Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 7 dicembre 2019 (409) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» Lo sguardo di Maria
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
» Leonardo e la Via Francigena a Pavia
» Tracce
» Una chiesa-museo tra Rinascimento e Barocco
» A tu per tu con l’antico Egitto
» Loggetta Sforzesca
» Kosmos - nuovo polo museale dell'Università di Pavia
» A tu per tu con Atleti e Veneri
» 117 Visite Guidate al Museo della Certosa di Pavia
» Dai fondi oro ai leonardeschi
» Andiamo in cripta
» I giorni di Ugo Foscolo a Pavia
» Serate d'estate in Castello
» "Gli Archeologi: De Chirico e la riscoperta dell'Antico"

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Lo sguardo di Maria
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
» Leonardo e la Via Francigena a Pavia
» Mercatino del Ri-Uso a Borgarello
» Tracce
» IT.A.CÀ
» Una chiesa-museo tra Rinascimento e Barocco
» Mercatino del Ri-Uso – Nuova Vita alle Cose
» A tu per tu con l’antico Egitto
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 2137 del 29 luglio 2004 (2268) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Piaceri di notte
Piaceri di notte

"Piaceri di notte" è l'accattivante titolo dell'insolito itinerario guidato che condurrà i visitatori a spasso nella storia tra "monasteri, postriboli e taverne".
La visita guidata proposta dalla cooperativa Progetti fa parte del ricco programma di Destatedisera 2004.

Partendo dalla celebre affermazione di Opicino de Canistris che racconta come a Pavia, nella prima metà del 1300 ci fossero ben 170 chiese, si dimostrerà che, accanto agli edifici dello spirito e della fede, trovavano in realtà spazio anche luoghi deputati a intrattenimenti più terreni.

Chiese e taverne, monasteri e bordelli sorgono a poca distanza nella geografia cittadina dal XIV al XVII secolo. Monache e meretrici sono vicine di casa in epoca viscontea quando il Malnido, il postribolo ufficiale della città, è collocato pressoché dirimpetto a Sant'Agata al Monte, convento di illustre fondazione longobarda che occupava la zona dell'attuale clinica Morelli.
Il problema del bordello cittadino è, in realtà, tra i più sentiti sullo scorcio del XIV secolo, quando, attraverso numerosi decreti, Gian Galeazzo Visconti cerca di regolamentarne l'attività, punendo severamente, ma senza troppa efficacia, chi osi esercitare al di fuori del luogo deputato e, soprattutto, si ingegna di dare al lupanare una collocazione che non scontenti nessuno.

Nel 1390 il duca dispone che il postribolo sia circondato da mura e vigilato da un custode, incaricato di "chiudere la bottega" al primo suono della campana della sera e di riaprirla al mattino.
Si dispone inoltre che le prostitute possano uscire solo indossando un mantello di fustagno bianco, accollato e lungo un braccio.

Sullo scorcio del secolo XIV, l'"istituzione" cittadina trova nuova collocazione in prossimità della porta San Giovanni in località Monte Cuccagna (oggi vicolo Dungallo) vicino la chiesa di San Primo e Feliciano. La zona era già sufficientemente malfamata perché ricettacolo di giocatori d'azzardo e donne di facili costumi.

L'intento è quello di relegare la casa di piacere in posizione periferica, tuttavia, dall'inizio del 1400 si cita anche un edificio in contrada Rovelecca quale ricettacolo di mercenarie, vale a dire nell'attuale via dei Liguri, proprio a due passi dalla Cattedrale. Coincidenza curiosa, non meno di quella per cui la nuova sede del bordello nel XV secolo è una casa in zona San Giovanni in Borgo (oggi area collegio Borromeo), che l'appaltatrice prende in affitto dalle monache di Sant'Andrea de'Reali.
Quest'ultima collocazione ha fortuna e ancora nella seconda metà del XVI secolo l'attuale via Perelli, che da Piazza Borromeo conduce a Porta Nuova, è denominata "Strata Postriboli". Non è un caso, infatti che proprio qui nel 1601 venga istituita la pia opera di Santa Margherita, centro di accoglienza per donne perdute determinate a cambiar vita.

 
 Informazioni 
Dove: ritrovo davanti a Santa Maria Gualtieri
P.zza della Vittoria - Pavia
Quando: mercoledì 4 agosto, ore 21.30
Partecipazione: gratuita

Per informazioni:
Cooperativa Progetti
Tel.: 0382/530150

 

Alessandra Viola

Pavia, 29/07/2004 (2137)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool