Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 22 settembre 2020 (851) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Festa dell'Albero 2019
» Gioca d'anticipo!
» Scienziati in prova
» Lavanda e farfalle...
» Filippo Solibello, Stop plastica a mare
» Alla Ricerca della Carta Perduta
» Caccia al tesoro in Gipsoteca
» Pint of Science
» Pavia Plastic Free... liberiamo la città dalla plastica
» Festival della Filantropia
» CineMamme: al cinema con il bebè
» #quandocaddelatorrecivica
» M'illumino di meno"-Edizione 2019
» Laboratorio di calligrafia
» Natale al Broletto
» Vallone Social Crew
» Scienziati in Prova
» Villa Necchi: “Luoghi del Cuore"
» Settimana del giovane naturalista
» Scienziati in Prova - L'impatto della Scienza sullo Società

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Nel nome del Dio Web
» Incontro al Caffè Teatro
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Gran Consiglio (Mussolini)
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 1853 del 23 aprile 2004 (1976) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
25 aprile al cinema in piazza
25 aprile al cinema in piazza

Perché è importante esserci.
Perché è un modo differente di ricordare. Perché al di là delle dovute celebrazioni esiste un modo davvero sentito di tornare a quei tragici anni.

Ed è per la prima volta quest'anno, ma speriamo diventi una consuetudine, che il Comune di Pavia, settore cultura organizza per la serata del 25 aprile, inizio alle 20 e 30, in collaborazione con cie attività culturali e cinetica film club la proiezione in piazza di due grandi film legati al dopoguerra italiano: Roma città aperta e Scano Boa-Violenza sul fiume.

"La storia del cinema si divide in due ere: una prima e una dopo Roma città aperta".
Questa frase di Otto Preminger, rende l'idea di un film, ancora una volta, "bigger than life", più grande della vita e che, proprio per questo, non conobbe, all'inizio, un facile successo.
La trama è nota: nella Roma occupata dai nazisti si intrecciano le vicende di alcuni personaggi fortemente archetipici, la popolana Pina, interpetata da una memorabile Anna Magnani, Francesco, il suo uomo, un tipografo impegnato nella Resistenza, l'ingegnere comunista Manfredi, Marcello Pagliero, la sua amante collaborazionista, Maria Michi, e il sacerdote Don Pietro, Aldo Fabrizi, fino ad allora attore di avanspettacolo, ma introdotto, proprio da Fellini, co-sceneggiatore del film, nel suo primo ruolo drammatico.

Ispirato alla vicenda reale di Don Luigi Morosini, un parroco di borgata protettore e vicino al movimento partigiano, Roma città aperta è, e rimane, a distanza di quasi sessant'anni, un capolavoro, una pietra miliare della storia del cinema mondiale. Film simbolo del neorealismo, realizzato nei momenti immediatamente successivi alla liberazione, in una Roma ancora semidistrutta, su set precari e utilizzando pellicola scaduta, il film di Rossellini reagisce, col suo stile semplice ed immediato a tanti anni di retorica fascista opponendo "ad una tradizionale ipocrisia la sincerità ed il desiderio di mettere gli uomini al cospetto della realtà così com'è". Poi alle 22.30 circa sarà la volta di Scano Boa - Violenza sul fiume, regia di Renato Dall'Ara, Italia 1961.

Presentato "in anteprima" (strano per un film del sessantuno, no? Ma voi provate a cercarlo su qualche Storia del Cinema o anche sul Mereghetti... eppoi mi direte!) all'ultimo Festival di Locarno l'estate scorsa, eppoi rivisto questo marzo al Bergamo Film Meeting Scano Boa - Violenza sul fiume "sbarca" anche a Pavia in occasione di questo strano, cinefilo, originale 25 aprile in piazza.

Ma perché proprio Scano Boa in occasione di questa celebrazione?
Beh, prima di tutto perché Scano Boa è un bel ritratto dell'Italia appena uscita dal secondo dopoguerra colle sue campagne, disegnate dai pioppeti, le sue città, che formicolano vita e tentativo ingenuo di ripresa, le sue sacche impensabili di sottosviluppo, come l'isola di Scano Boa sul delta del Po, dove un gruppo sparuto e chiuso di poveri pescatori si contende, a colpi di "sogni premonitori", la cattura dei pochi storioni rimasti in laguna.
Eppoi perché, insieme al classicissimo Roma città aperta, la presentazione a Pavia in anteprima Lombarda per questo film, se si eccettua l'ambito festivaliero del Meeting, ci pareva una chicca alla quale era davvero difficile sottrarsi.

Ma come mai questo film è così immeritatamente e prematuramente scomparso nella storia del cinema? Lo ha spiegato Francesco Corti della Cinematografica Lombarda, una bella figura di produttore d'altri tempi, che, proprio a Bergamo ha commosso il pubblico in sala con i ricordi dei problemi, delle tensioni, delle difficoltà, che il film dovette affrontare e del tracollo finanziario, causato dallo sforamento di budget, cui portò la sua uscita.

Dunque, pur contando sulla partecipata recitazione di Alain Cuny (lo Steiner della Dolce vita) e di una dolce, giovanissima Carla Gravina, ancora acerba, certo, ma forse proprio per questo così interessante, e, tra l'altro, probabilmente nella migliore interpretazione della sua vita, Scano Boa non ebbe il successo commerciale, che avrebbe meritato.
Di qui l'ostracismo, l'oblio, e, dopo più di quarant'anni, la riscoperta grazie all'interessamento della distribuzione indipendente Lab80 Film e della Cineteca Italiana.

 
 Informazioni 
 

Roberto Figazzolo

Pavia, 23/04/2004 (1853)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool