Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 22 novembre 2019 (316) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Giornata Internazionale delle Bambine e delle Ragazze
» Comune che vai, fisco che trovi
» Cyberbullismo: il male sottile
» Cities for Life - Città per la Vita/Città contro la Pena di Morte
» Evviva la Repubblica
» Ecco la carta dei servizi e dei diritti per i Musei di Pavia
» Nasce Radio Local
» Treno Verde 2016
» Pavia ad HappyCube
» Un altro Sanremo alle spalle
» Minerva d'Artista
» Appesi a un filo, ma senza rassegnazione
» I Beatles in edicola
» Madagascar 3: Ricercati in Europa. Ma anche a Pavia...
» Chiusura dei cinema Corallo e Ritz
» InfoMatricole 2012
» Pavia-Innsbruck: un gemellaggio possibile?
» Buio in sala? Prima che i cinema chiudano anche a Pavia
» Una fiaccolata per sensibilizzare sull’autismo
» Oscar 2012!

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Lectio magistralis di Vittorio Sgarbi
» Scienziati in prova
» Notte dei Ricercatori - Settimana della Scienza
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Porte Aperte
» Giornata del Laureato
» Bloomsday
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Pila di Volta
» Paolo Gentiloni, Roberto Maroni e Ferruccio de Bortoli a Pavia
» Viaggio nel lato oscuro dell'universo
» Scienziati in Prova
» SHARPER: il volto umano della ricerca
» Fiera delle Organizzazioni Non Governative e della Società Civile
» Giornata del Laureato
 
Pagina inziale » Università » Articolo n. 3303 del 29 luglio 2005 (1651) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Il dopo 'Porte Aperte'
Il dopo 'Porte Aperte'

Perfino dall'Ecuador sono arrivati. Alla settima edizione di "Porte Aperte all'Università di Pavia", la giornata di orientamento organizzata dal C.OR., c'erano letteralmente ragazzi da tutto il mondo. Naturalmente una buona percentuale dei 1500 giovani che hanno partecipato alla giornata del 19 luglio venivano dal nord Italia, per lo più Lombardia, ma anche Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta. Un folto gruppo poi veniva dal sud, Sicilia, Puglia, Calabria e Basilicata. Ma il dato più interessante è che si sono registrati presso la segreteria del C.OR. all'inizio della mattinata, alcuni giovani provenienti dalla Svizzera, dalla Francia, dall'Ecuador, dalla Russia e dal Brasile.

Se l'obiettivo dell'Ateneo pavese è quello di promuoversi come università di eccellenza nella ricerca, attestandosi ai vertici in Italia e in Europa, allora l'obiettivo è stato perfino superato, stando a questi dati. Inoltre, ed è questo un altro punto molto interessante, si sono visti giovani laureati di primo livello che vogliono iscriversi a Pavia per il biennio di specializzazione, provenienti proprio dalle Università "concorrenti" come per esempio la Cattolica e la Statale di Milano, e dagli atenei di Bergamo, Parma Genova e Padova.
Ultimo dato, all'incontro con i genitori, che si è tenuto alle 18,30 sempre il 19 luglinello stesso giorno, hanno partecipato circa 250 persone. Una sala gremita che segnala la voglia di capire meglio e di più il complesso mondo che l'offerta universitaria oggi presenta.

Dunque promuoversi fa bene all'Università di Pavia, come non manca mai di sottolineare il nuovo Rettore Angiolino Stella, e i numeri parlano chiaro, nonostante il fatto che quest'anno "Porte Aperte" è stato anticipato a luglio (di solito era a settembre) ed è stato concentrato in una sola giornata.

"Il nostro è un progetto di orientamento in continua evoluzione, vuole dare risposte anche ai bisogni emergenti, a chi pone domande sempre più complesse" afferma la professoressa Laura Pagani, Delegato dell'Orientamento, ""Porte Aperte" è un laboratorio in cui si sperimentano nuove modalità per dare un servizio a misura di studente".

Secondo le parole del professor Salvatore Veca, Pro Rettore alla didattica, che ha parlato all'inaugurazione della giornata, di fronte ad un'Aula Magna piuttosto affollata: "Ci interessava progettare quest'anno un'edizione di "Porte Aperte" che riguardasse sia l'avvio alla scelta degli studi di primo livello, sia l'informazione e l'orientamento per gli studi del biennio specialistico", dunque lo spostamento a luglio è sembrato necessario. Poi si è parlato di ricerca. "Perché la ricerca?", ha proseguito il professor Veca, "Perché la nostra è una "research university": qui si insegna in rapporto a ciò su cui si fa ricerca scientifica. Vuol dire definire il proprio programma di studi, cioè i diversi corsi di laurea (in questo caso soprattutto i corsi di laurea di secondo livello) identificati in quei settori in cui la capacità di ricerca della nostra università è più significativa.
Questa è la caratteristica e la missione che noi ci siamo dati come Università di Pavia e che il Rettore Stella certamente porterà avanti con vigore
".

Riprendendo poi le parole del vice Sindaco Ettore Filippi Filippi, presente all'inaugurazione, che ha sottolineato il fatto che gli studenti sono la una risorsa che aumenta la ricchezza della comunità, Salvatore Veca ha toccato uno dei tasti più cari alle famiglie, oltre che agli studenti: "Mi ha fatto molto piacere quanto ha asserito il Vice Sindaco e quanto ha detto il Prefetto, e cioè che l'Università di Pavia è una Università che vive entro una "città universitaria".
Ma come si fa dire che una città è universitaria? Berlino per esempio non è una città universitaria, ma ha delle splendide università; così pure Milano o Stoccolma o Londra che pure ha università prestigiose come l'Imperial College e la London School of Economics.Le città universitarie sono Oxford o Cambridge o Heidelberg perché sono in qualche modo comunità, sono incentrate sulla dimensione dell'apprendere e del ricercare
". E Pavia, dice ancora il Pro Rettore, rientra tra queste a pieno titolo: "Questo è il punto: a Pavia i 26.000 studenti sui 70.000 residenti vogliono dire questo. Non che c'è una città che ha una università, ma è una città che vive con l'università e consente di vivere la dimensione universitaria e di fare interagire il vivere, il convivere con lo studiare".

A chiudere la prima parte della mattinata è stato poi il professor Cesare Balduini, che ha illustrato, dati alla mano, proprio quella intensa attività di ricerca che l'Università di Pavia è in grado di produrre e che rappresenta il fulcro vero del suo prestigio.
In contemporanea alla giornata di "Porte Aperte" si sono tenuti anche i corsi di addestramento ai test per accedere ai corsi di laurea a numero chiuso. Anche qui la partecipazione è stata molto alta: 350 studenti per la facoltà di medicina e chirurgia; 200 per psicologia e circa 100 per scienze della comunicazione (CIM).

 
 Informazioni 
 

Comunicato Stampa

Pavia, 29/07/2005 (3303)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool