Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 17 novembre 2019 (262) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Un capolavoro ritrovato
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» Festival di Musica Sacra
» "La nuit profonde"
» Contrasti nel Classicismo viennese
» Storia di un violino
» Fiori musicali per voce e pianoforte
» Festival del Ridotto
» I regali di Natale
» Una sola musica per Pavia e Russia
» La Vita che si Ama Tour
» Mario Biondi "Best of Soul Tour 2017"
» Edoardo Bennato al Vigevano Summer Festival
» Steve Hackett in tour a Vigevano
» Paola Turci a Estate in Castello
» Punti Critici in Concerto
» Messa di Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart
» Il Coro della Scala in duomo a Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
» Festival di Gypsy
» Up-to-Penice
» Note d'acqua
» Swing and Jazz
» River Love Festival
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Concerto di pianoforte
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Sacher Quartet, In viaggio con i Cetra
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 1622 del 28 gennaio 2004 (2168) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Il jazz di Paul Jeffrey
Il jazz di Paul Jeffrey

L'Invidia Suite Club presenta un eccezionale concerto: quello del Paul Jeffrey Sextet (Paul Jeffrey, Tullio Ricci, Maurizio Carugno, Alberto Bonacasa, Roberto Piccolo, Massimo Pintori) in The Spirit of Jazz, un progetto originale con arrangiamenti per tre sassofoni delle musiche di Thelonious Monk, Charlie Mingus e Joe Henderson.

L'ensemble, fondato da Paul Jeffrey nel 2000, composto da un organico di 3 saxofoni e sezione ritmica, è un gruppo di grande spettacolarità ed impatto sonoro con un repertorio che percorre lo swing passando attraverso il main stream e giunge sino ai nostri giorni: comprende composizioni originali, nonché una personale rilettura dei classici di sempre (tra gli altri Cole Porter, George Gershwin, Duke Ellington, Thelonious Monk, Charlie Mingus, Joe Henderson), arrangiati dallo stesso Jeffrey.

L'orchestra vanta al suo interno musicisti professionisti attivi in campo jazzistico sia in Italia che all'estero; l'ascoltatore jazzisticamente più preparato apprezzerà di questa orchestra la raffinata ricerca del rigore musicale con uno sguardo alle attuali evoluzioni del Jazz, senza però smentirne l'origine, mentre il semplice appassionato ritroverà la familiarità melodica dei grandi temi della tradizione jazzistica americana.

Il nome di Paul Jeffrey è soprattutto legato a due tra le più illustri figure del jazz e della sua storia: Thelonious Monk e Charlie Mingus.
Con Monk ha suonato a lungo militando nella sua band, mentre con Mingus ha collaborato in veste di arrangiatore (ne ha curato gli ultimi 3 dischi) oltre che di strumentista negli ultimi anni d'attività del grande contabbassista scomparso. Va ricordato comunque che Paul Jeffrey, nella sua carriera di sassofonista, ha suonato con Dizzy Gillespie, Max Roach, Charlie Rouse (di cui è stato allievo), Rollins e, persino, Charlie Parker.

Serata di alto livello e di sicuro interesse.

 
 Informazioni 
Quando: domenica 1 febbraio, alle 22.30
 

Furio Sollazzi

Pavia, 28/01/2004 (1622)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool