Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 22 settembre 2018 (458) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Cyberbullismo: il male sottile
» Cities for Life - Città per la Vita/Città contro la Pena di Morte
» Evviva la Repubblica
» Ecco la carta dei servizi e dei diritti per i Musei di Pavia
» Nasce Radio Local
» Treno Verde 2016
» Pavia ad HappyCube
» Un altro Sanremo alle spalle
» Minerva d'Artista
» Appesi a un filo, ma senza rassegnazione
» I Beatles in edicola
» Madagascar 3: Ricercati in Europa. Ma anche a Pavia...
» Chiusura dei cinema Corallo e Ritz
» InfoMatricole 2012
» Pavia-Innsbruck: un gemellaggio possibile?
» Una fiaccolata per sensibilizzare sull’autismo
» Buio in sala? Prima che i cinema chiudano anche a Pavia
» Oscar 2012!
» Sanremo 2012... e anche questo è andato!
» "Lucertolone" del Permiano scoperto ad Alghero

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Maratona fotografica
» Corso di acquarello naturalistico
» Antiche cultivar tradizionali locali lombarde ortive
» The Big Draw
» Merenda di fine estate
» Notte dei pianeti con eclissi totale della luna
» Al Giardino delle farfalle
» Passeggiata nel bosco
» Via degli Abati
» Settimana del giovane naturalista
» Il fantastico mondo degli insetti
» Visite al Museo della Bonifica
» Festa del Roseto
» Passeggiata cinofila notturna
» Festa dell'Oasi Lipu
 
Pagina inziale » Ambiente » Articolo n. 2054 del 28 giugno 2004 (2681) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Un nuovo parco in città
Un nuovo parco in città

Un nuovo parco urbano si affaccia nel panorama dei giardini pubblici di Pavia.
Presentato sabato mattina, il rinato Giardino del Convento di San Giacomo della Vernavola - noto ai più come ex Istituto Geofisico- aprirà i suoi cancelli dal primo di luglio.

"L'idea era nell'aria da tempo - commenta il sindaco Andrea Albergati - dall'insediamento di questa giunta che sempre avuto tra i propri obiettivi il recupero e la fruibilità da parte del pubblico di diverse aree della città.
Un'adeguata piantumazione, la ripavimentazione dei sentieri e l'attivazione della collaborazione con il Corpo Forestale dello Stato, che divide con il Comune questo spazio, sono state le prime opere effettuate dall'Amministrazione per poter restituire alla cittadinanza un luogo di pregio non solo naturalistico, ma anche storico: un giardino di estensione pari al Parco del Castello Visconteo, che potrà sia essere sfruttato come parco pubblico, sia valorizzato quale sede di iniziative culturali e didattiche.

Un momento della presentazione

All'interno della cinta muraria si estende un polmone verde delle dimensioni di 5 campi da calcio, un parco concepito con un sistema di gestione e di utilizzo del verde pubblico più mirato: "Il tracciato dei sentieri - spiega l'assessore all'Ambiente Angelo Zorzoli - è stato recuperato dalle vecchie carte dell'Orto dei franti che hanno occupato il convento e attorno ai sentieri sono sì state posizionate alcune panchine e una fontanella, ma non abbiamo previsto, ad esempio, attrezzature di gioco per i bambini, non solo perché a pochi metri da questo giardino è stato recentemente inaugurato un nuovo parco giochi, ma soprattutto perché la fruizione che si vuol offrire di questo parco è diversa..."

Così, per scelta dell'Amministrazione, è stato conservato integralmente il vicino boschetto che, attraversato da un tratto della roggia Vernavola, offre un angolo davvero "naturale" ricco in specie animali e vegetali, e anche per la ripiantumazione dell'area - che in parte verrà destinata a frutteto sperimentale (così come doveva essere due secoli fa) e che ospiterà quindi meli, peri e ciliegi selvatici - sono state impiegate essenze rigorosamente autoctone: agli ippocastani centenari e alla vecchia farnia si affiancano così, sorbi, carpini e bagolari (Celtis australis, nella varietà originaria della zona), ma non solo..

Data l'importanza storica e monumentale del luogo, già citato in documenti datati 1230, il parco è, e sarà, in continua evoluzione. In quella che è stata la sede del sismografo è prevista la realizzazione di un museo che ne racconterà e ne illustrerà la storia, mentre il frutteto e l'intero parco potranno essere sfruttati dalle scuole come aree didattiche, dove all'educazione ambientale potrà accompagnarsi perfino l'archeologia... il Comune sta infatti pensando di riservare una porzione del giardino a scavi archeologici sperimentali che potrebbero riportare alla luce le vecchie mura e il pozzo del convento.

 
 Informazioni 
Dove: Viale Campari - Pavia
(Ex Istituto Geofisico)
Ingressi pedonali laterali da via Santo Spirito e da Strada Cascina Spelta (parcheggio Coop)
Quando: il parco sarà aperto dal 1° luglio 2004, con i seguenti orari: 8.00-20.00 (orario estivo), 9.00-18.00 (orario invernale)
 

Sara Pezzati

Pavia, 28/06/2004 (2054)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool