Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 24 maggio 2019 (388) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.
» Mostra illustrazioni e fumetti di LUCIOP
» Voice of the voiceless Racconti forografici di Andy Rocchelli
» Diamo i numeri
» Raoul Iacometti. Alcuni di noi
» La Torre di Babele. Libri, dipinti, disegni
» P.A.T. – Pavia Art Talent

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» La bellezza della scienza
» Presentazione inutile
» Maria Corti: una vita per la parola. Un viaggio editoriale
» Pillole di... fake news
» Walking the Line
» Scienza e bugie: il virologo Roberto Burioni al Borromeo
» Schiavocampo - Soddu
» Marcella Milani si racconta al Pavia Foto Festival
» Flower Salad, una mostra di Alice Romano
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Colloquio sull'Europa
» Severino Boezio: la filosofia tra religione e poesia
» IngannaMente...
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 3546 del 31 ottobre 2005 (2525) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
12^ Paviantiquaria
Versatoio farmaceutico in maiolica decorato a 'foglia bipartita' in blu su smalto azzurro (XVII secolo)

Il grande antiquariato torna a Pavia. Lo scorso anno, la presenza di antiquari provenienti da gran parte d'Italia, stimolo per un confronto professionale cha spinge ed innalzare il livello delle opere esposte, ha consentito a Paviantiquaria di rinnovare l'interesse - da un po' di anni in calo - di pubblico e collezionisti... Un segno positivo che è stato il volano per l'edizione di quest'anno che vede alcuni nuovi arrivi di "rango", a significare l'interesse che la manifestazione pavese ha suscitato anche tra gli operatori del settore.

Gli espositori di Paviantiquaria saranno circa una cinquantina, tra i loro stand si potranno ammirare oggetti particolari ma anche rarità e "pezzi importanti", ne consegue che anche i valori delle opere esposte copriranno tutte le fasce di prezzo andando da cifre accessibili a molti per oggetti curiosi ed originali, fino ad altre considerevoli per i pezzi più rari.

Nei 2.500 mq di esposizione, collezionisti, appassionati o curiosi, chi sta cercando il suo primo "pezzo" e chi quello mancante per completare il proprio arredamento o per allargare la propria collezione, potranno soddisfare i propri desideri e curiosità con la certezza di trovarsi di fronte ad un'offerta di qualità, ad opere "oneste", qualunque esse siano. Nel rispetto di questi principi a Paviantiquaria, che si affida alla serietà e professionalità di tutti quegli antiquari che hanno scelto di parteciparvi, ogni dipinto, mobile, argento, gioiello, oggetto decorativo o pezzo d'eccezione esposto sarà corredato da un attestato storico-artistico.

La manifestazione, organizzata dall'Associazione Antiquari di Pavia con la collaborazione di Pavia Mostre - azienda speciale della Camera di Commercio di Pavia - Ascom e con l'appoggio della Banca Regionale Europea ed il patrocinio dell'Amministrazione Comunale e Fima (Federazione Italiana Mercanti d'Arte), affianca all'esposizione principale la mostra collaterale "Antiche Maioliche da Farmacia" e la tavola rotonda "Investire in Antiquariato" (10 novembre, dalle 18.00).

"Antiche Maioliche da Farmacia" presenta 50 pregiati vasa medicinalia risalenti al XVI e XVII secolo e importanti pezzi inediti di manifattura pavese del XVII e XVIII secolo. Questi esemplari, oggetto-simbolo dell'attività dello speziale nel corso dei secoli, oltre ad un'indiscutibile bellezza formale, hanno una notevole importanza storica perché documentano un periodo di attività delle manifatture pavesi (1680 - 1730 circa) di cui si era persa memoria in quanto erroneamente attribuite a manifatture venete, cancellando, di fatto, due secoli di produzione. Solo grazie a studi recenti (1992-99) sono state riattribuite arricchendo di pezzi di valore la già qualificata produzione pavese. A latere della mostra sarà organizzata una conferenza sulle: "Maioliche a Pavia".

 
 Informazioni 
Dove: Palazzo delle Esposizioni
Viale Europa, 12 - Pavia
Quando: dal 5 (inaugurazione ore 17.00) al 13 novembre 2005
nei seguenti orari: lunedì-venerdì: 16.30-22.00, sabato: 11.00- 23.00, domenica: 11.00- 20.00
Ingresso: 5,00 euro
 
 
Pavia, 31/10/2005 (3546)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool