Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 21 gennaio 2020 (192) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Oltre lo sguardo
» Looking for Monna Lisa
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» La Storia organaria di Pavia
» Postazione 23
» Libri al Fraccaro
» Il "Duchetto" di Pavia
» La cospirazione dei tarli
» Il telero di Tommasi Gatti restaurato
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Canti e storie nel bosco incantato
» La notte dei cantastorie
» Oltre lo sguardo
» L'altro Leonardo
» Looking for Monna Lisa
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 1825 del 13 aprile 2004 (3490) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Paesaggi fantastici
Un quadro di Cei (particolare)

Siamo purtroppo abituati ai deliri architettonici contemporanei, ai progetti di aree prossime ad essere stravolte dall'impeto creativo e lucrativo della speculazione alleata all'architetto di fama.

Il risultato - Milano Bicocca valga come caso esemplare - è un incubo urbano senza verde, senza spazi comunitari, senza una dimensione ragionevole e ragionata.

Per contrasto, i "Paesaggi fantastici" (ma preferirei chiamarle "città ideali") di Cei sono progetti di un sogno, di un'idea. Sono visioni di una fantascienza anti-classica, che riprendono l'idea rinascimentale di una città priva di viventi, perfetta e inanimata. Ma al contrario dei dipinti di Laurana o dei progetti dell'Alberti, tutti controllati dalla ratio mathematica, i quadri di Cei esprimono la libertà e la fantasia di un sognatore ancora bambino.

La fascinazione per i colori, le forme, i materiali e la loro composizione domina su ogni altro criterio.

Sono i progetti di un architetto ludico e spensierato, che ha nel piacere di comporre e creare la ragione essenziale della sua arte.
O forse si tratta - più semplicemente - della rielaborazione onirica e personalissima dei bei paesaggi urbani in cui abbiamo la fortuna di vivere, a Pavia come in tante città-gioiello della provincia italiana.
E Luigi Cei - nella mostra organizzata in collaborazione con la associazione pavese "Amici dell'Arte" - ci ripropone, dopo averli scomposti e reinventati, scorci delle nostre città, sintesi di una lunga storia che si è accumulata e stratificata dal medioevo ad oggi.

 
 Informazioni 
Dove: c/o Libreria Cardano
Via Cardano, 48 - Pavia
Quando: dal 16 al 30 aprile 2004
 

Gianluca Introzzi

Pavia, 13/04/2004 (1825)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool