Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 19 novembre 2019 (201) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Spazio Matricole 2010
» Spazio Matricole 2009
» Presentazione del Centro Affidi
» In rete il nuovo CSV !
» Finanziamenti agli studenti
» 'Sportello Disabili Mobile' a Mortara
» Brevettare in Ateneo
» Comunicazioni d'estate...
» In rete senza fili
» Studenti disabili in rete
» La corrente non corre sul filo….
» Ateneo e Terme
» C'è posta per... tutti!
» Immatricolazioni on line
» A.A.A. Alloggio cercasi
» Nuovo Poliambulatorio per Odontoiatria
» Bussola per matricole
» Numero Verde per l'Università
» Università senza barriere
» La Carta Ateneo

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Alta tensione in v.le Brambilla
» L'appello del FAI
» Prima e dopo la cura
» ... Per la Chiesa di S. Marino
» Tanti auguri Ticino!
» Il Garibaldi invisibile...
» Centro commerciale di Borgarello: favorevole o contrario?
» La centrale termoelettrica di Voghera
» Alluvione: polemiche verdi
» Prevedere le alluvioni
» La Torre che non c'è più
» La Torre Civica
» Appello della Protezione Civile
» Alluvione 2000
» Alluvione 2000
 
Pagina inziale » Dossier » Articolo n. 2849 del 31 marzo 2005 (6874) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
L'archivio fotografico Chiolini
Particolare di una foto di G. Chiolini

145.000 originali, tra lastre e negativi, è il considerevole patrimonio che costituisce l'archivio fotografico Chiolini.

Guglielmo Chiolini (10/7/1900-7/7/1991), definito (a ragione, ci permettiamo di aggiungere) un "pavesissimo" "poeta della fotografia", iniziò a coltivare la sua passione per la fotografia a 16 anni, girando per le strade di Pavia alla ricerca degli angoli più suggestivi da fotografare.

Sin da ragazzo dimostrò di avere un'ottima capacità di osservazione e abilità nel comporre l'inquadratura dei soggetti, nonché una perfetta intuizione del valore delle luci e delle ombre, accompagnata da un profondo amore per la natura (egli stesso confessò in un'intervista di aver "spesso disertato l'impiego per inoltrarsi nelle campagne alla ricerca di poetiche inquadrature")... doti che, da autodidatta, lo portarono prima ad aprire uno studio fotografico (1926) e, in seguito, a diventare il fotografo "ufficiale" della città e un impareggiabile paesaggista.

Particolare di una foto di G. Chiolini

Tra i numerosi successi, ricordiamo che le sue foto presero parte all'Esposizione di Londra (1921), che aveva una commissione organizzatrice presieduta dallo stesso Re Giorgio; che conquistò il primo premio alla Mostra Fotografica della Montagna (Busto Arsizio, 1950), che vedeva impegnati 454 espositori provenienti da tutto il mondo; che vinse il primo premio anche alla Mostra Internazionale della Leica per la categoria "Paesaggi e Colori" e che venne nominato Commendatore della Repubblica nel 1970.

Ma più che per i suoi riconoscimenti, Chiolini è ricordato e amato dai suoi concittadini per i suoi scatti che hanno immortalato avvenimenti e manifestazioni (tra cui Colonie Climatiche, il Duce all'Idroscalo, il Duce e il Re al Castello, il federale Freudiani), fatti e personaggi dell'aneddotica popolare, degli anni tra le due guerre, dei momenti di vita cittadina che riportano alla memoria luoghi, storia e consuetudini di vita dei pavesi.

L'archivio Chiolini racchiude testimonianze preziose di Pavia: le più belle immagini dei monumenti cittadini, anche di quelli che non esistono più come il Ponte vecchio - che è stato fotografato anche nei drammatici bombardamenti del '44 -, le vedute precedenti agli scempi dei bombardamenti e delle ricostruzioni del dopoguerra e le fotografie dell'industria pavese, degli interni degli stabilimenti, degli operai e dei macchinari della Necchi e della Fivre-Magneti Marelli (per citare alcuni esempi).

Particolare di una foto di G. Chiolini

Quasi tutte le aziende pavesi e della provincia, in effetti, commissionarono a Chiolini lavori di documentazione (cataloghi, interni degli stabilimenti, riproduzione di macchinari ecc.), che finirono per costituire un patrimonio di straordinaria importanza per la storia dell'industria pavese...
Probabilmente è questo uno dei motivi per cui, dopo aver visionato il materiale dell'Archivio Chiolini negli anni Ottanta, in funzione di alcune mostre, l'Ateneo pavese selezionò circa 5200 pezzi, le cui riproduzioni divennero parte del fondo fotografico dell'Istituto pavese per la storia della Resistenza e dell'età contemporanea.

Quanto esposto evidenzia (almeno secondo il nostro parere) che l'archivio fotografico Chiolini è, e deve rimanere, parte integrante della nostra città, ma, allo stato attuale delle cose, rischia di non essere più così.
In seguito all'esito di procedure legali, attualmente ancora in corso, l'archivio rischia infatti di essere messo all'asta, smembrato e trasferito altrove... una perdita che Pavia non si dovrebbe permettere.

 
 Informazioni 
 

La Redazione

Pavia, 31/03/2005 (2849)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool