Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 22 settembre 2019 (263) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Il romanzo di Baslot
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 2413 del 16 novembre 2004 (5353) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Paesaggi
Particolare della locandina della mostra

Prende avvio dal tema figurativo della finestra - che tanta fortuna ebbe fin dal Romanticismo - la mostra al Castello Visconteo di Pavia che verrà inaugurata il prossimo venerdì "Paesaggi - Pretesti dell'anima".

Una grande avventura dello sguardo percorre tutta l'arte figurativa dell'Ottocento. L'artista "spalanca le finestre" e quel che vede, o quel che immagina laddove lo sguardo non arriva, per la prima volta acquista valenza propria e si riempie di significati... la finestra è apertura dello sguardo sul mondo esterno e su quello interiore ed il paesaggio diventa paradigma di sensazioni, deposito di memorie, laboratorio dell'immaginazione: diviene "pretesto" dell'anima.

A questo affascinante soggetto, alle diverse visioni ed interpretazioni della natura, susseguitesi nella pittura italiana del XIX secolo, il Comune di Pavia dedica un'originale e ricca esposizione, ripercorrendo l'evoluzione dell'idea di paesaggio e degli stili di un intero secolo.

Curata da Carlo Sisi, direttore della Galleria d'Arte Moderna di Firenze, da tempo impegnato ad indagare questo tema, la mostra raccoglie un centinaio di opere emblematiche, provenienti dalle più importanti collezioni museali italiane, - dei principali artisti del tempo - da Morbelli, Zandomeneghi, Signorini, Fattori, Palizzi, Caffi, d'Azeglio, Fontanesi, Bertelli, Cammarano a Ciardi, Nomellini, Pellizza da Volpedo, Gigante, Inganni, Segantini, e tanti altri - proponendo un inedito viaggio nella geografia di un paesaggio divenuto "specchio dell'umana esperienza", fino a toccare - alle soglie del '900 - le inquietudini della moderna sensibilità.

'Lo studio del Pittore a Napoli', 1827 - Massimo d'Azeglio

Il percorso espositivo si sviluppa in sei sezioni tematiche: "Sguardi"- protagonista la finestra che, come ritaglio oggettivo della natura osservata, avvia una selezione di figure, moderne e anche storiche, che guardano il paesaggio -, "Mito e letteratura", "Stati d'animo", "Impressioni", "Le opere e i giorni" e "La città nel paesaggio, il paesaggio nella città", che chiude la mostra con l'intersezione di natura e insediamenti urbani - che accompagnano e guidano il visitatore in un excursus sull'evoluzione dei concetti e degli stili che si sono susseguiti nel corso dell'Ottocento.

Alla teoria neoclassica del "bello ideale" subentra la scoperta della ricchezza e della varietà della natura: così se "Lo studio del pittore a Napoli" di Massimo D'Azeglio rappresenta quasi simbolicamente "l'avvenuto innesto fra l'artificio e la natura" (sezione Sguardi), la rappresentazione di figure, moderne e anche storiche, intente a guardare il paesaggio in opere come La Pia de Tolomei di Stefano Ussi, il Ritratto di uomo nel bosco di Filippo Palizzi, Marina di Viareggio di Telemaco Signorini o il bellissimo e cruciale S'avanza di Angelo Morbelli, esprimono punti di vista e sentimenti che già anticipano le successive sezioni della mostra...

 
 Informazioni 
Dove: Castello Visconteo - Pavia
Quando: dal 20 novembre 2004 al 25 aprile 2005
Orari: mar.-ven.: 10.00-18.00, sab.-dom.: 10.00-19.00.
La biglietteria chiude una ora prima della mostra. Lunedì chiuso.

Ingresso: Il biglietto d'ingresso alla mostra consente anche di visitare le collezioni ottocentesche dei Musei Civici del Castello Visconteo: la Quadreria e la Donazione Morone.
Intero 8 euro; ridotto 6 euro - visitatori oltre 65 anni, ragazzi tra i 12 e i 18 anni, studenti universitari, disabili, soci con tessera FAI, Touring Club, Amici dei Musei, comitive min. 15 persone max 30; ridotto 4 euro - bambini tra i 6 e gli 11 anni, scolaresche medie inferiori e medie superiori, soci COOP. Gratuito - bambini fino ai 6 anni, scolaresche elementari, accompagnatori di scolaresca, accompagnatori di disabili che presentino necessità, gratuità di legge.

Per informazioni:
Call center: 02/89677703
 

La Redazione

Pavia, 16/11/2004 (2413)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool