Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 25 maggio 2020 (932) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Vittadini Jazz Festival 2019
» l'EX|ART Film Festival
» Maggio in musica
» Da settembre la nuova stagione del Cirro
» Da Mozart a Glenn Miller
» Nkem Favour Blues Band
» Altissima Luce
» Ultrapadum 2016
» Serenata Kv 375
» 4 Cortili in Musica
» Maggio in musica
» Con Affetto
» Mirra-Mitelli chiudono Dialoghi
» La Risonanza a Pavia Barocca
» Dialoghi: Guidi-Maniscalco
» Sguardi Puri
» Le piratesse della Jugar aprono Piccoli Argini
» Il cinema è servito!
» Ultrapadum agostano

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Incontro al Caffè Teatro
» Nel nome del Dio Web
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» Gran Consiglio (Mussolini)
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 2833 del 31 marzo 2005 (1799) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Indie9 ritorna!
Indie9 ritorna!

Dopo una breve vacanza pasquale ritorna mercoledì 6 aprile la rassegna cinematografica universitaria Indie9 dedicata, come sempre, al cinema indipendende da tutto il mondo.
La serata di riapertura sarà dedicata al cinema estremo orientale ed avrà infatti per titolo Est est est.

Potremo percorrere, alle otte di sera con il regista Kim Ki-duk, le strade deserte di una metropoli quasi fantasma in Ferro 3 - La casa vuota, una prima visione per Pavia.
Una silenziosa storia d'amore tra un ragazzo che abita le case della gente in vacanza e la giovane moglie maltrattata di un marito arrogante. Leggero, quasi trasparente, delicato ed infrangibile, l'ultimo film di Kim Ki-duk dopo Primavera, estate, autunno, inverno e ancora primavera.
Sono "clandestini del silenzio" i protagonisti di Ferro 3, che poi è solo il nome di una mazza da golf. In concorso "a sorpresa" all'ultima Biennale veneziana il film ha vinto il premio Speciale della Giuria, nonché il vero Leone per gran parte della critica presente al festival.
Un progetto, in parte sperimentale, che è tuttavia riuscito ad attirare in tutto il mondo anche un tipo di pubblico non avvezzo a certo cinema per le elites.

Poi, nella stessa serata, alle 10 sarà la volta di 2046 di Wong-Kar Wai.
Un'altra prima visione assoluta per la città. E la trama ancora una volta pare semplice. Uno scrittore parte su di un treno per scrivere del futuro, ma il suo cuore è ossessionato dal passato. Effetti animati, documentari in biancoenero, remake impossibili, l'eco di tutti i suoi film precedenti, da Hong Kong Express a In the Mood for Love.
Luci smaglianti, neon d'atmosfera, passione e ragione. Traiettorie spezzate, racconti solo accennati.
Panta rei: un film di flusso. Sarà il cinema del futuro. E se si, di quale futuro? Il 2046 forse?

 
 Informazioni 
Quando: mercoledì 6 aprile, ore 20.00 e 22.00
Dove: cinema Corallo, Via Bossolaro, Pavia

 

Roberto Figazzolo

Pavia, 31/03/2005 (2833)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool