Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 5 luglio 2020 (952) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» 4 itinerari in provincia
» Leonardo torna in Castello
» Casei a spasso con la cultura, tra libri e teatro
» Un convegno sulla risorsa acqua
» 3, 2, 1... IAT!
» Ecco la Greenway
» Cacciatori consapevoli
» Lotta al randagismo
» Green Ways nel Parco del Ticino
» Un connubio tra Cultura e Natura
» Cappuccetto Rosso nel Parco del Ticino
» Mezzanino e il Museo del Po
» Passato e futuro sul fiume Ticino
» La tre giorni del Naviglio Pavese
» Educare alla biodiversità
» Apre l'ufficio animali!
» Sulle Ali degli Aironi
» Il Bosco e le sue creature
» L'A21L nel web
» Differenziare paga

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Biodiversità degli animali
» Riabitare l'Italia & Appennino atto d'amore
» Festa dell'Albero 2019
» Lotte biologica, l'importanza dell'impollinazione da parte delle api
» Come moltiplicare le piante in casa: tecniche e consigli
» Corso sulla biodiversità urbana
» Passeggiata naturalistica
» Corso base di acquarello naturalistico
» La Margherita di Adele
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» BiodiverCittà - passeggiata al Parco della Sora
» Biodivercittà - passeggiata al Parco della Vernavola
 
Pagina inziale » Ambiente » Articolo n. 3406 del 21 settembre 2005 (2307) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Fiumi Sicuri
Fiumi Sicuri

Dopo i positivi risultati ottenuti negli anni scorsi, la Prefettura di Pavia, la Regione Lombardia e la Provincia di Pavia con la collaborazione del Corpo Forestale dello Stato di Pavia hanno promosso la terza edizione dell'iniziativa "Fiumi Sicuri".

In calendario per sabato prossimo, l'operazione che si svolgerà operazione ha un duplice obiettivo: sensibilizzare i cittadini verso l'educazione ambientale e migliorare la sicurezza dei corsi d'acqua, diminuendo i rischi provocati da eventuali alluvioni. "Non a caso - ha precisato l'Assessore Provinciale alla Viabilità e Protezione Civile Giuseppe Chiari in sede di presentazione - la scelta di intervenire in autunno a prevenire i potenziali rischi delle precipitazioni della stagione".

Si provvederà, in particolare, allo sfalcio di vegetazione e alla rimozione di piante pericolose in alveo e sulle sponde dei fiumi, che vanno a costituire dighe naturali e, in caso di piena, un pericolo per le infrastrutture.

La Sede Territoriale della Regione Lombardia di Pavia sta svolgendo un'azione di natura tecnica, esaminando le proposte ed individuando gli interventi da eseguire e le soluzioni operative. La Provincia di Pavia sta curando l'organizzazione logistica e il coordinamento dei volontari delle organizzazioni di volontariato di protezione civile, mentre la Prefettura ha avviato i contatti con gli Enti Locali per acquisirne le richieste, successivamente vagliate per definire gli interventi possibili, in relazione ai mezzi disponibili e alle circostanze. Il Corpo Forestale dello Stato, infine, contribuisce occupandosi dei sopralluoghi organizzativi e svolgerà assistenza ai cantieri.

I Comuni hanno contribuito segnalando le aree di intervento lungo i corsi d'acqua, individuando le aree di deposito legname, acquisendo l'assenso da parte degli abitanti agli accessi ai fondi privati, dando la disponibilità di personale che vigilerà sulle operazioni, anche organizzando e distribuendo il pasto di mezzogiorno per i volontari.
Dieci i Comuni aderenti all'iniziativa - Candia Lomellina, Vellezzo Lomellina, Pieve del Cairo (che sarà centro di coordinamento), Suardi, Pavia, Landriano,Montalto Pavese, Pancarana, Romagnese e Santa Margherita Staffora - e 24 le associazioni di volontariato afferenti al Coordinamento Provinciale di Protezione Civile e del Parco del Ticino attivamente coinvolte.

Un suggerimento interessante è pervenuto proprio dal fronte del volontariato e concerne la possibilità di intervenire in modo massiccio su un unico fiume, trattando a fondo un tratto prestabilito anziché più corsi d'acqua (quest'anno il Ticino, il Lambro meridionale e il Navigliaccio).

L'ASM di Pavia, l'ASM di Voghera, la Broni-Stradella spa e il CLIR di Mortara, infine, hanno assicurato lo smaltimento delle ramaglie e del materiale di sfalcio.

A questo proposito Fabrizio Fracassi - Consigliere d'Amministrazione del Parco del Ticino, delegato per Vigilanza e Volontariato, Boschi e foreste e Opere Pubbliche - ha ricordato la possibilità da parte dei cittadini di ritirare, al termine delle operazioni, il legname recuperato e tagliato in pezzi delle dimensioni di un 1 metro circa.

 
 Informazioni 
Dove: a Pavia l'iniziativa coinvolgerà il tratto cittadino del Ticino a monte del Ponte della Ferrovia e in zona Borgo
Quando: sabato 24 settembre 2005, dalle 8.00 in poi
 

La Redazione

Pavia, 21/09/2005 (3406)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool