Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 13 novembre 2019 (370) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Due elefanti rossi in piazza...
» Porte Aperte
» Ad AstroSamantha la laurea honoris causa
» Mattoncinando in Cavallerizza
» Caravaggio
» Tutti in TV!
» 200 giorni nello spazio con la Cristoforetti
» Darwin Day: Evolution is Revolution
» Festival dei cori di Porana
» Vigevano Medieval Comics
» Mangialonga biologica
» SensAzioni di Appennino
» 4° Cicogna Days
» Trame di guerra Intorno al Giorno della Memoria
» Inaugurazione del 654° Anno Accademico
» Ludovico e Beatrice. Invito a Palazzo Ducale
» Dream - Festa di Ferragosto
» Convivium - Giromangiando nel borgo medioevale
» Merenda sul prato
» Lennon Memorial Concert

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
» Festival di Gypsy
» Up-to-Penice
» Note d'acqua
» Swing and Jazz
» River Love Festival
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Concerto di pianoforte
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Sacher Quartet, In viaggio con i Cetra
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 3206 del 4 luglio 2005 (1719) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Live 8. Come è andata?
Live 8. Come è andata?

Pare proprio che il primo "evento" musicale del nuovo millennio sarà nominato questo Live 8 che, per tutta la giornata di sabato 2 luglio, ha dominato le cronache mondiali, coinvolto milioni di spettatori e incollato ai televisori la popolazione mondiale.

Credo che si possa dire che l'obbiettivo di attirare l'attenzione del mondo intero sui problemi che vive il continente africano sia stato sicuramente raggiunto; quali saranno poi le conseguenze di questa "nuova" attenzione sulla risoluzione dei problemi stessi... beh, questo lo sapremo solo tra qualche tempo.

Anche la riuscita "mediatica" di questo evento, con dirette musicali da otto palchi situati in otto città diverse, sparse in giro per il mondo, è stata un'operazione sicuramente riuscita; ma quello di cui mi interessa parlarvi è la parte strettamente musicale.

Come era successo ai tempi del Live Aid, mi sono piazzato davanti al televisore alle 14 e 30 e me ne sono staccato solo 11 ore dopo, alla chiusura del concerto romano, l'ultimo ad abbassare il sipario.
La prima considerazione che mi viene da fare è che il livello generale è stato qualitativamente inferiore a quello del Live Aid (stiamo comunque parlando di livelli alti) e che comunque, ancora una volta, a farla da padrone è stato il vecchio rock di una volta.

Pink Floyd

Non a caso ad aprire e a chiudere la manifestazione è stato Paul McCartney (in grandissima forma) e i momenti "topici" sono stati l'esibizione degli Who il revival dei Police fatto da Sting e, soprattutto, la reunion dei Pink Floyd.

Robin Williams, per galvanizzare il pubblico, si è servito di due cover. Madonna non è certo un nome nuovo.
Ci sono stati anche parecchi gruppi "nuovi" come gli Stereophonics ma, scusatemi, il confronto con i "vecchi leoni" non è stato a loro favore.
E se per fare cantare a squarciagola migliaia di persone serve ancora Hey Jude... allora, forse, bisogna ammettere che di nuovo "sotto il sole" c'è proprio poco.

 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 04/07/2005 (3206)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool