Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 21 luglio 2019 (498) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Un capolavoro ritrovato
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» Festival di Musica Sacra
» "La nuit profonde"
» Contrasti nel Classicismo viennese
» Storia di un violino
» Fiori musicali per voce e pianoforte
» Festival del Ridotto
» I regali di Natale
» Una sola musica per Pavia e Russia
» La Vita che si Ama Tour
» Mario Biondi "Best of Soul Tour 2017"
» Edoardo Bennato al Vigevano Summer Festival
» Steve Hackett in tour a Vigevano
» Paola Turci a Estate in Castello
» Punti Critici in Concerto
» Messa di Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart
» Il Coro della Scala in duomo a Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Festival di Gypsy
» Up-to-Penice
» Swing and Jazz
» Note d'acqua
» River Love Festival
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Concerto di pianoforte
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Sacher Quartet, In viaggio con i Cetra
» Un capolavoro ritrovato
» Sentieri selvaggi, musica d'oggi al Borromeo
» Open Day al Vittadini
» Festival di Musica Sacra
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 2236 del 20 settembre 2004 (2207) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Metà a Belgioioso metà a Linarolo
Metà a Belgioioso metà a Linarolo

Titolo criptico per una realtà, in verità, molto semplice: Domenica 19 Settembre dovevo scegliere tra due concerti che si svolgevano nella stessa serata. Il fatto che uno cominciasse alle 21 e l'altro alle 22 e 30 mi ha evitato di dovermi dividere a metà.

In ogni caso, ho ascoltato una prima metà di concerto a Belgioioso e una seconda metà a Linarolo. Il titolo ha anche un secondo significato in quanto una parte del primo complesso, un tempo faceva parte del secondo.

Ancora più criptico? Va bene, vediamo di semplificare le cose.

Il gruppo che si esibiva a Belgioioso era il Mantovani's Kingdom e Enzo Mantovani, fondatore e guida carismatica del gruppo, sino a quest'inverno era il chitarrista dei Vat 69, il gruppo che si esibiva a Linarolo.

E' più chiaro adesso? Mantovani, in realtà, oltre ad essersi dedicato anima e corpo a questo impegnativo progetto, è anche entrato a far parte della Claudio Cabrini Band, rinnovando così un sodalizio che l'aveva visto già con Cabrini prima con i Crema e poi con i Piper Club.

Enzo Mantovani

Ma questo è "gossip"; torniamo alla musica. Enzo Mantovani è passato dalla chitarra al flauto e al violino intessendo, insieme agli altri componenti del suo Kingdom, preziosi merletti musicali in stile neo-medioevale. Questo modo di riproporre in chiave leggermente più moderna le musiche medioevali è stato inaugurato da Richie Blackmore, ex-chitarrista dei Deep Purple, che insieme alla moglie aveva fondato il Richie Blackmore Kingdom.

Mantovani ne ha seguito le orme, convincendo anche la moglie ad affiancarlo nell'impresa.

Sono state proposte, nella piazza prospicente il castello, canzoni come Avalon (l'isola magica abitata da streghe e fate) e Lorelay (la storia di una sirena dai capelli rossi) e il pubblico di Belgioioso ha mostrato di apprezzare battendo le mani a ritmo e, qualcuno, ha anche abbozzato qualche passo di danza.

Non c'è da stupirsi più di troppo perché, in fondo, le ballate medioevali sono stata la prima base del patrimonio musicale popolare. Dopo aver abbandonato le vecchie mura e la musica rinnovata, sono andato a Linarolo, al Coyote Ugly, dove nel frattempo era già iniziato il concerto dei Vat 69.

Anche lì, in fondo, si trattava di musica popolare: canzoni degli anni '60 rimaste nel cuore della gente e riproposte con entusiasmo dai fratelli Poma e compagnia.

Aldo Tagliaferri

Aldo Tagliaferri, il chitarrista che ha sostituito Mantovani nei Vat, si è ormai perfettamente integrato nel gruppo ed ha addirittura introdotto alcune nuove canzoni nel repertorio: un paio di brani dei Credence Clearwater Revival (che canta lui stesso, in quanto Gino Poma si rifiuta di cantare in inglese "Non sò l'Inglese e rischierei di dire delle castronerie…e mi darebbe molto fastidio" e un classico Guitar Boogie che lo vede protagonista.

Quando è arrivata mezzanotte ho abbandonato il campo: dovevo tornare a casa per scaricare le foto sul computer e scrivere questo articolo se volevo metterlo on-line con l'aggiornamento di Lunedì.

Mi sono diviso a metà… ma ne valeva la pena.

 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 20/09/2004 (2236)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool