Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 21 novembre 2019 (235) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Un capolavoro ritrovato
» Festival di Musica Sacra
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» "La nuit profonde"
» Contrasti nel Classicismo viennese
» Storia di un violino
» Fiori musicali per voce e pianoforte
» Festival del Ridotto
» I regali di Natale
» Una sola musica per Pavia e Russia
» La Vita che si Ama Tour
» Mario Biondi "Best of Soul Tour 2017"
» Edoardo Bennato al Vigevano Summer Festival
» Steve Hackett in tour a Vigevano
» Paola Turci a Estate in Castello
» Punti Critici in Concerto
» Messa di Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart
» Il Coro della Scala in duomo a Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
» Festival di Gypsy
» Up-to-Penice
» Swing and Jazz
» Note d'acqua
» River Love Festival
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Concerto di pianoforte
» Patti Smith a Pavia
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 1900 del 10 maggio 2004 (1594) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
La sorpresa di Carvin Jones
La sorpresa di Carvin Jones

Concerto ''a sorpresa'' d'eccezione, Domenica sera (10 Maggio) a Spaziomusica. Catturata una data libera in mezzo al tour, si è presentato sul palco Carvin Jones.
Non mi sono mai divertito tanto ad un concerto!!
Uno show incredibile, esaltante, coinvolgente, spupefacente, esaltante!

Carvin Jones è la quintessenza dello showman, ma è anche un chitarrista incredibile: l'erede naturale di Jimi Hendrix (e di Stevie Ray Waughan). Non un emulatore, ma un genuino prosecutore di quello stile chitarristico rock-blues che ha caratterizzato le due "stelle" di cui sopra.
Nel suo repertorio spazia dai Cream ad Albert Collins, passando per il blues di Stevie Ray Vaughan e dall'immancabile Jimi Hendrix: sulle note di Voodoo Child la suggestione è notevole.
La Fender Stratocaster sembra un giocattolo tra le "manone" di questo fenomeno che ne estrae una quantità impressionante di suoni che ti sommergono come un'onda inarrestabile, Si rimane sopraffatti dalla massa di suono e note che Carvin ti rovescia addosso. Un'ora e quaranta ininterrotta di musica: Carvin non lascia spazi vuoti e un attimo di respiro e con la nota conclusiva di un brano inizia già quello successivo.

Sembra che abbia già fatto e suonato tutto il possibile...ed ecco che ricomincia con nuove evoluzioni musicali: suona la chitarra in ogni modo, stando in equilibrio a testa in giù, con i piedi, con la bocca, scende dal palco e suona in mezzo al pubblico sciabolando con il manico della Stratocaster a due millimetri dal tuo viso a dalla tua testa, padrone di una tecnica e di una velocità d'esecuzione straordinarie.

Attenzione, però: sotto questo show, quasi circense, si mimetizza un musicista davvero unico.

Il bassista William Troxill è un "monolite" ritmico (anche se si lancia in un "assolo" di basso effettato e il granitico batterista Ted McCumber, per non essere da meno del suo leader, imbastisce uno spettacolino suonando un"assolo" che continua passando dalla batteria a qualsiasi oggetto incontri, comprese sedie e bicchieri degli spettatori che coinvolge girando in mezzo alla platea. In conclusione di serata si alternerà con Pino "Mistico" Liberti alla batteria.

Ma questo fenomeno di Carvin Jones, da dove arriva?
Carvin nasce a Lufkin, Texas, nel giugno 1966; all'età di 11 anni, impressionato e sedotto dalla musica di B.B. King, decide che anche lui un giorno vuole essere cosi bravo. come quel signore sulla copertina del disco.
Diviene musicista professionista nel 1991 e da allora calca le scene nazionali e internazionali ben più di 3000 volte (il concerto numero 3000 e stato l'11 febbraio 2000) dividendo il palco con leggende viventi come B.B.King, Santana, Albert Collins, Joe Cocker, The Faboulus T'birds.
Molti di questi artisti hanno speso parole di elogio per Carvin; Eric Clapton dopo aver visto un concerto di Carvin: "….é lui l'astro nascente tra i chitarristi blues". A dare ancora più credito a queste affermazioni ha contribuito l'inserimento di Carvin Jones nella classifica dei migliori chitarristi di tutti i tempi stilata dall'autorevole mensile americano "Guitarist" nel numero di gennaio 2001.
Da 2 anni la Carvin Jones band ha iniziato a girare l'Europa con tour di successo in Inghilterra e nel marzo scorso con il leggendario Buddy Miles (Band Of Gypsie) come ospite speciale in Italia, Germania, Belgio. Nell'estate 2002 ha suonato come "Carvin Jones & Double Touble", andando a ricoprire il ruolo dello scomparso Stevie Ray.
La Carvin Jones Band ha all'attivo 6 cd. Ne ho ascoltato uno a caso, Hot As Hell, in cui la maggior parte dei brani porta la firma di Jones, e ho ritrovato la stessa potenza dello show, moderata però dalla tranquillità dello studio. Anche privi della sua immagine istrionica, i brani rendono comunque giustizia alla sua bravura chitarristica, spogliata degli eccessi che rendono lo show simile all'impatto con un TIR in corsa.

 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 10/05/2004 (1900)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool