Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 20 ottobre 2019 (284) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Un capolavoro ritrovato
» Festival di Musica Sacra
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» "La nuit profonde"
» Contrasti nel Classicismo viennese
» Storia di un violino
» Fiori musicali per voce e pianoforte
» Festival del Ridotto
» I regali di Natale
» Una sola musica per Pavia e Russia
» La Vita che si Ama Tour
» Mario Biondi "Best of Soul Tour 2017"
» Edoardo Bennato al Vigevano Summer Festival
» Steve Hackett in tour a Vigevano
» Paola Turci a Estate in Castello
» Punti Critici in Concerto
» Messa di Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart
» Il Coro della Scala in duomo a Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
» Festival di Gypsy
» Up-to-Penice
» Note d'acqua
» Swing and Jazz
» River Love Festival
» Concerto di pianoforte
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Sacher Quartet, In viaggio con i Cetra
» Un capolavoro ritrovato
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 283 del 24 gennaio 2003 (3148) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Roberto Aglieri a Spaziomusica
Roberto Aglieri a Spaziomusica

La musica vive quando è suonata "dal vivo"! Sembra un pasticcio lessicale ma è la sacrosanta verità ed è la prima sensazione che si evince dal concerto che Roberto Aglieri (con la sua Diatonic Orchestra) ha tenuto Giovedì 23 Gennaio a Spaziomusica.

Il supposto su cui viene incisa la musica (sia il nastro di una cassetta, o i solchi di un LP o il gelido specchio di un CD) finisce con appiattirne le emozioni.

Quando è suonata"dal vivo" la musica comincia a vibrare, ti attraversa il corpo, ti solletica la mente, ti coinvolge, mette in movimento strane reazioni psico-fisiche che portano all'atto della comprensione, dell'emozione e del coinvolgimento.

E' quello che è accaduto durante il concerto di Aglieri.

Vi avevo presentato, pochi giorni fa, il suo nuovo album Amina ma riascoltare quei brani in concerto è stata tutta una cosa diversa.

Avo

Il CD è il frutto di un lavoro che è partito nel 1999 e, rispetto alle versioni incise di molti brani, c'è stata nel frattempo una maturazione dei musicisti che hanno fagocitato e completamente assorbito lo spirito delle composizioni.

Il concerto si apre con Breath e prosegue con KiRye, un brano che, spogliato della iniziale sacralità, prende il volo per spiritualità più universali. Segue (come da scaletta del disco) Sogno di Mezzogiorno che inizia con un suono di cicale proveniente da un giocattolo.

Soncini - Bovio

Con Roberto Aglieri (che si esibisce ai flauti, all'armonium, alle fisarmoniche e con uno splendido vecchio modello di sintetizzatore Korg) sul palco ci sono Andrea Sacchi (armonica a bocca, armonium e percussioni), Sandro Soncini (Chitarra acustica), Martina Galvagni (voce -splendida-), Avo e Fafo alle percussioni e una "new entry": Giampaolo Bovio alla chitarra elettrica e acustica ad otto corde.

Roberto si aggira sul palco dirigendo i musicisti con gesti, a volte anche solo con sguardi, passando da uno strumento all'altro con disinvoltura.

Martina Galvagni - Stefano Faravelli

E' la volta di un brano tratto da un lavoro teatrale (Aladdinsane) con uso di basi campionate e di una composizione completamente nuova, ancora "in fieri", una danza, in cui viene coinvolto Stefano Faravelli al piffero.

Il giovane suonatore "delle Quattro Provincie", già apprezzato da De Andrè, l'avevamo appena visto partecipare al concerto di Malaspina.

Poi c'è un errore di percorso: l'intervallo!

Fafo

C'è un calo di tensione. Questo genere di musica ha una specie di movimento a spirale che, piano piano, ti porta su su su, elevando la soglia di attenzione e di partecipazione dello spettatore. Interrompere questa spirale è come tagliare la corda dell'ascensore: bisogna ricominciare a salire dal piano terra.

In ogni caso, dopo un paio di brani (il nuovo Omar's Dance e Andera) gli equilibri si ristabiliscono grazie a In Volo, molto ritmico e coinvolgente. Segue una ninnananna cantata in tedesco (!) e Finali (dedicata a Bruno Morani)

Vincenzo Rende

Siamo sul finire; Neverend vede la partecipazione di tutti i musicisti e Made in Terraneo #2 richiede la presenza sul palco di Vincenzo Rende in qualità di solista elettrico (come nel CD) ed è una nuova magia.

Cos'altro posso dire? Sono le tre di notte e domani mattina devo consegnare l'articolo, ma sono soddisfatto del concerto e mi fa piacere poter parlare bene di un amico.

 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 24/01/2003 (283)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool