Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 15 dicembre 2019 (323) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Oltre lo sguardo
» Looking for Monna Lisa
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carr√†. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome √®... Gioconda

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il telero di Tommasi Gatti restaurato
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Canti e storie nel bosco incantato
» La notte dei cantastorie
» Oltre lo sguardo
» L'altro Leonardo
» Looking for Monna Lisa
» Pavia Art Talent: una fiera per l'arte accessibile
» Incontro con Giorgio Scianna
» Custodire la memoria. Incontro con Giovanni Paparcuri
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Arianna Arisi Rota, Risorgimento. Un viaggio politico e sentimentale
» Libri al Fraccaro: Street philosophy Saggezza quotidiana
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 3411 del 23 settembre 2005 (3556) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Auguri, Greta!
L'immagine riprodotta sulla cartolina emessa dala Provincia

Viso indimenticabile, occhi ipnotici ma sguardo impenetrabile, voce roca ma suadente... è il ritratto dell'ultima diva di Hollywood.

Greta Lovisa Gustafsson, nata il 18 settembre del 1905 nei quartieri poveri di Stoccolma da una contadina d'origine lappone e da netturbino, probabilmente non immaginava che il suo giocare a truccarsi, travestirsi con abiti dimessi e recitare spettacoli in cucina fosse il primo passo verso la consacrazione a "Divina".

Il suo primo impiego fu presso un barbiere, poi passò a commessa nei grandi magazzini locali.. fu lì che incontrò il regista Erik Petshler, il primo ad introdurla nel mondo del cinema. Dopo gli studi all'Accademia di Arte Drammatica, fu notata da Mauritz Stiller, innovativo regista che sarebbe diventato il suo pigmaglione. Fu lui a offrirle il ruolo da protagonista ne "La saga di Gösta Berling" (1923) e a suggerirle il nome d'arte con cui sarebbe diventata famosa: Greta Garbo.

Da femme fatale irraggiungibile del cinema muto (La carne e il diavolo, Anna Karenina, La donna misteriosa, ...) a eroina del sonoro (Mata Hari, La regina Cristina, di nuovo Anna Karenina, Ninotchka, ...) la Garbo è sempre stata sotto i riflettori solo per girare i suoi film, rifuggendo sia la pubblicità sia le interviste, e la riservatezza con cui riuscì ad ammantare in un alone di mistero la sua vita privata ha contribuito alla creazione del mito.
Di lei Truman Capote disse: "La Garbo ha portato nel cinema un senso di poesia raggiunto, forse, solo da Charlie Chaplin. Perfino nelle sue prime pellicole, se viste oggi, essa illumina tutto ciò che la circonda, anche se sorpassato o ridicolo, perché è un'attrice classica, controllata da una sincerità artistica che di rado le permette un momento falso".. e con questa sua "sincerità", uscì a soli 36 anni, dalla finzione del mondo del cinema per entrare nella leggenda.

Per commemorare l'anniversario della nascita di Greta Garbo, le Poste Svedesi hanno emesso un francobollo celebrativo in suo onore. Ai festeggiamenti per l'annullo di venerdì 23 settembre, in contemporanea a Stoccolma e New York (dove la Garbo è morta nell'aprile del '90), si associa Pavia, che nello stesso giorno inaugura la mostra "Auguri, Greta. 100 anni dalla nascita della Divina".
L'idea è nata dal Settore Cultura della Provincia di Pavia, che consapevole del grande patrimonio bibliografico, emerografico e fotografico raccolto da Davide Turconi - oggi di proprietà dell'Ente - ha deciso di dare così il via ad una serie di iniziative celebrative di grandi protagonisti della storia del cinema attingendo a questo fondo.

Dalle teche allestite nell'atrio della sede dell'Amministrazione Provinciale faranno bella mostra di sé oltre 30 le foto stampate da originali e corredate da pannelli illustrativi dei principali film e da un pannello riservato alla Garbo "donna", ritratta mentre cammina per strada e nel privato.
Si potranno ammirare anche riviste degli anni dai '30 agli '80 (antenate delle moderne fanzine) e raccolte di frasi d'amore a lei dedicate, libri monografici, cataloghi di mostre storiche organizzate dalla Provincia negli anni '70 (Divi & Divine), cartoline, bozze di locandine e perfino un diario di un ammiratore.
Una collezione tutta pavese che ha pochi eguali in Europa e per questo già richiesta dall'Istituto Italiano di Cultura a Stoccolma per allestire una mostra analoga nel Paese Natale della Divina.

Il francobollo con l'immagine tratta da 'As you desire me' emesso in contemporanea anche dagli Stati Uniti

Questa iniziativa - che è anche un modo di ricordare Davide Turconi, scomparso lo scorso gennaio - intende rivolgersi non solo ai cinefili ma, con l'esposizione dei materiali filatelici forniti dalle Poste Svedesi, incuriosire un pubblico più vasto. In tale occasione saranno, infatti, esposti due francobolli: uno raffigura la caricatura della Diva realizzata da Einar Nerman e l'altro riproduce un'immagine dal film "As you desire me".
Sono state inoltre predisposte dalla Provincia 1.000 cartoline, su 500 delle quali verrà apposto il francobollo celebrativo svedese. Queste ultime verranno donate all'associazione A.E.P. Onlus (Associazione Amici dell'Ematologia) di Pavia che collaborerà all'iniziativa occupandosi della distribuzione ed il ricavato verrà impiegato per acquisti di materiali audiovisivi destinati ai ricoverati nei reparti di Ematologia

 
 Informazioni 
Dove: Palazzo della Provincia - Piazza Italia, 2 - Pavia
Francobolli in distribuzione (al costo di 1 euro) c/o la Sala cinematografica Politeama di Corso Cavour - Pavia
Quando: dal 23 settembre (inaugurazione ore 11.30) al 28 ottobre 2005, aperta nei seguenti orari:
lunedì-giovedì: 9.00-12.00 / 14.00-17.00; venerdì: 9.00-12.00.

La Biblioteca Cinema "Davide Turconi" della Provincia di Pavia ha trovato una collocazione presso la Facoltà di Lettere e Filosofia - sezione Scienze dello Spettacolo del Dipartimento di Scienza della Letteratura e dell'Arte Medievale e Moderna - dell'Università degli Studi. Attraverso una gestione integrata dei due Enti diventerà fruibile da un pubblico di studiosi, studenti e appassionati.
 

Sara Pezzati

Pavia, 23/09/2005 (3411)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool