Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 14 dicembre 2019 (229) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» Lo sguardo di Maria
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
» Leonardo e la Via Francigena a Pavia
» Tracce
» Una chiesa-museo tra Rinascimento e Barocco
» A tu per tu con l’antico Egitto
» Loggetta Sforzesca
» Kosmos - nuovo polo museale dell'Università di Pavia
» A tu per tu con Atleti e Veneri
» 117 Visite Guidate al Museo della Certosa di Pavia
» Dai fondi oro ai leonardeschi
» Andiamo in cripta
» I giorni di Ugo Foscolo a Pavia
» Serate d'estate in Castello

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» Lo sguardo di Maria
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
» Mercatino del Ri-Uso a Borgarello
» Leonardo e la Via Francigena a Pavia
» Tracce
» IT.A.CÀ
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 1826 del 13 aprile 2004 (4692) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Farmacie storiche
Farmacie storiche

Domenica prossima appuntamento con gli "Amici dei Musei Pavesi", che invitano la cittadinanza a partecipare all'originale visita guidata proposta nell'ambito dei "Percorsi in Pavia antica".

Paola Casati, presidente dell'associazione Amici della Ceramica, guiderà i partecipanti alla scoperta di alcune Farmacie storiche: un viaggio indietro nel tempo tra vecchi mortai, vasi di ceramica, bottiglie di vetro e arredi antichi dal valore storico di quelle che furono le "botteghe dell'Arte dei Medici e Speziali", dove si preparavano e vendevano medicinali...

Si parte da Strada Nuova, al civico 16, con la farmacia Tonello. Qui si possono ammirare il bellissimo bancone ad angolo, con piano d'appoggio interamente a mosaico datato anni '20, e l'antica scaffalatura in legno da cui si affaccia una splendida collezione di vasi dell'800. Tra i decori della cornice, spicca, proprio di fronte all'ingresso, un medaglione dorato raffigurante Dante Alighieri. Tra le curiosità di questa farmacia, un'antica bilancia, un mortaio d'ottone e un registro per veleni di fine '800.

Si risale poi lungo Strada Nuova, fino all'incrocio con via Varese, dove si trova la farmacia Rovello, istituita con imperiale patente di Maria Teresa nel 1749.
L'arredo risale al 1880, quando la farmacia venne collocata nella sua seda attuale di Palazzo Arnaboldi. Ideati e costruiti dal noto ebanista Magnaghi, capo della scuola professionale di Pavia, gli armadi sono finemente decorati nella porzione terminale, caratterizzata da un orologio, su di un lato, e da un barometro, sull'altro, entrambi sostenuti da una coppia di draghi. Vasi di vetro e un'antica bilancia da farmacista contribuiscono al fascino di questo esercizio.

Si passa successivamente alla farmacia Pedotti, ubicata in un edificio d'epoca medievale, al numero 25 di Corso Garibaldi.
Eleganti capitelli corinzi dorati, a sostegno di un architrave decorato, caratterizzano la boiserie che riveste le pareti. La parte bassa dell'arredo è costituita da una cassettiera, dove ogni cassettino reca l'incisione del nome dell'essenza che custodiva. Ad impreziosire ulteriormente l'interno sono i vasi di porcellana dell'800 e l'antico registratore di cassa.

Sempre in Corso Garibaldi, l'ultima farmacia protagonista del tour cittadino. Si tratta della farmacia San Michele che affascina già dal suo ingresso: tre le porte di accesso con vetri decorati in stile liberty che raffigurano un putto, circondato e in parte avvolto da intreccio di foglie, reggente una coppa con serpente (a rappresentare il Colubro di Esculapio, dio greco della salute, considerato simbolo della Salute e della Medicina).
Il mobilio - parte del quale, il retro per la precisione, venne riutilizzato per l'arredo della farmacia Petrarca - risale alla fine dell'Ottocento. Vetri, smerigliati e anch'essi decorati da un semplice motivo liberty, caratterizzano le ante degli armadi. Degno di nota anche l'orologio scolpito nel legno di ciliegio.

Un'occasione da non perdere per poter aprezzare ciò che spesso, purtroppo, cattura la nostra attenzione solo per pochi istanti...

 
 Informazioni 
Dove: ritrovo davanti alla farmacia Tonello
Strada Nuova, 16 - Pavia
Quando: domenica 18 aprile, ore 10.00

Per informazioni:
Libreria Fox book
C.so Mazzini, 2 - Pavia
 

Sara Pezzati

Pavia, 13/04/2004 (1826)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool