Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 23 ottobre 2020 (163) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Francia 2010 che delusione!
» Dalla Russia con 'cantore'
» Sanremo '06 - Il giorno dopo
» Paese che vai... musica che trovi
» Concorsi e concorrenti
» Festival di Sanremo 2005
» Polonia tra metal e kletzmer
» Guido Mazzon Torna a Pavia
» SpaziomusicaSpaziobruno
» Pavesi in India
» Satellite of love - Ultimo atto
» Novità in casa Lizard
» Chi giudica chi?
» Callegari e il remix di Silvestri
» Bergamo, Pavia, la calca e Tarkovskij
» Ma guarda un po'!
» Sanremo 2004 Luci ed Ombre
» Conversazione con Sironi
» Premiato musicista pavese
» La musica negli U.S.A

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 310 del 13 dicembre 2000 (5278) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Stefano Cerri - Ricordo di un amico
Stefano Cerri - Ricordo di un amico

Stefano Cerri è morto una decina di giorni fà, bruciato in pochi mesi da quello che, per pudore, viene chiamato spesso "male incurabile" ma che, brutalmente, si chiama cancro. E' una morte che mi ha colpito profondamente anche perchè improvvisa e inattesa.

Ci eravamo conosciuti nei primi anni '70; frequentavamo gli stessi negozi di strumenti musicali a Milano e lui, figlio d'arte (suo padre, Franco Cerri, era -ed è- un famoso chitarrista jazz, oltre ad essere diventato una macchietta con il celebre personaggio pubblicitario dell "uomo in ammollo") ed "enfant prodige" del nuovo rock italiano, non mi era riuscito del tutto simpatico; ma era giovane e una certa supponenza era capibile. Poi, con gli anni, le cose sono cambiate. Ci siamo ritrovati tre anni fà a Brescia e l'uomo che avevo davanti era un musicista incredibile di immensa modestia.

Se all'inizio la sua passione per la chitarra lo portò a militare con varie formazioni milanesi, in seguito il nuovo interesse per il basso e lo "Stick" ( fu il primo in Italia e tra i primi al mondo ad impararne l'uso) lo coinvolse al punto da tentare strade diverse. Nel campo jazzistico suonò con Manusardi, Rusca, Palumbo, Tony Scott e con lo stesso padre Franco. Non abbandonò mai del tutto il campo del rock: formò il gruppo Crisalide (con cui accompagnò Finardi) e partecipò al Rock & Roll Exibition di Demetrio Stratos.

Nel '79 lasciò l'Italia per Londra dove si incontrò con Jon Anderson (degli allora disciolti Yes) ed entrò a far parte con lui della nuova formazione Animation con D.Sancious, C.Clempson e S.Phillips.

Fab Four String

Dopo aver girovagato per il mondo, nell'82 torna in Italia e, nell'84, forma i Chande con Calloni e Cabezas. Nell'86 inizia la sua attività di insegnante presso il Centro Professionale Musica di Milano; contemporaneamente comincia una lunga serie di collaborazioni (come session-man) con artisti quali Fiorella Mannoia, Franco Battiato, Eros Ramazzotti, Pino Daniele, Brian Auger, fino ad arrivare all'ultimo tour di Fabrizio De André. Da ricordare anche il trio Linea C (con Calloni e Colombo) e le ultime collaborazioni con il padre ed Enrico Intra.

L'ultima volta l'ho visto a Rimini, in Maggio. Mi era sembrato normale. Ce ne stavamo a questo raduno di bands beatlesiane (Stefano era iscritto ai Beatlesiani d'Italia Associati), seduti sugli scalini del palco a chiacchierare e mi stava raccontando dell'ultimo CD che aveva inciso "Fab Four String": un bellissimo disco in cui Stefano, accompagnato qua e là dalle tastiere di Harris, con il solo uso delle quattro corde del suo basso, reinterpretava 22 canzoni dei Beatles.

Quando ci lasciammo mi disse: "Telefonami a metà Dicembre, forse quest'anno riesco a venire al Lennon Memorial di Pavia. Mi piacerebbe presentare il mio disco".

Non ho fatto in tempo!

Ciao Stefano.

 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 13/12/2000 (310)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool