Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 17 settembre 2019 (240) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» Il romanzo di Baslot
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 3675 del 5 dicembre 2005 (3457) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
A piccoli passi
A piccoli passi

"A piccoli passi. Giocattoli d'epoca e scarpe da favola", l'originale mostra allestita per il periodo natalizio alla Cavallerizza del Castello di Vigevano, consentirà ai visitatori di rivivere il favoloso mondo dei balocchi d'altri tempi...

Organizzata dagli Assessorati alla Cultura e ai Servizi Educativi del Comune di Vigevano in collaborazione con lo Studio Marangoni Design di Como, l'esposizione è suddivisa in due interessanti sezioni: la prima, dal titolo "Come giocavamo", è interamente dedicata a giochi e giocattoli d'epoca: circa 200 pezzi unici che coprono un periodo storico che va dal 1930 al 1960.
Il percorso espositivo è completato da testi di introduzione e da alcuni pannelli fotografici; mentre gli adulti possono rivivere i momenti giocosi della loro infanzia i più piccoli saranno sicuramente incuriositi dalle forme e dai materiali dei giocattoli di "una volta".

Tra le "chicche", in questa sezione, suggestivi "giochi da tavolo" (del noto marchio Ravensburger che ha prestato grande collaborazione all'iniziativa) che risalgono alla fine dell'ottocento e ai primi del '900.

La seconda sezione dell'esposizione, intitolata "Fiabe e scarpe", è, invece, dedicata alle calzature legate al mondo delle favole e dei racconti...

Dopo aver gridato un'ultima volta addio alla fata e ai suoi antichi compagni, battè tre volte i tacchi delle sue scarpette dicendo: "Portatemi a casa dalla Zia Emma!" (Il Mago di Oz)

Il gatto che fino a quel momento non aveva mai detto una parola a nessuno, gli strizzò l'occhio e cominciò a parlare: - Padron mio, non affliggetevi, procurarmi soltanto un sacco e un paio di stivali... e vedrete che la parte che vi tocca non è tanto misera come credet; altro che fame! Fra tre mesi saremo a Corte! (Il gatto con gli stivali)

Il principe la rincorse, ma trovò solo la scarpetta di cristallo, chiamò il granduca Monocolao e gli disse: "Sposerò solo la fanciulla che calzerà questa scarpetta" (Cenerentola)

La scarpa è dunque un tema ricorrente nei più celebri racconti per bambini, "attrice non protagonista" resa immortale da celebri penne quali Charles Perrault, del "Gatto con gli stivali", Frank Baum, del fantasioso "Mago di Oz", Jacob e Wilhelm Grimm di Cenerentola e Hans Christian Andersen delle "Scarpette rosse"...

L'allestimento è stato pensato a "misura bimbo" con teche poste a solo un metro di altezza e con installazioni sensoriali che cattureranno l'attenzione dei più piccini.
Grazie poi alla collaborazione con il noto calzaturificio vigevanese per bambini "Pé Pé" sono state ricreate, appositamente per l'evento e per la delizia dei più piccoli, la famosissima scarpina di Cenerentola, quella di Biancaneve e di Cappuccetto Rosso. E, a corollario della mostra, l'associazione culturale "Scarpanò" di Vigevano organizza su prenotazione per gruppi e comitive dei laboratori teatralizzati sul tema della fiaba e della calzatura.

Per giovedì prossimo, giorno dell'inaugurazione della mostra, oltre all'ingresso gratuito, sono previste attività di animazione teatrale e musicale che vedranno attori e spettatori al contempo partecipi di coinvolgente gioco di relazione. Ad allietare il momento verrà offerta a tutti una merenda con con biscotti natalizi, succhi di frutta, focacce e pizzette.

 
 Informazioni 
Dove: Cavallerizza del Castello Sforzesco - Vigevano
(Ingresso da Via Rocca Vecchia o dalla Strada Sotterranea)
Quando: dall'8 (inaugurazione ore 16.00) al 28 dicembre 2005 e dal 6 gennaio al 19 febbraio 2006, nei seguenti orari:
dal martedì al venerdì: 15.00-17.30; sabato, domenica e festivi: 10.00-18.30. Mattino solo su prenotazione.
Ingresso: intero - 4,00 euro; ridotto - 2,50 euro.
Bambini e ragazzi fino ai 12 anni accompagnati da un adulto entrano gratis; scolaresche 1,00 euro.
Laboratori 3,00 euro previa prenotazione.


Per informazioni e prenotazioni:
Tel.: 0381/693952 (Biglietteria del Museo)
 

La Redazione

Pavia, 05/12/2005 (3675)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool