Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 16 settembre 2019 (291) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» 10 per Pavia a Catania!
» Il Demetrio su Amadeus
» La Sella Plicatilis a Magdeburgo
» Adotta un'orchidea!
» Beatles Next Generation: bufala o realtà?
» Oh, questa è bella! (appendice sanremese)
» George Harrison - Living in the material world
» I ragazzi della Via Stendhal
» Una tela del Procaccini a Lungavilla
» Donald & Jen MacNeill e i Lowlands
» La musica in Portogallo
» Cucina ebraica in Lomellina
» Mistero a Pavia
» Musica e auto
» La colomba… Ha fatto l’uovo!
» Musica ceca
» Una giornata a Camillomagus
» Piva piva l'oli d'oliva
» Sodalizio gastronomico...
» CicloPoEtica 2010

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Kosmos - nuovo polo museale dell'Università di Pavia
» Visita alla Cascina di Sant' Alessio
» A tu per tu con Atleti e Veneri
» Festa del Ticino 2019
» 117 Visite Guidate al Museo della Certosa di Pavia
» Dai fondi oro ai leonardeschi
» Andiamo in cripta
» Serate d'estate in Castello
» I giorni di Ugo Foscolo a Pavia
» "Gli Archeologi: De Chirico e la riscoperta dell'Antico"
» Palio del Ticino
» Visita al Ghislieri con Goldoni....
» Alla Ricerca della Carta Perduta
» Fotografando l'Oltrepò
» Il restauro della Pala cinquecentesca della Chiesa del Carmine
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 3118 del 7 giugno 2005 (4549) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Le bambole di Santa Giuletta
Le bambole di Santa Giuletta

Una volta le bambole di Santa Giuletta erano famose in tutto il mondo.
I giornali degli anni '50 riservavano lungi servizi a questo paese, tutto dedito a inventare e a costruire bambole e relativi accessori. In quassi tutte le case si lavorava alla produzione di questi manufatti ed e erano attive una ventina di fabbriche che impiegavano un migliaio di operaie, per non parlare dell'indotto o del lavoro a domicilio sparso in tutti i comuni della zona. Una vera e propria area-sistema.

All'inizio le bambole erano costruite con carta pesta, attraverso un processo molto elaborato ed erano destinate ai divani e ai salotti delle giovani spose. Poi subentrò la plastica, le bambole camminanti e parlanti ed infine la lavorazione dei pelouche e di altri giocattoli... Un'attività che al giorno d'oggi è praticamente scomparsa.

L'Amministrazione Comunale però non si è arresa all'idea di rinunciare a questa tradizione e ha voluto mantenerne vivo almeno il ricordo. Ha deciso di raccogliere bambole, giocattoli, fotografie, calchi, utensili da lavoro, etichette, cataloghi delle varie epoche, dagli anni Trenta agli anni Ottanta del secolo scorso, e li ha organizzati e presentati in un museo.
Alle finalità turistiche di questa iniziativa si associano quelle storico-culturali e didattiche che già negli scorsi anni hanno dato vita a corsi indirizzati all'artigianato artistico con un modulo espressamente dedicato alla lavorazione delle bambole.

Oggi, dopo anni di appelli, ricerche, iniziative di sensibilizzazione si è giunti finalmente all'apertura del Museo della Bambola e del Giocattolo (struttura finanziata con fondi dell'Unione Europea, nell'ambito dell'Obiettivo 2), che verrà inaugurato il prossimo sabato durante una manifestazione che vedrà intervenire autorità quali il Vescovo di Tortona, mons. Canessa, l'assessore regionale alla Famiglia, Giancarlo Abelli, e l'assessore provinciale alle Parità, Renata Crotti.

Al taglio del nastro seguirà una visita guidata al Museo, completato da una nuova sede della Biblioteca Comunale attrezzata per mostre e ricerche sulle bambole e sulla storia locale, e alla grande novità introdotta: il Laboratorio delle Bambole in Carta Pesta, dove verranno realizzate ricostruzioni sulla base dei modelli antecedenti la seconda guerra mondiale. Per l'occasione saranno presenti alcune operaie che lavoravano nelle antiche fabbriche a mostrare il processo di costruzione di questi straordinari esemplari.

Nella stessa serata, nella nuova piazza al centro del paese, si esibirà la fisaorchestra "Giuseppe Verdi", nota per le sue apparizioni a Telelombardia e si potranno degustare i vini Doc del paese e specialità gastronomiche locali.

Il Museo, la Biblioteca ed il Laboratorio, sono stati collocati al pianterreno dei locali municipali, inseriti nella ristrutturata piazza Pertini, dove si insedieranno alcuni esercizi commerciali con prodotti e servizi all'insegna dell'artigianato e dei prodotti tipici, dell'enogastronomia e delle tradizioni popolari.

 
 Informazioni 
Dove: nuova piazza Sandro Pertini - Santa Giuletta
Quando: sabato 11 giugno 2005, ore 11.00
 
 
Pavia, 07/06/2005 (3118)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool