ma la usa benissimo.

Un bel concerto.

 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 07/10/2002 (374)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool