Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 14 novembre 2019 (189) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Un capolavoro ritrovato
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» Festival di Musica Sacra
» "La nuit profonde"
» Contrasti nel Classicismo viennese
» Storia di un violino
» Fiori musicali per voce e pianoforte
» Festival del Ridotto
» I regali di Natale
» Una sola musica per Pavia e Russia
» La Vita che si Ama Tour
» Mario Biondi "Best of Soul Tour 2017"
» Edoardo Bennato al Vigevano Summer Festival
» Steve Hackett in tour a Vigevano
» Paola Turci a Estate in Castello
» Punti Critici in Concerto
» Messa di Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart
» Il Coro della Scala in duomo a Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
» Festival di Gypsy
» Up-to-Penice
» Swing and Jazz
» Note d'acqua
» River Love Festival
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Concerto di pianoforte
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Sacher Quartet, In viaggio con i Cetra
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 2126 del 26 luglio 2004 (1796) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Francesca Ajmar - La classe...
Francesca Ajmar - La classe...

Il detto"La classe non è acqua" sarà forse un pò abusato, scontato e anche desueto; ma sicuramente è quello che meglio esprime il giudizio sulla terza serata della sezione Musicalia della rassegna Destatedisera 2004 (incontri, concerti, occasioni per stare insieme promossa dal Comune di Pavia), quella tenutasi venerdì 23 luglio (sempre in Piazza della Vittoria) con il concerto del quartetto di Francesca Ajmar.

Con questi 3 concerti (Pietro Bonelli Group, Vittadini Jazz Ensamble e F.A. Quartet), a cura dell'Istituto Vittadini, si è voluto evidenziare il buon lavoro che si sta facendo nel campo del Jazz con allievi ed insegnanti. Se tutti e tre i concerti sono stati di ottimo livello ed hanno avuto un attento e compiaciuto ascolto di pubblico, quest'ultimo appuntamento è quello che ha sicuramente raggiunto il risultato più rimarchevole.

Un repertorio elegante e raffinato (ed anche difficile, a livello di esecuzione sia vocale che strumentale, data la formula del trio). Un concerto durante il quale è stato possibile ascoltare standards jazz di alcuni tra i più importanti songwriter americani (da George Gershwin a Richard Rodgers, da Jerome Kern a Cole Porter).

Francesca Ajmar

Il quartetto era composto da Francesca Ajmar (voce), Michele Franzini (che ha sostituitoAntonio Zambrini al pianoforte), Tito Mangialajo Rantzer (contrabbasso) e Ferdinando Raraò (batteria).

Musicisti molto bravi (ho apprezzato molto il batterista) che mai, nel corso della serata, si sono lasciati andare ad inutili esibizioni di virtuosismo (pur avendone la possibilità e capacità); raffinati e dotati di buon gusto hanno saputo intessere un tappeto musicale che ha lasciato libere (pur sostenendole) le capacità vocali di Francesca Ajmar.

In più di un'occasione ho raccolto, tra il pubblico, commenti del tipo "...questa qui, con quella voce, fa quello che vuole...", "..ha un'intonazione spaventosamente perfetta.." e anche (da qui il titolo dell'articolo) in maniera più ruspante "..Eh, Sulàss, la class l'è nò acqua! Sénta che roba!".

 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 26/07/2004 (2126)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool