Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 18 settembre 2020 (924) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Visita gratuita ai luoghi di San Riccardo Pampuri
» Un sabato al Museo per la Storia dell'Università
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» Lo sguardo di Maria
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
» Leonardo e la Via Francigena a Pavia
» Tracce
» Una chiesa-museo tra Rinascimento e Barocco
» A tu per tu con l’antico Egitto
» Loggetta Sforzesca
» Kosmos - nuovo polo museale dell'Università di Pavia
» A tu per tu con Atleti e Veneri
» 117 Visite Guidate al Museo della Certosa di Pavia
» Dai fondi oro ai leonardeschi
» Andiamo in cripta

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» Torna a Pavia il Mercatino del Ri-Uso
» Visita gratuita ai luoghi di San Riccardo Pampuri
» Un sabato al Museo per la Storia dell'Università
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Lo sguardo di Maria
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 2383 del 4 novembre 2004 (1972) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Week-end al museo
Una sala del Museo per la Storia dell'uUniversità

Nell'ambito dell'iniziativa "Week-end al Museo", promossa dal Sistema Museale della città di Pavia e della sua Certosa, proseguono fino al 21 novembre le visite guidate ai Musei dell'Università (Museo per la Storia dell'Università, Museo di Storia Naturale e Orto Botanico). E' un'occasione rara per poter ammirare nel fine settimana l'importante patrimonio di una delle collezioni universitarie più ricche d'Italia.

Il Museo di Storia Naturale, vero e proprio punto di riferimento per gli scienziati europei del Settecento e Ottocento, conserva un ingente patrimonio naturalistico di grande livello, sia sotto il profilo storico, sia dal punto di vista scientifico.
Istituito nel 1771 a sostegno dell'insegnamento della storia naturale, il museo è articolato in sezioni di tipologie diverse (zoologia, anatomia comparata e paleontologia), e raccoglie i reperti radunati da Lazzaro Spallanzani, il fondatore, e da altri illustri naturalisti, docenti dell'Ateneo, quali, tra gli altri, Giuseppe Balsamo Crivelli, Pietro Pavesi, Leopoldo Maggi e Torquato Taramelli.
Tra i reperti presenti in ostensione, prevalentemente preparati tassidermizzati di uccelli, pesci, rettili e mammiferi, vi sono esemplari provenienti da ogni parte del mondo, molti dei quali sono di specie rara o in via d'estinzione.

Il Museo per la Storia dell'Università, collocato nell'antica sede della Facoltà medica, è struttura di alto livello culturale che offre al visitatore un ammaestrativo panorama della storia dell'Ateneo Ticinese.
Vi sono raccolti numerosi strumenti, importanti per la Storia della Fisica, fra i quali si annoverano alcuni cimeli relativi ad Alessandro Volta e ai suoi studi sull'elettricità; di importanza storica è la raccolta di preparati dell'antico gabinetto anatomico che comprende anche le importanti cere anatomiche opera dell'artista Clemente Susini giunte a Pavia nel 1795 da Firenze. Molti sono anche gli strumenti scientifici e i manoscritti legati ai nomi, tra gli altri, di Antonio Scarpa, Alessandro Brambilla, Bartolomeo Panizza, Luigi Porta e del premio nobel Camillo Golgi.

L'Orto Botanico fu istituito nel 1773 a sostegno della didattica botanica in campo medico, ma con una ricerca sviluppata nell'ambito delle scienze naturali. Sotto la direzione di Giovanni Antonio Scopoli l'Orto assunse un assetto simile a quello attuale e divenne comparabile agli orti botanici più famosi dell'epoca per efficienza e ricchezza delle collezioni.
Attualmente si articola in superfici dedicate a collezioni di piante vive all'aperto, in un arboreto e in un sistema di cinque serre. Le collezioni sono in parte tematiche e in parte rappresentative di aree geografiche, e raccolgono anche specie che sono state o sono ancora importanti dal punto di vista economico, come la pianta del pepe o del tè oppure piante ormai scomparse in natura e conservate solo in pochi orti botanici di diverse nazioni.

Questo il calendario delle visite:

Domenica 7 novembre
Museo di Storia Naturale
Via Guffanti, 13 (zona via Riviera)
Ritrovo ore 15.00

Sabato 13 novembre
Museo di Storia Naturale
Via Guffanti, 13 (zona via Riviera)
Ritrovo ore 15.00

Domenica 14 novembre
Museo per la Storia dell'Università
Corso Strada Nuova, 65
Ritrovo ore 11.00. La visita è a cura della cooperativa Echo.

Domenica 14 novembre
Orto Botanico dell'Università
Via Scopoli
Ritrovo ore 15.00

Domenica 21 novembre
Orto Botanico dell'Università
Via Scopoli
Ritrovo ore 15.00


 
 Informazioni 
Per informazioni:
Tel.: 0382/986308
E-mail: centro.museo@unipv.it
 
 
Pavia, 04/11/2004 (2383)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool