Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 22 novembre 2019 (254) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Looking for Monna Lisa
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» L'altro Leonardo
» Looking for Monna Lisa
» Pavia Art Talent: una fiera per l'arte accessibile
» Incontro con Giorgio Scianna
» Custodire la memoria. Incontro con Giovanni Paparcuri
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Arianna Arisi Rota, Risorgimento. Un viaggio politico e sentimentale
» Libri al Fraccaro: Street philosophy Saggezza quotidiana
» Francesco Melzi e i codici di Leonardo
» Essenzialità dell'inessenziale
» Al Borromeo il ricordo del teologo Karl Barth
» La grande bellezza dei libri
» Un oceano di silenzio
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 2759 del 7 marzo 2005 (8194) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Paesaggi del corpo
Particolare della locandina della mostra

In occasione della Festa della Donna, il Comune di Pavia in collaborazione con la cooperativa Alef, inaugura, presso lo spazio per la grafica e l'arte contemporanea dell'ex convento dei Crociferi, la mostra fotografica "Paesaggi del corpo".

Cinque fotografi di fama internazionale si confrontano sul tema del corpo e della natura, del paesaggio riscoperto nella sinuosità del corpo femminile... Un'occasione per proporre una lettura inedita del tema scelto dalla città di Pavia, il paesaggio, e riproposto in dialogo e interazione con la mostra Paesaggi. Pretesti dell'anima.

Questa serie di 50 immagini, provenienti dal museo Ken Damy di Brescia, propone la visione di corpi femminili ridisegnati e reinterpretati seguendo la naturale predisposizione del corpo umano ad essere simulacro della natura.
Particolare di una foto di Navarro Percorsi disegnati nei corpi proposti in un nudo d'arte, talvolta insinuato, talaltra dichiarato o suggerito e riscoperto nelle linee e nei movimenti disegnati dagli elementi della terra.

Ecco quindi l'elegante bianco e nero di Navarro, fotografo spagnolo che, dal 1973 al 2000, ha realizzato ben 126 esposizioni individuali. Le sue opere appaiono in numerosi musei di arte contemporanea e in collezioni pubbliche e private di tutto il mondo. Il suo gioco di chiari e scuri restituisce la suggestione di luoghi corporei, dove la luce diventa elemento di definizione e allo stesso tempo elemento costruttore dell'armonia delle forme del corpo femminile.

Particolare di una foto di Ken Damy

La tensione dei corpi irrompe prepotentemente dalle immagini regalate da Ken Damy: la forza dalla natura che vive freme e ci parla di lei. Ken Damy comincia a lavorare come fotografo di scena presso alcune compagnie teatrali, fino ad arrivare ad aprire, nel 1990 il museo Ken Damy di fotografia contemporanea a Brescia, dove organizza grandi mostre a tema e mostre personali di artisti stranieri tutte inedite; è anche organizzatore di un appuntamento importante come la Biennale di Fotografia contemporanea, ora docente di fotografia presso l'Accademia di Brera a Milano.

L'impatto dei colori di Fontana con le sue figure rigorose e ordinate. Lo stesso ordine naturale della terra, dove anche il caso sembra paradossalmente operare con una sua coerenza; questo autore modenese di levatura mondiale ha esposto in collettive e personali nei luoghi più frequentati del mondo dell'arte come la galleria Die Brucke di Vienna o il Guggenheim museum di New York.

Particolare di una foto di Dunas

Siamo ora, alla più immediata associazione tra corpo e natura negli imponenti dittici proposti da Clergue; il corpo si contrappunta alla natura, ritrova in essa precisi richiami di forma e di suggestione. Clergue nasce e realizza i suoi primi lavori ad Arles, ha esposto numerose volte in tutto il mondo e dal 1979 è docente di fotografia all'Università di Provence (Marsiglia).

E infine Dunas, californiano di Los Angeles, collabora giovanissimo con riviste specializzate e di moda, ultimamente si è trasferito a Parigi dove continua una copiosa attività editoriale.
Il suo occhio fotografico disegna sui corpi paesaggi mentali fatti di colori, di rossi, di blu.

Nello spazio più suggestivo dell'EX convento dei Crociferi, la "cripta" del XVII secolo, la Alef realizzerà una videoinstallazione che propone una "rivisitazione" della performance di danza del gruppo SPX.3 che il Settore Cultura, Turismo e Promozione della Città presenterà al pubblico il 14 marzo presso le sale del Castello Visconteo di Pavia ore 17.00 e ore 18.00 come ulteriore lettura, attraverso la danza, della mostra Paesaggi. Pretesti dell'anima.

 
 Informazioni 
Dove: Ex convento dei Crociferi
Via Cardano 8 - Pavia
Quando: prolungata fino al 1° maggio. Aperta nei seguenti orari: da martedì a venerdì 10.00-12.30 e 15.00-18.00; sabato e domenica 15.30-20.00. Lunedì chiuso.
Ingresso: 3 euro

Per informazioni:
Cooperativa Alef
Tel.: 0382/24376
E-mail: info@alefcoop.it
 
 
Pavia, 07/03/2005 (2759)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool