Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 22 aprile 2021 (478) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Un anno al Fraschini
» I Fratelli Lehman
» Il Gabbiano
» Caffè Corretto
» After Miss Julie
» Se il tempo fosse un gambero?
» Ogni volta che si racconta una storia
» Teatro Fraschini: Stagione 2018/2019
» Il corpo che... avanza
» Novecento
» Spirito di Copenaghen
» Quà quà attaccati là
» Sette topi in cucina. Chi ha paura di Le Grand Miaò?
» Stelle Erranti. Perché il vento non le porti via
» Sogno di una notte di mezza sbronza
» Piccoli Crimini Coniugali
» Ed ero più mata de prima
» Fabule & Scarpule
» Il Mercante di Monologhi
» Tramp

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Nel nome del Dio Web
» Incontro al Caffè Teatro
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» Gran Consiglio (Mussolini)
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 3203 del 4 luglio 2005 (2458) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Transiti ed il Corpo...
Transiti ed il Corpo...

Prosegue, all'interno della programmazione Fare Estate, la rassegna Transiti, il teatro nei nonluoghi, con lo spettacolo Il Corpo del Nemico, prodotto dal Laboratorio Teatrale Motoperpetuo di Pavia, interpretato da Bruno Cerutti e Franca Graziano, per la drammaturgia di Franca Graziano.

Il lavoro è nato in occasione del 60° anniversario della Liberazione italiana, è stato replicato in quei giorni, oltre che a Pavia, a Cremona e Stradella, e intende essere un momento di riflessione forte su quello straordinario periodo, in cui uomini e donne, insieme, combattenti e non, misero a disposizione la loro vita pur di salvare la Patria dallo scempio dell'occupazione. Si è scelto di portare lo spettacolo nell'attuale Caserma dei Vigili Urbani perché quella, durante il ventennio fascista, è stata la Caserma 28 Ottobre, tristemente nota come luogo di tortura degli antifascisti pavesi, in particolare di quel Ferruccio Belli di cui nello spettacolo viene raccontata l'odissea.

Ma il lavoro, oltre a questa testimonianza pavese, si snoda attraverso le storie di altri piccoli grandi eroi, immortalati dalle pagine letterarie più significative dei poeti e degli scrittori che testimoniarono le violenze dei carnefici nazi-fascisti, fino ad assumere valenza di denuncia della ferocia di tutte le guerre, che non cessano di aggredire l'umanità...

"Agiamo in scena- spiega Franca Graziano- incarnandole nei nostri corpi di interpreti, le parole di Beppe Fenoglio, di Quasimodo, Ungaretti, Gatto, delle Lettere dei condannati a morte della Resistenza Italiana e di quel capolavoro che è "Uomini e no" di Vittorini, di cui proprio in questi giorni ricorrono i 60 anni dalla pubblicazione: lo scrittore era alla macchia tra Milano e Firenze, e attraverso una donna mandò all'editore Bompiani le pagine del libro nascoste in tubetti di Optalidon!"

 
 Informazioni 
Quando: mercoledì 6 luglio alle ore 21.30
Dove: presso la Caserma dei Vigili Urbani, V.le Resistenza, Pavia

Info:
tel. 0382572629
E-mail: motoperpetuo@tin.it

 
 
Pavia, 04/07/2005 (3203)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool